chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Minacciate di sospensione dei propri diritti, le Maldive si alzano e lasciano il Commonwealth

The Commonwealth Heads of Government Meeting 2011- leaders family photo: Queen and leaders. Image from Flickr by The Commonwealth, CC BY-NC-ND 2.0

La riunione dei capi di governo del Commonwealth 2011. La regina e i capi di stato. Immagine da Flickr di The Commonwealth, CC BY-NC-ND 2.0

Il 13 ottobre, il governo delle Maldive ha annunciato che il Paese avrebbe lasciato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] il Commonwealth delle nazioni, un'organizzazione intergovernativa composta da 53 stati membri che erano principalmente ex territori dell'Impero Britannico. Nel 1982 le Maldive si è aggiunta in questo gruppo elitario [it] che condivide i valori della democrazia, i diritti umani e la legge.

La decisione viene quando il Commonwealth Ministerial Action Group, un gruppo a rotazione di ministri degli esteri di 8 Stati membri, ha convocato un incontro a settembre e ha discusso della mancanza di progressi delle Maldive nel risolvere una crisi politica prolungata. L'incontro ha messo le Maldive su una lista nera e ha avvertito che se non ci dovessero essere segni di sostanziali progressi tra le aree prioritarie, prima del prossimo incontro che si terrà a marzo 2017, il gruppo prenderebbe in considerazione la sospensione del Paese dal Commonwealth. 

L'incontro ha preso la decisione sulla base del rapporto dell'inviato speciale del Commonwealth Willy Mutunga, l'ex capo di giustizia del Kenya che ha visitato le Maldive due volte e ha interagito con persone di classi sociali differenti. Matunga ha detto nel rapporto che ” un alto livello di paura e intimidazione politica prevale nello stato insulare”.

Alle Maldive prevale un alto livello di paura e intimidazione, afferma il Commonwealth…

Solo nell'ultimo mese, un inchiesta di Al Jazeera ha accusato il presidente delle Maldive Abdulla Yameen e il suo governo di corruzione e di riciclaggio di denaro. L'opposizione politica maldiviana ha detto che l'amministrazione sta provando ad usare l'intimidazione per coprire le accuse che il governo ha negato.

L'ascesa al potere in un elezione controversa del 2013 ha condotto a regolari crisi politiche alla prosecuzione di figure politiche, incluso l'ex presidente Mohamed Nasheed [it] che è stato condannato a 13 anni di prigione per accuse terroristiche ed è attualmente esiliato in Gran Bretagna.

Alcuni maldiviani non erano contenti della pressione proveniente dal Commonwealth:

Commonwealth con le bande di pressione dell'opposizione delle Maldive; smettila di minacciarci. Vivi e lascia vivere prima pulisci il tuo giardino.

Molti politici hanno anche accusato il Commonwealth di fare pressione sulle Maldive per ciò che riguarda le questioni interne.

I ministri delle Maldive accusano il Commonwealth di tattiche prepotenti, evidenziano l'azione contro il paese dopo la cacciata del presidente nel 2012.

Il 13 ottobre, il ministro degli Esteri Mohamed Asim ha dichiarato in una conferenza stampa che la decisione di lasciare il Commonwealth era “estremamente difficile”, ma era necessaria per “proteggere la sovranità” dell'arcipelago.

Sentendo la notizia, l'ex presidente Maumoon Abdul Gayoom ha espresso il suo disappunto su Twitter:

Come qualcuno che ha portato le Maldive nel Commonwealth 34 anni fa, sono deluso che ce ne siamo andati. L'isolamento non risolverà i nostri problemi.

Il supporto del Commonwealth si è rivelato vitale per superare molte delle vulnerabilità delle Maldive in passato. Speriamo di ricongiungerci.

Anche altri hanno reagito:

La decisione delle Maldive di lasciare il Commonwealth sconvolgerà i vicini. Il peggior errore di politica estera di sempre! Tempi difficili in arrivo!

Noi, come fottuti cittadini, non abbiamo voce in capitolo se vogliamo o meno far parte del Commonwealth? O le Maldive sono solo un paese di un uomo ora?

Althaf Ali ha scritto su Facebook:

The decision by the government to leave the Commonwealth is deeply disappointing and irrational. This will however, not put an end to international calls on the government to restore democractic values and adhere to the constitution, but this is a step backwards, a loss of opportunities and isolation in an era of global inclusion and diversity.

La decisione del governo di lasciare il Commonwealth è profondamente deludente e irrazionale. Ciò, tuttavia, non porrà fine agli appelli internazionali al governo per ripristinare i valori democratici e aderire alla costituzione, ma questo è un passo indietro, una perdita di opportunità e di isolamento in un'era di inclusione e diversità globali.

Il principale partito di opposizione delle Maldive ha criticato il presidente Yameen per aver lasciato il Commonwealth di fronte alle crescenti critiche sui suoi diritti.

Molti temono che questa uscita dal Commonwealth costerà cara alle Maldive, soprattutto nel campo dello sport, delle borse di studio giovanili e metterà il Paese in isolamento internazionale.

Storie recenti Asia meridionale

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.