chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Un documentario che esplora la vita quotidiana dei neri in Giappone

The documentary features interviews with several individuals who identify as black living in Japan. Screenshot from YouTube.

Nel documentario vengono intervistate diverse persone di colore che vivono in Giappone. Screenshot tratto da YouTube.

Rachel & Jun è un simpatico canale di YouTube molto popolare che, con un approccio bilingue, spiega molte questioni relative al Giappone.

Con decine di migliaia di follower su Twitter e Facebook, e con un vlog su YouTube che regolarmente supera il milione di visualizzazioni, Rachel & Jun rispondono a tutte le possibili domande sul Giappone.

I temi dei video più popolari sono molto vari: da la percezione dei giapponesi verso chi è obeso o no, a come uscire con un giapponese, fino ad arrivare a come comprare casa in Giappone.

Nonostante l'approccio divertente e leggero dei loro racconti sul Giappone e la cultura giapponese, Rachel & Jun forniscono una visione unica sulla vita nel paese.

Uno dei loro video più famosi è un documentario: Essere neri in Giappone.

Nel documentario di due ore vengono esplorate le esperienze di sette persone di colore, non giapponesi, residenti in Giappone.

Le interviste trattano il tema dell'essere neri in Giappone rispetto all'esperienza di altri stranieri residenti nello stesso paese. I sette soggetti del documentario, inoltre, affermano che la vita in Giappone è diversa rispetto a quella dei loro luoghi di origine, di solito gli Stati Uniti, qualche volta anche in maniera positiva.

Dopo aver visto il documentario, Baye McNeil [en], giornalista del Japan Times e blogger a Yokohana ha commentato [en]:

About this video, I will say this though: the black male experience in Japan is vastly different from the black female experience (as is the case in the US and other places as well…notice the vast majority of cop shootings are of black males…we are truly the endangered species there and the walking threat here–in the eyes of some).

[…] The VAST majority of black people in Japan ARE males! I would have liked to hear from more men. The two […] gave a bit of how intense it gets here in Japan with the fear / ignorance-induced behaviour of J-folk. And that gave the video an applaud-worthy balanced perspective.

Overall, this is by far the BEST video representation of the black experience in Japan I’ve seen to date […]

Posso dire questo riguardo al video: l'esperienza degli uomini di colore in Giappone è diversa da quella delle donne (come lo è anche negli Stati Uniti e in altri posti… bisogna notare che la strangrande maggioranza delle sparatorie della polizia avviene contro uomini neri… siamo davvero la specie più pericolosa e anche una minaccia secondo qualcuno)

[…] La MAGGIOR parte dei neri in Giappone SONO uomini! Mi sarebbe piaciuto sentire il parere di più uomini. I due […] danno un po’ l'idea di quanto possa essere difficile vivere in Giappone a causa degli atteggiamenti di paura indotti dall'ignoranza della popolazione locale. Questo ha dato al video una prospettiva bilanciata degna di plauso.

In generale, questo è sicuramente il MIGLIOR video riguardo l'esperienza dei neri in Giappone che io abbia visto fino ad oggi […]

McNeil cura la rubrica Black Eye (Occhio nero) per il Japan Times, e ha scritto, di recente, su una serie di profili di donne di colore sposate con dei giapponesi in Giappone.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.