chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Almeno 42 morti nel violento attentato all'aereporto di Istanbul

Ataturk Airport wikipedia image.

Aeroporto di Ataturk, immagine di Wikipedia.

Sono 42 le vittime dell'attentato avvenuto all'aeroporto di Ataturk di Istanbul, uno tra i più affollati d'Europa in quanto ponte fondamentale del traffico aereo mondiale. I tre kamikaze si sono fatti esplodere dopo aver aperto il fuoco in uno scontro con la polizia.

Gli attacchi portati avanti dai tre aggressori, inizialmente attribuiti al gruppo radicale ISIS dal Primo Ministro turco Binali Yildrim, sono iniziati il 29 giugno.

Il fatto che gli attacchi abbiano avuto luogo in uno degli aeroporti più affollati del mondo ha reso la copertura della notizia, da parte dei media mondiali e anche partecipativi, quasi come una cronaca minuto per minuto [en, come tutti i link seguenti]:

La prima foto dell'aeroporto di Istanbul, dove le due esplosioni principali hanno scosso il terminal dei voli internazionali causando diverse vittime

TURCHIA – Bambini e familiari si abbracciano allontanandosi dall'aeroporto di Ataturk dopo l'attentato suicida.

Come c'era da aspettarsi, perché succede sempre nei periodi di crisi, le autorità turche hanno ordinato ai media di non lasciar trapelare informazioni man mano che la situazione si fosse evoluta, ed hanno impedito gli accessi a Facebook e Twitter, che mercoledì sera risultavano ancora bloccati.

Schermata dell'ordine di blocco temporaneo sulla discussione del duplice attacco suicida avvenuto all'Ataturk di Istanbul rilasciata nel pomeriggio.

Il collaboratore di Global Voices Efe Kerem Sozeri, ha offerto su Vocativ un'analisi immediata in merito al tentativo del governo di bloccare media e social, sottolineando di aver impedito alla gente l'accesso alle informazioni nel momento più importante.

Mentre alcuni tassisti hanno approfittato del momento di crisi per alzare le loro tariffe, gli hotel presenti in tutte le maggiori città turche hanno aperto le loro porte ai passeggeri di tutte le nazionalità, senza chiedere nulla in cambio.

16 ospiti si stanno riposando nelle loro stanze. Abbiamo ancora una stanza a disposizione!

Meraviglioso: gli studenti turchi che vivono vicino all'aeroporto aprono le loro case ai passeggeri bloccati ad Istanbul.

Gli attacchi avvenuti all'aeroporto sono un terribile ricordo di ciò che alcuni cronisti hanno tristemente definito come “la nuova normalità turca”, un ciclo di violenza estremista che ha come obiettivo la popolazione civile del paese e che sarebbe stata inimmaginabile in tempi di pace, ovvero due anni fa.

I principali attacchi recenti… Ed il conflitto nel sud-est della Turchia… Centinaia… Centinaia di morti

L'attentato è avvenuto esattamente due anni dopo che il leader dell'ISIS Abu Bakr al-Baghdadi dichiarò il califfato nella città irachena di Mosul. Nonostante questo, comunque, il gruppo ancora non ha rivendicato l'attacco all'aeroporto Ataturk.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.