chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

La ‘Piccola Italia’ che cresce nei quartieri di Buenos Aires

Plaza Cortazar, en el bonaerense barrio de Palermo. Imagen en Flickr del usuario Omar Uran (CC BY 2.0).

Plaza Cortazar, nel quartiere Palermo di Buenos Aires. Foto: Flickr / Omar Uran / CC 2.0

L'emigrazione italiana in Argentina è di fatto il più grande e importante [it] movimento migratorio nel paese sudamericano. Secondo alcune stime, circa 3 milioni [it] di immigrati italiani sono arrivati in Argentina tra il 1814 e il 1970.

Questi nuovi cittadini sono diventati presto parte della società argentina. Le ultime generazioni hanno sviluppato però una certa nostalgia per il paese d'origine, cercando oggi nelle generazioni precedenti diverse tradizioni e diversi costumi da recuperare.

C'è una tangibile “italianità” in un quartiere di Buenos Aires, dove la Piccola Italia [es, come tutti i link successivi] ha iniziato a emergere:

[…] cinco cuadras que son un espacio gastronómico y cultural para compartir y expresar la italianidad. Sus impulsores ya imaginan el arco en la esquina de Arévalo y Gorriti, en el barrio porteño de Palermo.

La italianidad en la Argentina resulta difícil de definir porque logró distribuirse en toda la sociedad, porque es inasible y omnipresente. Está en las palabras entremezcladas con el lunfardo, está en el valor de la familia y los amigos, está en las recetas heredadas y argentinizadas, está en cada barrio porteño con los negocios de nombres italianos, está en los aperitivos, está en las Volturno para el café corto y fuerte. Está.

[…] Cinque blocchi che sono uno spazio gastronomico e culturale per condividere ed esprimere l'italianità. I loro promotori hanno già immaginato l'arco all'incrocio tra Arévalo e Gorriti, nel quartiere Palermo di Buenos Aires.

L'italianità in Argentina è difficile da definire perché è riuscita a diffondersi in tutta la società, in quanto eterea e onnipresente. La troviamo nelle parole mescolate del lunfardo, la troviamo nel valore della famiglia e degli amici, nelle ricette ereditate e argentinizzate, in ogni quartiere di Buenos Aires con i suoi negozi e i loro nomi italiani, è negli aperitivi, nel Volturno per intendere il caffè forte. È lì.

Il “Lunfardo” è un gergo utilizzato in origine dalle classi lavoratrici a Buenos Aires, alcuni dei suoi termini e frasi sono stati successivamente introdotti nel parlato spagnolo in Argentina e Uruguay.

Il 20 settembre è una data speciale per gli italiani, sia in patria che all'estero. È stato in questo giorno, nel 1870, che le truppe italiane hanno completato l'unificazione della nazione sconfiggendo lo Stato della Chiesa sotto il pontificato di Pio IX. Negli ultimi tre anni, in onore di questo evento, gli italo-argentini di Buenos Aires hanno organizzato e celebrato il festival “Al Dente!”.

Su Twitter, alcuni utenti hanno condiviso foto della festa tenutasi nel 2015.

Ecco come abbiamo vissuto il festival Al Dente e ArgNoticias vi racconta tutto. Vi aspettiamo anche il prossimo anno!

Ecco come abbiamo trascorso il festival Al Dente.

Una folla importante. È sorprendente il successo ottenuto in sole tre edizioni.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.