chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

“Non abbiamo paura” affermano i netizen dopo gli attacchi in Indonesia

A peace rally was held in Jakarta a day after the terror attack in the city. A child carries a placard with the slogans Melawan Terorisme (Fight Terrorism) and #KamiTidakTakut (We are not afraid). Photo taken by Carolina

Una manifestazione per la pace si è tenuta a Giacarta il giorno dopo l'attacco attuato da alcuni uomini armati in vari luoghi della città. Un bambino tiene una cartello con gli slogan Melawan Terorisme (Combattiamo il terrorismo) e #KamiTidakTakut (Non abbiamo paura). Foto di Carolina

Il giorno dopo che la capitale dell'Indonesia Giacarta è stata colpita [en, come i link seguenti salvo diversa indicazione] da una serie di esplosioni e attacchi di arma da fuoco, la vita è tornata alla normalità [id] per molti abitanti, ma le forze di sicurezza del paese continuano a essere in allerta.

Il gruppo militante ISIS ha più tardi dichiarato che l'attacco del 14 gennaio 2016 è stato opera della sua rete nel paese, con la più grande popolazione musulmana al mondo.

La prima esplosione, seguita da colpi di pistola, è stata sentita intorno alle 10.50 del mattino nell'area di Thamrin a Jakarta, che si trova vicino al palazzo presidenziale, ad ambasciate e agli uffici delle Nazioni Unite.

Jakarta era stata precedentemente bersaglio della Jemaah Islamiyah, una fazione di Al Qaeda, nel 2001, 2004, e 2009. Questa ondata di violenza ha ucciso sette persone, di cui cinque secondo le autorità erano aggressori, e ha fatto aumentare l'allerta sicurezza in Indonesia e nei vicini paesi del sud est asiatico.

Il presidente Joko Widodo ha condannato l'attacco e ha consigliato ai cittadini di mantenere la calma. Ha anche incoraggiato la popolazione a collaborare con le forze del governo perché la capitale resti una città sicura [id].

Le mie condoglianze alle vittime. Arresteremo e porteremo davanti alla giustizia gli esecutori e gli ideatori dell'attacco.

Non c'è spazio per il terrorismo in Indonesia. Tutti i cittadini del mondo devono combatterlo.

Uno degli hashtag più usati dopo l'attacco è stato #KamiTidakTakut (Non abbiamo paura), che riflette la volontà di molti indonesiani di rimanere forti e uniti di fronte alle avversità. Persino la polizia ha riconosciuto il valore dell'hashtag nel promuovere l'unità nel paese [id]:

Selamat pagi Mitra Humas, menindak lanjuti info terkait kejadian Sharinah Thamrin kemarin, segenap keluarga besar Polri mengucapkan terimakasih atas kerjasama generasi Muda Indonesia yang mengusung hashtag #KamiTidakTakut. Dan dalam hitungan jam trending telah bergeser kepada Jakarta Kuat, tukang sate, aksi heroik, Polisi ganteng, serta meme meme lucu. Terimakasih kepada buzzer positif Indonesia, terus tingkatkan perjuangan anda. Salam Tribrata.

Buongiorno colleghi, facciamo seguito agli attacchi di ieri a Sarinah, Thamrin. Tutti noi alla Polizia Nazionale estendiamo il nostro ringraziamento alla gioventù indonesiana che ha lanciato l'hashtag #KamiTidakTakut (Non abbiamo paura). È apparso tra le tendenze [di Twitter] già poche ore dopo essere stato lanciato e ha messo in luce anche altri temi. Grazie per la vostra positività, continuiamo a combattere. Saluti.

Anche i tweet di seguito mostrano la volontà di molti indonesiani di superare questa tragedia [id]:

Questo attacco non indebolirà l'Indonesia; al contrario, l'Indonesia diventerà più forte.

Nel 1945 abbiamo difeso Surabaya dalle truppe meccanizzate degli alleati per 30 giorni usando lance in bambù, perché abbiamo paura di 7 idioti?

Bali ha mostrato un grande esempio degli indonesiani che si rialzano di fronte al terrore

Buon Venerdì! #KamiTidakTakut (Non abbiamo paura)

Queste foto di venditori di strada vicino al luogo della violenza sono diventate virali e sono state usate per mostrare la capacità di ripresa del popolo indonesiano:

Quando stai per sconfiggere i terroristi ma cavolo, quel mango è una droga

Le bombe non ci fanno paura, solo in Indonesia il terrorismo non ci influenza

Anche se la maggior parte degli indonesiani possiede un account Facebook, il social network non ha attivato il servizio dei Safety Check. In risposta, i netizen hanno usato gli hashtag #Jakarta e #SafetyCheck per informare gli amici della loro situazione.

Qualcuno ha visto i safety check di Facebook per gli Attacchi in Turchia o per le Espolosioni di Jakacarta?

Alcuni credono che le autorità non siano riuscite a impedire lo sviluppo di gruppi leali all'ISIS nel paese:

Le forze antiterrorismo dovrebbero ricordare che i sostenitori di GenPrabowo/FPI hanno apertamente sventolato la bandiera dell'ISIS durante le manifestazioni nel centro di Giacarta nel 2014.

Prabowo era un candidato presidenziale che ha perso nel 2014, sebbene sia rimasto influente; mentre il FPI è un gruppo islamico radicale in Indonesia.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.