chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Pakistan: ospedale di Lahore affollato di donatori di sangue dopo l'attentato di Pasqua

CeloK3AW4AQ0jLb

“Preghiamo per Lahore” – Immagine ampiamente condivisa sui social media.

In centinaia si sono messi in fila per donare sangue negli ospedali di Lahore, seconda più grande città del Pakistan, dopo la bomba che ha colpito il parco dei bambini nel quartiere di Iqbal Town.

Circa 70 persone sono morte e oltre 250 sono stati i feriti nel parco di Gulshan-i-Iqbal. La maggioranza delle vittime dell'esplosione erano donne e bambini.

Il devastante attacco è avvenuto a pochi metri dall'area gioco dei bambini, in un momento in cui il parco era pieno di donne e bambini che stavano celebrando la Domenica di Pasqua.

Rabia Mehmood, giornalista di Lahore, la quale ha redatto una delle inchieste più dettagliate [en, come tutti i link seguenti] sulle persecuzioni religiose e le violenze contro le minoranze in Pakistan, ha scritto in un tweet:

I cristani sono stati l'obiettivo di due attentati suicidi nelle chiese di Youhanabad a marzo 2015, e adesso a Pasqua.

In seguito all'attacco, decine di cittadini hanno iniziato a coordinarsi per donare sangue ed aiutare attivamente le famiglie delle vittime.

Lahore ti amo

Anthony Permal, pachistano che vive a Dubai, che scrive un blog sotto il nome di Digital Christ, ha affermato su Facebook:

E’ facile odiare. Vogliono che odiamo. Ma i terroristi hanno perso. Sapete perchè dico questo?

Perchè adesso centinaia di uomini e donne di Lahore sono in coda fuori gli ospedali per donare sangue. Stanotte, sangue musulmano scorrerà nei corpi di cristiani. E viceversa. Vedete, se ci colpiscono, ci uniscono. Grazie. ‪#‎LahoreStrong‬

Careem, tassista locale su richiesta, sta offrendo trasporto gratuito per chiunque voglia donare sangue.

Trasporto gratis ai donatori di #Lahore. Careem offre passaggi gratuiti a tutti quelli che vogliono donare sangue. 042-35909393

Anche l'account di Dawn, uno dei più popolari siti di notizie in Pakistan, ha scritto un tweet per spingere le persone a donare sangue.

#LAHORE HA BISOGNO DI DONAZIONI DI SANGUE
L'ospedale di Jinnah sta per finire il sangue. Sono richieste urgentemente donazioni di sangue.

Anche gli attivisti si sono adoperati per coordinare gli sforzi online:

Se volete coordinare gli sforzi per aiutare le vittime dell’ #AttentatoDiLahore, per favore riempite questo Google form e condividetelo molto.

Gli attivisti tramite questo form si concentreranno per “fornire cibo, medicine, sedie a rotelle/stampelle o servizio funerario per tutti quelli che non possono permetterselo per i loro cari.”

Intanto, sette ore dopo lo scoppio della bomba, l'attivista pachistano Jibran Nasir, che ha oltre 70,000 follower su Facebook , anche candidato indipendente alle elezioni del 2013, ha scritto su Twitter:

Sono le 3 di notte e gli ospedali di Lahore sono ancora pieni di donatori di sangue. E’ questo che ci rende Pakistan. Ci dà speranza e ci fa andare avanti #AvetePerso

Sulla sua pagina Facebook ha aggiunto una nota a questo tweet:

Nota: Questo status non vuole sminuire la perdita di vite preziose subita oggi. Non sto nemmeno affermando che l'improvvisa e tragica perdita di oggi fosse un sacrificio nella Guerra al terrorismo. Queste persone non volevano morire e meritavano una vita pacifica e sicura. Sto solamente riconoscendo la risposta odierna, tutti uniti, da parte della gente di Lahore che sta aiutando indipendentemente dalla religione/setta di appartenenza, ma innanzi tutto perchè è umana.

Il gruppo scissionista pachistano talebano Jamaat-ul-Ahrar ha rivendicato l'attacco. Un portavoce del gruppo ha affermato al giornale pachistano in lingua inglese Express Tribune, “Rivendichiamo la responsabilità per l'attacco sui cristiani mentre stavano celebrando la Pasqua”.

Il Pakistan sta lottando contro le attività violente e criminali del gruppo affiliato ai Talebani da ben nove anni.

Mentre Lahore stava affrontando le conseguenze della bomba, nella capitale, Islamabad, la polizia ha usato i lacrimogeni contro centinaia di manifestanti che stavano marciando in favore del killer islamista Mumtaz Qadri. Qadri è stato impiccato il mese corso per l'omicidio di Salman Taseer, governatore del Punjab, avvenuto cinque anni fa. Taseer ha difeso una donna cristiana imprigionata per accuse di blasfemia. Gli attivisti per i diritti umani locali affermano che la legge sulla blasfemia del Pakistan viene usata con prepotenza per colpire i cristiani.

I fanatici stanno saccheggiando #Islamabad, i jihadisti seminano morte su #Lahore; il #Pakistan resta sotto assedio interno.

Nighat Dad, avvocato e attivista per i diritti digitali che vive vicino il parco dei bambini, ha descritto le scene di lutto, rabbia e perdita di Lahore, la seconda città del Pakistan conosciuta come la Città dei Giardini.

“Restiamo forti” “Siamo resilienti” “Supereremo tutto ciò” Sembra banale..sembra che non ci sia fine a questa pazzia #EsplosioneDiLahore

Rafia Zakaria, giornalista americana-pachistana che vive negli USA, ha scritto:

A Lahore i bambini giocavano nel parco a cui hanno mirato, sono a corto di ambulanze, oltre 50 sono morti, molti morti immediatamente #jesuislahore

E Nadia Jamil, attrice pachistana e popolare presentatrice, ha condiviso un immagine di una delle vittime:

Continuo a ricordarmi del suo sorriso
Continua a tornarmi in mente.
Oh Mio meraviglioso amato e coraggioso amico.

Mahnoor Rathore avvocato per i diritti umani scrive:

Ho sentito la conta dei morti e il numero dei feriti in televisione e ora mentre sto scrivendo questo post, non sono sicura su cosa fare, da dove iniziare, dove sbattere la testa? Esiste almeno una cosa da cui posso cominciare? Ci saranno trasmissioni di commento su questo fatto per i prossimi dieci giorni, i media sfrutteranno il lutto e il dolore delle famiglie distrutte, il governo gli darà denaro insanguinato – per ripagare il lutto e salvarsi la faccia.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.