chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

I problemi economici hanno spinto una cittadina in Macedonia a diventare pro-Trump

"Boss Trump, ode to Nast" (trad. Trump il Capo, Ode a Nast) di Donkey Hotey (CC BY). Questa immagine di Trump il Capo è un adattamento della vignetta politica più famosa di Thomas Nast intitolata La "Mente" disponibile nella Biblioteca del Congresso. La vignetta originale fu pubblicata su Harper's Weekly, il 21 ottobre 1871.

“Boss Trump, ode to Nast” (trad. Trump il Capo, Ode a Nast) caricata dall'utente Flickr DonkeyHotey, il 27 marzo 2016. Quest'immagine di Boss Trump è una rivisitazione della vignetta politica più famosa di Thomas Nast intitolata La “MENTE” originariamente pubblicata su Harper's Weekly, il 21 ottobre 1871.

I macedoni della piccola cittadina di Veles sono proprietari di alcuni siti web pro Trump che si presentano come siti di notizie ma che sono, in realtà, fonti di bufale. Per molti, questa notizia è stata sconvolgente considerando che la Macedonia è una minuscola nazione balcanica, senza sbocchi sul mare e con solo due milioni di abitanti.

Il sito americano Washington Examiner ha diffuso la notizia ad aprile. L'inchiesta ha rivelato che le registrazioni ICANN WHOIS dei siti web pro Trump mostravano i nomi, gli indirizzi e le informazioni di contatto dei proprietari residenti in Macedonia. Tutti i siti utilizzavano nomi di domino accattivanti come UsaNewsFlash.com, 365UsaNews.com, WorldNewsPolitics.com. Il Washington Examiner ha spiegato come i siti web fossero “creati probabilmente per far oscillare il favore degli elettori statunitensi indecisi verso il candidato Donald Trump”

Veles <3 <3 <3 Donald Trump

Inizialmente, le discussioni online riguardanti la notizia ipotizzavano un possibile legame tra il partito di maggioranza locale di destra e i conservatori statunitensi. Considerando che in passato ci sono stati dei legami tra i due.

Tuttavia, un’inchiesta del sito giornalistico non profit Meta.mk ha rivelato qualcosa di completamente inaspettato. I giornalisti di Meta.mk hanno contattato le persone presenti sulla lista dei proprietari dei domini giornalistici pro Trump. Due di loro hanno deciso di farsi intervistare. Il primo,uno studente di informatica e il secondo, un insegnante di inglese, hanno spiegato che il loro sostegno per Trump è in realtà una tattica per guadagnare soldi dai ‘click’ sulle pubblicità online dei loro siti.

Veles è un ex città industriale provata dalla recessione economica. Molti giovani disoccupati si sono trasferiti nella capitale Skopje, e nelle città dell'Europa occidentale, alla ricerca di lavoro. Le opportunità economiche locali sono limitate e i legami con il partito di maggioranza sono il prerequisito necessario per la prosperità.

Uno dei proprietari dei siti ha spiegato che a lui non interessano i principi del giornalismo e la veridicità del suo contenuto e neanche le conseguenze della disinformazione sugli elettori statunitensi:

– Нешто пишувам, нешто преведувам, нешто преземам од други веб-страници. Само прикачувам вести и ништо друго. Најмногу пишувам за Доналд Трамп затоа што народот најмногу сака за него да чита, но пишувам и за други. […]
Знам дека не е сè точно што се пишува на веб-страницата, исто како што не е точно сè што се пишува и на македонските веб-страници. Но, за секоја вест имам напишано извор од каде е пренесена – вели Мирон Брезев од Велес.

“Qualcosa lo scrivo io, qualcosa lo traduco da pezzi che trovo sui siti web. Pubblico solo notizie e nient'altro. Scrivo perlopiù di Donald Trump perché è quello che vuole la gente, sembra l'argomento più letto, ma scrivo anche di altro. […] So che non è tutto vero quello che è scritto sui siti web, proprio come avviene sui siti macedoni. Ma per ogni articolo che ho scritto ho aggiunto la fonte da dove ho preso la storia,” ha affermato Miron Brezev di Veles.

A seguito delle interviste rilasciate ai giornalisti di Meta.mk, i siti elencati da Examiner e gli articoli di Meta.mk hanno sostituito le informazioni sui veri proprietari dei siti web fornendo i dati di una società che si occupa di servizi di anonimizzazione.

Modifica dei dati di registrazione di un sito web pro Trump documentato da Meta.mk News Agency.

Modifica dei dati di registrazione di un sito web pro Trump documentato da Meta.mk News Agency.

L'utente di Twitter @Pipelinemkd ha commentato questo fenomeno con i toni utilizzati negli annunci ufficiali del governo in maniera sarcastica:

La natalità dei siti pro Trump è aumentata in Macedonia. Al momento, sono le città di Veles e Kumanovo a registrare il più alto tasso di crescita.

Panorama di Veles, Macedonia. Foto dell'utente di Wikipedia Makedonec, CC BY-SA 3.0.

Panorama di Veles, Macedonia. Foto dell'utente di Wikipedia Makedonec, CC BY-SA 3.0.

Altri macedoni hanno spiegato attraverso i social media l'esistenza del telelavoro fondato sulla creazione di siti web con argomenti di interesse per il pubblico americano. Ci sono anche “Internet Business and Marketing Training” dei corsi dove persone con abilità basilari di scrittura in lingua inglese possono imparare a impostare siti WordPress per poi pubblicare “notizie” su varie tematiche. Gli annunci incorporati producono dei profitti, ma il più grande beneficio in questa industria sembra derivare dalle persone che producono i corsi. Questi usano i social media per pubblicizzarli e si procurano così nuovi studenti.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.