chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Rifugiati: ex traduttore iracheno per l'esercito americano ora bloccato in Grecia

Ibrahim Esmael Ibrahim at the train station in Idomeni, Greece. As a teenager, he worked as a translator with the US military in Iraq. Credit: Filip Warwick. Used with PRI's permission

Ibrahim Esmael Ibrahim alla stazione ferroviara di Idomeni, Grecia. Da ragazzo ha lavorato come interprete con l'esercito americano in Iraq. Credit: Filip Warwick. Usato con il permesso di PRI.

Questo articolo di Jacob Resneck [en, come tutti i link successivi] è originalmente apparso su PRI.org il 24 marzo 2016, ed è qui ripubblicato come parte di un accordo per la condivisione di contenuti.

Ibrahim Esmael Ibrahim è un ragazzo ventiseienne ben vestito di Baghdad. Quando l'ho incontrato, era in piedi a un binario della stazione ferroviaria di Idomeni, Grecia, anche se adesso non ci sono treni che partono. Ibrahim parla bene inglese, e da ragazzo aveva un lavoro presso GLS, (Global Linguist Solutions), un'azienda della Virginia che forniva interpreti all'esercito americano durante la guerra in Iraq.

Listen to this story on PRI.org »

Afferma che lo stipendio era buono — $1.500 al mese più i bonus. Piaceva ai soldati che lo avevano soprannominato AP. Ma dopo sei mesi di lavoro, Ibrahim afferma che la sua vita era minacciata dai ribelli.

“Mi hanno detto che mi avrebbero staccato la testa dal corpo se mi avessero visto di nuovo qui” ricorda.

“Ho raccontato loro cosa mi è successo e mi hanno detto di dare il mio numero di badge a quelli della GLS nella Green Zone di Baghdad” dice, ricordando l'episodio di 10 anni prima. “Per cui sono andato lì e gliel'ho dato, e il giorno dopo ho preso un autobus per la Siria.”

A Damasco ha trovato un lavoro come impiegato presso un'azienda di telecomunicazioni ma sognava di andare un giorno negli Stati Uniti, dove vive sua sorella. Suo cognato gli suggerisce che dato il suo lavoro con il servizio militare statunitense in Iraq può presentare domanda per un visto speciale per gli USA.

Ma per farlo aveva bisogno di una prova del suo impiego. Quindi scrisse alla GLS, la società che aveva il grosso contratto con il Pentagono.

“Non mi rispondono, non mi rispondono” mi dice “Mi dicono che il contratto è ormai chiuso con l'esercito statunitense e che non posso ottenere i miei documenti. È molto difficile.”

PRI's The World ha contattato la GLS in Virginia la settimana scorsa lasciando diversi messaggi ma stiamo ancora aspettando una risposta.

Ibrahim dice di esser rimasto in Siria per un paio di anni, poi si è spostato nella regione curda in Iraq settentrionale facendo lavori occasionali in nero. Ma dice che essere arabo era un problema; le autorità curde gli dissero di tornarsene in Iraq ma lui era troppo spaventato per farlo.

Decise invece di attraversare il confine per la Turchia, dove nel 2014 incontra una donna afghana. Si sposano con una cerimonia religiosa. Ibrahim dice che lei era in grado di andare in Canada, ma non poteva portarlo con sè perchè non avevano un certificato di matrimonio legale.

“Sono solo. Mia moglie è in Canada e mia sorella in America” racconta Ibrahim. I suoi genitori sono in Turchia e dice che la sorella può portarli negli Stati Uniti in pochi mesi, ma per lui ci potrebbero volere anni per avere il permesso.

Quindi l'Europa per ora è la sua destinazione preferita. Ma con il nuovo accordo tra Unione Europea e Turchia, è improbabile che gli sia concesso di restare. L'UE infatti riporterà indietro i richiedenti asilo come Ibrahim che attraversano i confini dalla Turchia alla Grecia. La Turchia ha accettato di riprenderseli in cambio di circa 6 miliardi di dollari [it] tra gli aiuti e altri incentivi.

L'Unione Europea afferma che l'iniziativa scoraggerebbe le persone a pagare trafficanti e a rischiare la propria vita per attraversare la pericolosa tratta dell'Egeo, dalla Turchia alla Grecia. Ma i critici affermano che se si chiude una rotta, se ne apre un'altra.

Most of the asylum seekers who have gotten stopped in Greece are Syrians escaping the war at home. Credit: Filip Warwick. Used with PRI's permission

La maggioranza dei richiedenti asilo che sono stati fermati in Grecia sono siriani che fuggono dalla guerra in corso nella loro terra. Credit: Filip Warwick. Usata con il permesso di PRI.

E i funzionari dei diritti umani affermano che la prospettiva delle deportazioni di massa è disumana e potenzialmente una violazione della legge internazionale.

“Ogni persona che cerca protezione ha diritto di far esaminare il proprio caso, a seconda dei propri meriti individuali” spiega il Commissionario Europeo dei Diritti Umani Nils Muiznieks a The World.

Afferma inoltre che l'accordo europeo con la Turchia minaccia di buttare quel principio fuori dalla finestra.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.