chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Vietnam: sempre più amanti degli animali si battono contro la macellazione dei cani

Photo of dogs on truck in Vietnam by Animals Asia. Source: Flickr, CC License

Foto di alcuni cani su un camion in Vietnam di Animals Asia. Fonte: Flickr, licenza CC

Questo articolo [en, come tutti i link seguenti] revisionato da Nguyễn Linh Chi è stato scritto Loa, un sito indipendente di news e podcast di storie dal Vietnam e viene ripubblicato su Global Voices come parte di un accordo per la condivisione dei contenuti.

“Quanto costa quel cane in vetrina?” Questo è il titolo del brano e l'interrogativo della famosa canzone immortalata da Patty Page nel 1950, la cui risposta della ventiseienne Mai Anh sarebbe: nove milioni di đồng, l'equivalente di 400 dollari.

Sono tanti động per un cane, in un paese dove il salario medio mensile è di circa 220 dollari.

Anh è un'insegnante che vive ad Hanoi, la capitale del Vietnam. Ha chiamato il suo cucciolo, un bulldog inglese bianco come la neve, Bach Bach che significa bianco in vietnamita.

Sono disposta a spendere soldi perché mi piace molto questa razza. Ho comprato il mio cucciolo online. I bulldog inglesi bianchi sono molto rari in Vietnam. Il costo dei cani di lusso varia da un paio di milioni di đồng a centinaia di milioni di đồng.

Anh fa parte della classe media emergente del Vietnam, e i costosi cani importati sono i loro ultimi accessori. E’ un modo per i giovani e gli ambiziosi di esprimere gusto e status sociale. La tendenza sta anche aiutando il Vietnam a diventare un paese più appassionato di animali e grazie alla crescita del tenore di vita, il settore pet è in crescita, alimentato da una domanda di beni e servizi per animali di alta qualità.

Secondo Digi-escape, una rivista di animali di Sai Gon, il primo negozio di animali è stato aperto nel 2006. Dopo un decennio ci sono più di 76 negozi di animali e cliniche veterinarie sparse per tutta la città.

Digi-escape scrive che il mercato di tutto ciò che riguarda gli amici a quattro zampe è ancora “piccolo, frammentato e in via di sviluppo, ma con un potenziale”.

Tuttavia, credeteci: è difficile essere un cane in Vietnam. Può passare dall'essere l’animale preferito di qualcuno al piatto preferito di un'altra persona in un batter d'occhio.

Dalla “Canzone della carne di cane” (o “Bài Ca thit Chó”) di Nguyen Hai Phong alla canzone rap intitolata “Trộm Chó” (o “Rubare i cani”) di Nam Lee, un certo numero di canzoni parla dei modi in cui i cani possono essere cucinati o catturati.

Ma una recente hit di YouTube, “Thit Chó Không Ngon đầu” cioè “La carne di cane non va bene” dello showman Huy JOo, sta ricevendo grande supporto dagli amanti degli animali di tutto il web per la sua umanità, sebbene il messaggio sia piuttosto idealista. Il pezzo è una parodia della popolare canzone d'amore “Giữ Em Đi”. Huy JOo mantiene l’orecchiabile melodia originale cambiandone il testo per cercare di fermare il consumo di carne di cane.

Canta: “Ricordo il mio cagnolino che stava giocando fuori quando è stato rapito. E mi sono ripromesso di non mangiare mai più questo piatto delizioso, perché amo moltissimo i cani”.

Con l'aumento degli animali domestici il dilemma sul consumo di carne di cane è senza dubbio più impellente. L'etica di mangiare qualsiasi tipo di carne è oggetto di accesi dibattiti in tutto il mondo. Ma è il trattamento di questi animali che sta sollevando un campanello d'allarme.

C’è la credenza secondo cui maggiore è il dolore che l'animale prova prima di essere ucciso e più gustosa è la sua carne. Alcuni ristoranti impiccano i cani e poi li manganellano a morte per massimizzare il fattore paura.

I metodi di macellazione dei cani possono includere qualsiasi cosa, dalla folgorazione al dargli fuoco, dall'accoltellamento allo sgozzamento. Un destino così orribile può essere immaginato soltanto in un film horror ma è davvero la realtà per molti cani in Vietnam. Non ci sono prove per dimostrare che più violentemente l’animale viene ucciso e maggiore è la qualità della carne, ma osservare questa pratica disumana è straziante.

Secondo la Asia Canine Protection Alliance, si stima che ogni anno in Vietnam 5 milioni di cani vengono macellati per consumarne le carni. Questa cifra pone la piccola nazione in seconda posizione nella lista dei paesi asiatici che mangiano più carne di cane, subito dopo la Cina.

E non vengono mangiati solo i cani in Vietnam, pure la carne di gatto è considerata una prelibatezza in molte parti del paese. Anche se è illegale mangiare gatti ci sono ancora molti di ristoranti nel nord del paese che li cucinano. Un articolo apparso sul South China Morning Post Magazine riguardo il commercio illegale della carne di gatto cita il proprietario di un ristorante situato nella provincia di Bac Ninh del Vietnam

Ora vogliono tutti mangiare carne di gatto, è più buona ed esotica rispetto ad altri tipi di carne. Alcune persone sono superstiziose e la mangiano per ottenere forza e fortuna.

Come se non bastasse, il ristoratore rivela che avvocati, poliziotti e benestanti sono clienti abituali del ristorante.

La combinazione di tradizione, credenza che mangiare carne di cane porti fortuna e il costume sociale renderà molto difficile abituare le persone a rinunciare alla carne di cane.

Nonostante le numerose sfide, la comunità per i diritti degli animali è in rapida crescita in Vietnam. Gli attivisti hanno sempre più voce nella lotta, non solo contro il consumo della carne di cane e gatto, ma anche contro il grave problema della crudeltà verso gli animali.

Catherine Besch, uno dei co-fondatori della Vietnam Animal Organization (VAWO) ad Hoi An, nel Vietnam centrale, afferma che uno dei maggiori problemi è l'istruzione. VAWO è tra molti giovani gruppi a sostegno degli animali che stanno lavorando attivamente per rendere il Vietnam un paese più attento agli animali.

Besch sostiene che c'è la necessità di uno sforzo di collaborazione tra le organizzazioni per i diritti degli animali, al fine di rendere possibile in Vietnam una legislazione sul benessere degli animali:

Sono necessari due passaggi per ottenere un movimento di attivismo sociale in un paese dove le persone non sanno cosa fare. Fase uno: amare gli animali. Fase due: [Le persone dicono] non so cosa fare adesso. L'idea è quella di cercare di capire come formare un legame con loro e mostrare, passo dopo passo, attività basate sui risultati così che tutti sappiano cosa fare dopo. Procedere insieme. Se siamo separati siamo soltanto un sussurro. Se siamo insieme diventiamo un ruggito. Siamo in grado di creare una voce molto più forte in questo paese.

Besch desidera anche che la società e il sistema legale si prendano cura degli animali in modo che i salvataggi non siano più necessari. E’ un sogno che ci sarà ancora per decenni e decenni ma è l'obiettivo per cui si adoperano costantemente.

La nuova generazione di amanti degli animali che li considerano amici e non cibo servirà in Vietnam come forza trainante contro la crudeltà verso gli animali e limiterà la domanda di carne di cane e gatto. C'è ancora molta strada da fare per il Vietnam per diventare un paese sicuro e attento agli animali, ma si stanno verificando deii cambiamenti cambiamenti.

Ascolta il podcast sul problema della carne di cane in Vietnam:

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.