chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Utenti di Twitter fotografano i tanti prodotti fatti in Ucraina nei supermercati mondiali

Condensed milk "Made in Ukraine" sold at a grocery store in California. Photo by @a_demchenko on Twitter. Mixed by Anna Poludenko-Young.

Latte condensato “Prodotto in Ucraina” venduto in un supermercato in California. Foto di @a_demchenko su Twitter. Modificata da Anna Poludenko-Young.

L'Ucraina è molto più di uno stato attualmente in guerra contro la Russia o di una ex repubblica sovietica, è anche una promettente esportatrice di prodotti agricoli. Per promuovere questa sua immagine Oleksiy Pavlenko [ru, come i link seguenti tranne dove diversamente indicato], il Ministro dell'Agricoltura, ha deciso di dare inizio a un flashmob su Twitter. Ha chiesto ai suoi follower di cercare nei supermercati di tutto il mondo prodotti fatti in Ucraina, di fotografarli e di pubblicare le foto con l'hashtag #FoodUA.

Noi esportiamo prodotti agricoli verso quasi 190 paesi! Se all'estero vedete prodotti fatti in Ucraina, fatecelo sapere, pubblicate le loro foto! Dobbiamo esserne orgogliosi insieme.

Il flashmob è stato organizzato quasi due settimane fa, verso il 5 settembre. Da allora gli utenti di Twitter hanno postato più di quattromila foto di cibo ucraino presente nei negozi di tutto il mondo. La maggioranza dei post viene da Stati Uniti, Germania, Lettonia, Cina e dagli Emirati Arabi Uniti.

Nell’intervista a Radio Liberty, Pavlenko ha affermato che lo scopo principale dell'iniziativa online #FoodUA era dimostrare come il settore agricolo ucraino abbia un enorme potenziale d'esportazione. Il ministro ha detto anche che voleva sfatare alcuni miti. Questi hanno principalmente a che fare con la credenza diffusa tra gli ucraini che le esportazioni agricole del paese avvengano solo verso stati dell'ex URSS e che si tratti soprattutto di materie prime e non di prodotti finiti.

“Questo flashmob ha dimostrato che forniamo molti dei prodotti finiti che potete comprare anche nelle più grandi catene di supermercati all'estero. Sono buoni, conosciuti e hanno un valore alto,” ha detto Pavlenko [en].

Il valore aggiunto della merce costituisce una parte significativa delle esportazioni dell'Ucraina.

In base all'analisi dei post su Twitter raggruppati sotto l'hashtag #FoodUA, tra i cinque cibi ucraini più conosciuti e diffusi rientrano cioccolato e biscotti (in prevalenza della marca Roshen, di proprietà del presidente Petro Poroshenko), ogni genere di sott'aceti, olio di semi di girasole, salsa di pomodoro e grano saraceno.

Olio di semi di girasole ucraino da Walmart USA, la catena (di supermercati) più grande al mondo, a sostegno di @Pavlenko_OM e #FoodUA

Grano saraceno ucraino in Svizzera #FoodUA

#FoodUA Roshen nei supermercati americani. New York.

Altre scoperte meno diffuse includono prodotti come alcolici e cocomeri.

Vino frizzante ucraino nei negozi svizzeri.

“La Perla di Inkerman” vendemmia 2013 sugli scaffali dei supermercati a Berlino prova l'appartenenza della Crimea all'Ucraina.

E questo è un cocomero ucraino in un mercato di Helsinki.

A giudicare dal numero dei commenti e delle condivisioni, la sorpresa maggiore per gli ucraini è stata una foto di sale da cucina “prodotto in Ucraina” in vendita a 2,26 euro (2.56 $) scattata a Cipro. Sembra che gli ucraini, abituati a spendere non più di 0.16 $ per un chilo (2.2 lb), non siano disposti a pagare il prezzo in euro per degli autentici condimenti ucraini.

Il nostro sale viene valutato molto nei supermercati di Cipro #FoodUA.

I giornalisti dell'ucraina Radio Liberty hanno creato una mappa interattiva con le coordinate geografiche dei luoghi dai quali provengono le foto del flashmob. La mappa evidenzia ciò che era già stato accennato nelle foto: sembra che il cibo ucraino sia disponibile (e conosciuto) ovunque nel mondo. Cliccando su ciascun punto della mappa si può vedere la foto scattata in quel luogo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.