chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Cosa succede quando i senzatetto della Russia iniziano a parlare

Anastasia Ryabtseva. Photo: Vkontakte

Anastasia Ryabtseva. Foto: Vkontakte

Quando Anastasia Ryabtseva ha iniziato a intervistare i senzatetto di San Pietroburgo, molti si sono rifiutati di parlarle. Presentandosi come una giornalista, le persone si spaventavano e manifestavano immediatamente i propri sospetti per l'interesse della reporter. La situazione è, però, cambiata quando Anastasia ha spiegato loro di essere la responsabile del volontariato per Nochlezhka, il rifugio per i senzatetto dove ha lavorato negli ultimi due anni.

Anastasia Ryabtseva intervista i senzatetto di San Pietroburgo e raccoglie le storie dei volontari dei rifugi. Oltre alla sua collaborazione con il rifugio Nochlezhka, occasionalmente dà anche una mano al “Bus notturno”, un chiosco mobile che distribuisce il cibo alla zona più povera della città.

“La prima cosa di cui ti rendi conto è di non aver alcun motivo per lamentarti, perché le persone che vengono da noi per ricevere un pasto caldo, hanno una vita molto più dura,” ha affermato Ryabtseva a RuNet Echo. “La seconda cosa è ricevere in cambio un'enorme quantità di gratitudine. Essere ringraziati sinceramente dozzine di volte in una serata è una sensazione straordinaria.”

La Ryabtseva gestisce un sito web chiamato “Сами виноваты [ru, come i link seguenti] (cioè “È colpa loro”), dove pubblica le storie che ascolta dai senzatetto della città e dai volontari del rifugio. In due anni, ha raccolto all'incirca 40 di queste storie. Il nome del progetto mira a rappresentare l'atteggiamento sprezzante che molte persone assumono nei confronti dei senzatetto.

Quando si tratta di beneficenza, il pubblico tende di più a voler aiutare i bambini e gli anziani, dice Ryabtseva. “I senzatetto, assieme ai tossicodipendenti e ai malati mentali, sono l'ultima categoria di persone che la gente vuole assistere,” osserva, aggiungendo che spesso per strada è molto più facile tirare un calcio che prestare aiuto. In molte delle storie che la giornalista ha raccolto, questo è quanto accade solitamente: un uomo giace sul marciapiede, sofferente e un passante gli tira improvvisamente un calcio.

Prima di lanciare il suo progetto online a settembre, Anastasia Ryabtseva ha pubblicato alcune delle storie sul sito “Takie Dela” (cioè “E così si va avanti”).

Tempo fa è stata programmata la pubblicazione delle interviste della Ryabtseva nell'edizione stampata di Esquire. Queste storie sarebbero dovute apparire nella popolare rubrica “Rules of Life”.

Ma ciò non è accaduto. Ksenia Sokolova, subentrata ad agosto come direttrice della rivista (mentre concorreva per un posto al parlamento), non ha mostrato alcun interesse verso il lavoro svolto da Ryabrseva. Non le ha nemmeno risposto alle email.

Anastasia Ryabtseva. Photo: Vkontakte

Anastasia Ryabtseva. Foto: Vkontakte

Mentre trovare qualcuno che sia disposto a pubblicare il suo lavoro sta diventando un'impresa difficile, Anastasia racconta come, invece, sia riuscita a superare anche la grandissima tensione che provava durante le interviste ad alcuni dei suoi soggetti. Ad esempio, la sua prima intervista è stata con un uomo di nome Sergey, buttato fuori di casa dalla sua famiglia e costretto a vivere per strada. Dopo quest'incontro, Ryabtseva racconta di essersi accorta di aver indossato inconsciamente vestiti più economici del normale, probabilmente sforzandosi per sentirsi più a suo agio.

Un'altra intervista che Ryabtseva definisce “estremamente importante” per il suo progetto è stata con un uomo di nome Dmitry, un architetto vagabondo che ha rifiutato di essere fotografato. Se vedeste Dmitry in strada, dice, non pensereste che sia un senzatetto. “In realtà, è una delle persone più istruite che abbia mai incontrato,” dice la Ryabtseva. “Mi sentivo come una studentessa vicino al professore, mentre lui citava l'Antico Testamento e mi spiegava la sua filosofia di vita.” La giornalista racconta che successivamente Dmitry è entrato a far parte di un monastero.

Anastasia Ryabtseva si considera molto fortunata ad avere avuto l'opportunità di raccogliere così tante storie. “Ho imparato molto del mondo in generale, ad esempio, ho imparato che tutto può cambiare in qualsiasi momento. Vincere la nostra indifferenza nei confronti delle persone può cambiare la vita di qualcuno,” ha dichiarato a RuNet Echo.

Molte delle persone che Ryabtseva ha intervistato hanno espresso una profonda gratitudine per volontari che lavorano presso i rifugi di San Pietroburgo.

Я даже в голове знать не знал и не мог себе представить, что такие как мы, оказывается, кому-то нужны. Что это их профессия. Я не хочу громких слов говорить, но я здесь в людей поверил.

Non avevo idea e non potevo neanche immaginare che a qualcuno importasse di gente come noi e che questo fosse il mestiere di alcune persone. Non vorrei sembrare sdolcinato ma questo mi ha fatto acquistare la fiducia nelle persone.

Ci sono ancora alcune storie non pubblicate, salvate nelle cartelle di Ryabtseva. C'è un uomo che viveva per strada e che ora ha di nuovo una casa. “Ora lui dice [dei senzatetto] che la colpa è loro,” racconta Ryabtseva a RuNet Echo. “Si considera un uomo forte ed è convinto che le persone che non riescono a risolvere le proprie sfortune sono deboli. Probabilmente questo lo aiuta a dimenticare i suoi stessi problemi,” dice.

Ryabtseva crede che a San Pietroburgo l'atteggiamento nei confronti dei senzatetto stia lentamente evolvendo, e attribuisce questi cambiamenti alla crescente attenzione dei media. Stando a quel che si dice, il rifugio Nochlezhka sta attirando sempre più volontari e la struttura sta anche ricevendo delle donazioni significative.

“Lo scopo del progetto,” dice Ryabtseva, “è di abbattere gli stereotipi, cosicché più gente si fermi e veda una persona, quando in passato avrebbe solo ignorato ‘uno straccione.’”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.