chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Le perline di Buddha che portano milioni ai contadini del Nepal centrale

Monk's prayer beads, Sera Monastery. Image by Flickr user Swetha R. Used under a CC license BY-ND 2.0

Rosari per la preghiera dei monaci, monastero di Sera. Foto dell'utente Swetha su Flickr R. CC 2.0.

Una tipologia speciale di pianta proveniente dal Nepal centrale, i cui semi vengono utilizzati per produrre un certo tipo di rosari buddisti, sta entusiasmando i buddisti e i botanici di tutto il mondo, ed è stata descritta come nuova specie: Ziziphus budhensis.

Un articolo di ricerca [en] dell'Indian Journal of Plant Sciences di Khem Raj Bhattarai e Mitra Lal Pathak afferma:

The seeds are highly valued and are used to make garlands. The garlands made by beads are used by Buddhist people for worship to ‘delight Lord Buddha’ and for spiritual peace and locally called Bodhichita. Smaller seeds are more highly prized than larger ones, and a garland of 108 beads of high values seeds costs up to 80 thousand Nepalese Rupees (ca. $800).

I semi hanno grande valore e sono utilizzati per produrre rosari di perline che vengono utilizzati dai buddisti per venerare il Signore Buddha e per la pace spirituale, e in gergo locale vengono chiamati Bodhicita. I semi più piccoli hanno un prezzo più elevato rispetto a quelli più grandi, e un rosario di 108 perline ricavate da semi di alto valore può costare fino a 80 mila rupie nepalesi (circa 800$).

Conosciute come Bodhichitta tra i buddisti e chiamate Buddhachitta in gergo locale, queste piante finora sono note per trovarsi soltanto nella piccola area di Kavreplanchok. La pianta è endemica del Nepal, e non si trova da nessuna altra parte.

Inoltre, la ricerca afferma che la Buddhachitta è chiaramente differente dalla specie Ziziphus già conosciuta in Nepal, e non combacia nemmeno con la specie Ziziphus presente in India, Pakistan, Bhutan, Bangladesh e Cina.

Considerate le credenze popolari riguardo alle perline, la richiesta di queste piante e dei loro semi è in forte crescita, con il prezzo dei semi è aumentato vertiginosamente, fino diventare inestimabile. Ad oggi, sono considerate una merce di valore [ne, come gli altri link, eccetto ove diversamente segnalato] in India, Cina, Singapore, Giappone, e Corea.

Secondo quanto riportato recentemente, le perline vengono esportate in questi paesi.

Un pathi (3.2 – 3.6 Kg) di Buddhachitta che cresce in Kavre costa 25 lakhs

Secondo una leggenda, tra le tre piante lasciate dal Signore Buddha durante la sua meditazione, le piante a Lumbini e Namobudhha in Kavre morirono, e solo quella nella regione del Timal, in Nepal, è sopravvissuta – dando vita alla popolazione attuale.

In un'altra storia, si narra che il Guru tibetano Padma Sambhav abbia lasciato una pianta di Bodhichitta mentre si trovava in Kavre per la meditazione.

Come riportato dal Setopati, da quando, quattro anni fa, il Dalai Lama ha affermato che il Buddhachitta proveniente dal Nepal è quello di migliore qualità, l'utilizzo, la popolarità e il prezzo delle perline è andato alle stelle.

La regione del Timal vanta un commercio di alberi di Buddhachitta del valore di un miliardo di rupie nepalesi (9.8 milioni di dollari). Gli agricoltori locali che coltivano le piante di Buddhachitta a volte guadagnano centinaia di migliaia di rupie con la vendita di un solo albero.

Così come è incrementato il commercio, tuttavia, è cresciuta anche la paura. Per timore delle rapine, il sito internet Onlinekhabar ha riportato che i commercianti hanno addirittura cominciato a noleggiare elicotteri per andare a prendere le perline di Budhhachitta presso gli agricoltori.

Noleggio di elicotteri per comprare il Buddhachitta!

Secondo quanto riportato dal Nagariknews, alcuni contadini in possesso di alberi di Buddhachitta hanno cominciato a dormirci sotto per salvare i loro semi dai furti.

Trascorrendo la notte sotto un albero di Buddhachitta

Visti i benefici del Buddhachitta, gli agricoltori hanno cominciato a piantare sempre più alberi nei loro campi. Il duo di ricercatori Bhattarai and Pathak dice che lo sviluppo di colture commerciali di questa specie ha un grande potenziale, e può generare flussi di entrate molto redditizi.

Mentre le persone sono stupite dal miracolo originato da questa pianta, il documentario in uscita “Perline della meditazione” è pronto a svelare gli aspetti religiosi, culturali e scientifici del Buddhachitta.

Un documentario sul Buddhachitta

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.