chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Ecco come il cambiamento climatico ha continuato a farsi sentire nel 2015

November 11, 2015. Ethiopia is experiencing a severe drought due to two consecutive poor rainy seasons, which means that millions of people are now in need of assistance. Photo by European Union/ECHO/Melaku Asefa. CC BY-ND 2.0

11 novembre 2015. In Etiopia la grave siccità è causata da due stagioni poco piovose consecutive: ciò significa che milioni di persone ora hanno bisogno di assistenza. Foto di European Union/ECHO/Melaku Asefa. CC BY-ND 2.0

Questo articolo è basato su un servizio [en, come i link successivi] scritto da Thelma Young per 350.org, un'organizzazione che mira a creare un movimento globale per il clima; è ripubblicato su Global Voices come parte di un accordo di condivisione dei contenuti.

Il 2015 è stato l'anno più caldo mai registrato. È un titolo importante e abbastanza difficile da mandar giù, dietro cui si nascondono milioni di storie e statistiche.

Il 2015 è stato l'anno in cui abbiamo iniziato a vedere chiaramente che sugli eventi naturali estremi che si sono verificati in tutto il mondo c'era la firma del cambiamento climatico. Il 2015 è stato chiamato il punto di svolta nel cambiamento climatico; è stato il primo anno in cui le temperature medie globali hanno superato di 1°C i livelli pre-industriali.

Prima di entrare nei dettagli, bisogna ricordare qualcosa che abbiamo visto accadere più e più volte nel corso di quest'anno: le persone hanno un'enorme capacità di aiutarsi a vicenda. Che si tratti di un enorme ciclone o di terribili inondazioni, abbiamo visto le persone farsi in quattro per aiutare gli altri. Uno degli esempi migliori si è svolto dopo il tifone Soudelor, quando un gruppo di cittadini a Saipan (la capitale delle Isole Marianne) ha rifornito le vittime della tempesta di acqua e di altri beni di prima necessità.

Ondate di caldo in successione

Ci sono state molte gravi ondate di caldo nel 2015, ma poche sono state intense come quelle nel Medio Oriente nei mesi di luglio e agosto. Nella città iraniana di Bandar Mahshahr sono state registrate temperature di 73°C.  Per i milioni di rifugiati della regione, l'ondata non ha fatto altro che peggiorare le cose.

Simili eventi si sono verificati in India, mietiendo più di 2300 vittime. I monsoni stagionali sono arrivati in ritardo e le temperature hanno continuato ad innalzarsi troppo a lungo. Queste immagini hanno fatto il giro del mondo:

Violenti incendi boschivi

Molte parti del mondo hanno dovuto avere a che fare con incendi boschivi molto estesi: In Canada, 6000 focolai hanno bruciato un'area delle dimensioni della Sicilia; negli Stati Uniti c'è stata la stagione di incendi boschivi più devastante dal 1960, con più di 11 milioni di acri inceneriti, pari alla superficie della Danimarca, e migliaia di persone evacuate.

Troppe super tempeste

Nell'emisfero settentrionale è stato infranto il record per numero di cicloni, uragani e tifoni, con un totale di 22 super tempeste di categoria 4 o 5; il record precedente era di 18. Ecco la lista completa.

Per fare un esempio, l'uragano Patricia si è intensificato molto rapidamente, fino a diventare la tempesta più forte mai registrata nell'emisfero nord.

Ecco il rumore dell'uragano più potente mai registrato. Immagini da Melaque, Jalisco

El Niño peggiora le cose  

Il 90-95% del calore dovuto al cambiamento climatico si è concentrato negli oceani, rendendo così il fenomeno di El Nino del 2015-2016 ancora più temibile. Michel Jarraud, segretario generale dell'Organizzazione meteorologica mondiale, ha dichiarato che “Questo El Niño si sta addentrando in un territorio inesplorato. Il nostro pianeta ha subito drastiche alterazioni dovute al cambiamento climatico.”

Questo ha già causato gravi siccità in Papua Nuova Guinea e nell'Africa orientale, oltre a terribili inondazioni in altre parti del mondo (in Paraguay, Bolivia e a Chennai, in India). Ecco alcuni approfondimenti sulle conseguenze.

Screen Shot 2016-01-19 at 12.47.56 PM

Una città e cinque Paesi hanno già dichiarato lo stato di emergenza a causa di El Niño, mentre gli USA hanno fatto ricorso a risorse di emergenza per aiutare altri 10 Paesi. Mappa: 350.org

Di quanto fa più caldo? 

Il 2015 non è stato solo un po’ più caldo: secondo un rapporto della NASA, “la media delle temperature globali ha infranto il record stabilito nel 2014 per 0,13°C. Soltanto una volta, nel 1998, il nuovo record è stato così distante da quello precedente.”

12604700_10153796003976772_4702677949983694852_o

Ben 15 dei 16 anni più caldi sono stati registrati dopo il 2001. © Scientific Visualization Studio/Goddard Space Flight Center

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.