chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Le origini dei sentimenti contro Haiti nella Repubblica Dominicana

The border between Haiti and the Dominican Republic. Photo by Alex Proimos, republished under Creative Commons License, and taken from original NACLA post.

Il confine tra Haiti e la Repubblica Dominicana. Foto di Alex Proimos, pubblicata con la Creative Commons License, e tratta dall'articolo originale del NACLA.

Questo articolo di Amelia Hintzen è stato originariamente pubblicato [en, come tutti i link seguenti, salvo diversa indicazione] sul sito internet del NACLA ed è ripubblicato qui come parte di un accordo sulla condivisione di contenuti. 

Mercoledì 17 giugno è scaduto il termine per gli immigrati e le persone di origine haitiana per archiviare le pratiche con il governo dominicano al fine di provare il loro diritto legale di risiedere nel Paese. Questa situazione ha conseguenze sui nuovi immigrati senza documenti, così come su tutti quei dominicani che non riescono a provare di essere nati nella Repubblica Dominicana e che i loro genitori vi risiedevano legalmente.

Stando a quel che si dice, il dipartimento dell'immigrazione ha addestrato i suoi funzionari a compiere deportazioni, e molti dominicani di origine haitiana hanno paura di essere obbligati a lasciare l'unico Paese che conoscono. Sebbene il governo abbia affermato che non darà avvio a deportazioni su larga scala [es], le stimate decine di migliaia di dominicani di discendenza haitiana che non hanno ancora il diritto alla cittadinanza devono affrontare un futuro incerto. Tra le critiche internazionali, il governo dominicano ha ripetutamente sostenuto di avere il diritto di determinare a chi spetti la cittadinanza.

Può sembrare facile inquadrare queste azioni all'interno di un'escalation degli antichi livori—che sono in un certo senso l'inevitabile risultato di una sanguinosa faida tra le due nazioni risalente all'occupazione haitiana della Repubblica Dominicana dal 1822 al 1844—ma la storia è ben più complessa. Accettare una tale linea di pensiero non fa altro che perpetuare un racconto creato da Rafael Trujillo, uno dei dittatori più brutali del Paese. Trujillo, che ha governato la Repubblica Dominicana dal 1930 fino al suo assassinio nel 1961, usava l'ideologia anti-haitiana per radunare il consenso dei dominicani attorno alla sua dittatura, affermando che il suo pugno di ferro era necessario per proteggere la nazione dalla nuova minaccia dell'invasione “passiva” degli immigrati haitiani. Nel 1937 ordinò il massacro di un numero stimato tra i dieci e i ventimila haitiani che vivevano al confine.

Mentre questo avvenimento viene spesso citato come evidenza del conflitto irreprimibile tra i due Paesi, un precedente tentativo di Trujillo di compiere deportazioni di massa fallì per l'opposizione delle comunità locali alla presa di mira illegale degli immigrati haitiani. In effetti, haitiani e dominicani vivevano insieme in tutto il Paese, ed erano spesso apertamente contrari ai tentativi del governo centrale di intervenire nelle loro vite. Entrambi i Paesi disponevano di un numero limitato di strade asfaltate e di vie di comunicazione, e i contadini haitiani e dominicani avevano in comune tra di loro molto più di quanto potessero avere con l'élite, percepita invece come distante. Lontano dall'essere espressione di un sentimento popolare anti-haitiano, il massacro orchestrato da Trujillo era un tentativo di guastare la relazione di lunga data tra haitiani e dominicani, che limitava il suo potere sul Paese.

Il dittatore, comunque, non poté rimuovere completamente la popolazione haitiana dal Paese. Lo zucchero era uno dei principali prodotti di esportazione del Paese, e gli haitiani costituivano la colonna vertebrale della forza lavoro di questa industria. Di fronte a questa contraddizione, il governo Trujillo cominciò a isolare gli immigrati haitiani presenti in tutto il Paese, forzandoli a trasferirsi nelle piantagioni di canna da zucchero. Il governo dovette affrontare la confusione e la resistenza dei membri della comunità, i quali si opposero al trasferimento forzato dei loro vicini. Ciò nonostante, i funzionari governativi esercitarono pressione sui proprietari per fare loro sfrattare gli haitiani, e minacciarono di trattenere i documenti per l'immigrazione finché i migranti haitiani non si fossero trasferiti. Segregando gli haitiani nelle piantagioni di cotone, il regime di Trujillo cominciò a cancellare la lunga storia delle comunità haitiano-dominicane sull'isola di Hispaniola.

Il tentativo del governo di isolare gli immigrati haitiani e i loro bambini, incrementò solo quando uno degli architetti dell'ideologia anti-haitiana, Joaquin Balaguer, fu eletto alla presidenza nel 1966. Balaguer istituì politiche che permettevano agli immigrati haitiani di risiedere unicamente nelle piantagioni e di lavorare solo come tagliatori di canna da zucchero. All'inizio di ogni raccolto di canna da zucchero, l'esercito e la polizia nazionale avrebbero cercato haitiani nel Paese e li avrebbero trasferiti forzatamente nelle piantagioni, anche se questi fossero stati in possesso di documenti in regola. Inoltre, gli immigrati trovati senza documenti erano spesso obbligati a recarsi in una piantagione, senza comunque che il governo regolarizzasse il loro status. Durante questo processo, agli occhi dello Stato dominicano la regolarità degli immigrati haitiani si basò solo più sulla loro localizzazione e occupazione e diventò slegata dai loro documenti. Sia Tujillo che Balaguer credevano che se avessero potuto contenere gli haitiani all'interno delle piantagioni, questi avrebbero potuto contribuire al benessere economico della nazione dominicana senza essere riconosciuti come parte di essa.

Sebbene la maggior parte dei dominicani sia di origine africana, Balaguer sosteneva che dopo la decimazione della popolazione indigena la Repubblica Dominicana fosse stata ripopolata da bianchi di origine Ispanica. Secondo lui, i tratti africani presenti nella popolazione dominicana erano il risultato dell'infiltrazione haitiana nel Paese. Data la sua paura di “contaminazione” razziale, Balaguer diventò sempre più preoccupato per il fenomeno dei dominicani nati da genitori haitiani. Negli anni '70, commissionò numerose investigazioni sulla questione e molti funzionari governativi lo informarono che il governo non poteva deportare i dominicani di origine haitiana, perché essendo nati nella Repubblica Dominicana, ai sensi della costituzione erano cittadini dominicani. Tuttavia, molti di loro non ricevettero mai i loro certificati di nascita ufficiali, essendo nati in piantagioni lontane da centri di sanità.

Negli anni 90, quando l'industria dello zucchero cominciò a fallire, la popolazione haitiana non poté più essere segregata così facilmente, e quindi il governo cominciò a cercare basi legali per rimuovere con validità retroattiva i diritti di cittadinanza dei dominicani di origine haitiana. Nel 2013, la corte costituzionale dominicano ha decretato che tutte le persone nate da genitori haitiani dopo il 1929 avrebbero potuto perdere la loro cittadinanza, violando apertamente il principio di irretroattività sancito nella costituzione dominicana. In un piano ideato dopo la decisione, ai residenti è stato accordato tempo fino al 17 giugno 2015 per provare il loro regolare permesso di soggiorno. Oltre alle difficoltà che molti dominicani hanno dovuto affrontare per fornire la documentazione, come compiere lunghe distanze, ci sono state lamentele diffuse circa i lunghi ritardi e i requisiti discordanti.

Le azioni del governo dominicano non sono solo tentativi di proteggere la loro sovranità, così come loro sostengono. Al contrario, queste potenziali deportazioni sono il risultato di decine di anni in cui le politiche governative sui clandestini non hanno basato il diritto di residenza legale sulla documentazione ufficiale, ma sul luogo in cui i migranti risiedevano e sul lavoro che essi svolgevano. Affermazioni sul fatto che dominicani e haitiani non possono convivere ignorano come l'ideologia anti-haitiana sia stata imposta per servire gli obiettivi di un dittatore. Inoltre, anche oggi, ci sono dominicani che fanno sentire la propria voce contro queste ingiustizie e ci sono comunità dove haitiani e dominicani convivono e si mescolano.

Amelia Hintzen è una dottoranda in storia all'Università di Miami. La sua tesi di dottorato esamina la storia delle comunità di immigrati haitiani nelle piantagioni di canna da zucchero dominicane e combina ricerca archivistica, etnografica e di storia orale.

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.