chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

La lotta di una madre per suo figlio rivela il sessismo delle istituzioni libanesi

Activists marching to demand Fatima's freedom on November 7, 2016. Photo taken by Whard Sleiman.

Attivisti in marcia per chiedere libertà per Fatima il 7 novembre 2016. Foto di Whard Sleiman ripubblicata con permesso.

Dopo aver passato una settimana chiusa in carcere, Fatima Ali Hamzeh continua a rifiutarsi di concedere la custodia del figlio a suo marito, sposato ora con una seconda donna mentre continua a negare il divorzio a Fatima. E’ stato lui a mandare la polizia ad arrestare Fatima, insegnante, quando avrebbe “violato la legge”, dicendo che non avrebbe ceduto la custodia del bambino.

Il 5 novembre 2016, donne e bambini hanno marciato insieme per le strade di Beirut chiedendo il rilascio di Fatima.

Rahal, collega di Fatima, ha detto a Global Voices che l'ha vista tornare da scuola quando ha visto suo marito aspettarla fuori casa con la polizia [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]:

Quel giorno, quando è tornata da scuola con il pulmino scolastico, suo marito la stava aspettando con la polizia per arrestarla.

Due giorni dopo le manifestazioni, Fatima è stata liberata su cauzione, in attesa del processo. L'organizzazione “Proteggiamo le Donne Libanesi” (PLW) ha filmato il rilascio di Fatima condivedendolo poi su Facebook, dove è stato visualizzato più di 37.000 volte. Nel video, Fatima dice alla folla, “Ora ho iniziato una rivoluzione contro l'oppressione delle donne. La mia causa è quella di tutte le donne.”

Fatima and her son Ali. Photo by 'Protecting Lebanese Women' on Facebook.

Fatima e suo figlio Ali. Foto della pagina “Proteggiamo le Donne Libanesi” su Facebook.

La causa di Fatima riguarda la lotta per riformare le leggi sullo statuto personale in Libano. Come Human Rights Watch ha spiegato nel 2015:

In Libano, leggi sullo statuto personale basate sulle credenze discriminano le donne in tutto lo spettro religioso e non ne garantiscono i diritti fondamentali […] Il Libano ha 15 leggi distinte sullo statuto personale, in base alle religioni riconosciute nel paese, ma nessun codice civile che copra questioni come il divorzio, i diritti di proprietà o la cura dei bambini. Queste leggi sono amministrate da tribunali religiosi autonomi con poco o nessun controllo da parte del governo, e spesso emettono sentenze che violano i diritti umani delle donne.

Il caso di Fatima è solo l'ultimo esempio dell'impatto che tali leggi possono avere sui cittadini comuni. Suo figlio, Ali, ha quattro anni. Fatima avrebbe “dovuto” rinunciare al suo diritto di custodia al compimento dei due anni del bambino, ma lei si è rifiutata e si continua a rifiutare di lasciarlo andare, fino a quando non raggiunge l'età adulta.

Balsam Haidar, una delle colleghe di scuola di Fatima, ha detto a Global Voices che Fatima ha sofferto negli ultimi quattro anni:

Era la madre ed il padre allo stesso tempo. Si prendeva cura del figlio e di ciò di cui aveva bisogno, mentre il padre non paga una lira per il bambino.

In risposta, PLW ha organizzato una protesta [ar], attirando centinaia di manifestanti libanesi che chiedevano riforme.

Una delle organizzatrici, Nadyn Jouny, ha dichiarato a Global Voices che la protesta ha attirato molte più persone del previsto:

Dopo quattro anni di sofferenze e senza essere capace di vedere mio figlio, questo è il primo anno in cui posso urlare e alzare la voce. Avevo così tanta energia che le urla hanno lasciato uscire tutto il dolore. Per un secondo, ho sollevato la testa per osservare la gente intorno a me, e sono rimasta sorpresa dal numero di donne che piangevano dolorosamente davanti ai miei occhi.

Jouny ha ripetuto uno dei canti sentito alla protesta, “Non molleremo!” e ha aggiunto:

Tutte le lacrime che abbiamo versato si trasformeranno in speranza, negli occhi di mia madre, dei parenti, di tutti coloro che lottano per questa causa, e soprattutto in quelli di mio figlio, Karam.

Un'altra attivista femminista che ha lottato per i diritti delle donne per anni, ha spiegato perché questa protesta è stata unica:

Credo che questa protesta sia stata una delle manifestazioni più importanti per quanto riguarda i diritti delle donne in Libano, in quanto è stata organizzata e guidata da donne della setta sciita, e dal momento che è stata guidata da donne che sono state escluse dalla scena dell'attivismo in Libano.

Una giovane attivista aggiunge:

Per la prima volta vediamo donne e uomini discutere il patriarcato come mai hanno fatto in precedenza. Abbiamo sentito donne e uomini difendere i diritti delle donne, e parlare di come la religione abbia ostacolato le donne nell'ottenere i propri diritti.

Il 16 novembre, fonti vicine al caso hanno detto a Global Voices che si dovrebbe arrivare ad un accordo definitivo tra tutte le parti:

Domani, giovedì 17 novembre, Fatima dovrà affrontare il marito in tribunale, e i giudici hanno suggerito una “conciliazione”.

Global Voices ha avuto informazioni su Fatima che si è detta pronta a cedere i propri diritti economici dopo il divorzio dal marito, per poter rimanere con il figlio. Questo, secondo la fonte, è pari ad un ricatto, dal momento che esenta il marito dalle sue responsabilità finanziarie verso di lei e loro figlio.

Un'altra fonte, che ha preferito rimanere anonima, ha detto a Global Voices che Fatima ha chiesto una piccola quantità di denaro per il mantenimento del figlio, dal momento che si è presa cura di tutte le spese per parecchi anni. La fonte ha aggiunto:

Perché il padre non si prende cura del proprio figlio? … Basta solo piangere in TV e dire che gli manca?

La corte non ha emesso alcuna decisione relativa alle spese della coppia dal 2015. Nel corso degli anni, inoltre, la corte ha ignorato diverse richieste di Fatima.

Questo l'ha fatta sentire persa, non sapendo se avrebbe ottenuto il divorzio o no. Proprio come suo marito voleva che si sentisse.

Al momento in cui scriviamo, la prima comparizione in tribunale di Fatima è stata programmata. Secondo la sorella:

Nella sessione del tribunale che oggi doveva essere di conciliazione, né Fatima né suo marito hanno partecipato. C'erano solo i loro avvocati davanti la corte. La sessione è stata rinviata per il prossimo giovedì, e Fatima e suo marito dovranno presentarsi per trovare una soluzione definitiva. Oggi, tuttavia, l'avvocato del marito ha proposto una soluzione alla controversia per quanto riguarda solo la parte relativa al bambino, mentre l'avvocato di Fatima (sua sorella Fadia Hamza) ha richiesto che la controversia sia completamente risolta, compresa la parte relativa alla responsabilità del padre nel prendersi cura degli oneri finanziari della madre e del bambino. L'avvocato del marito ha chiesto che il bambino rimanga per tre giorni con il padre e quattro con la madre, mentre il giudice ha suggerito il bambino rimanga per cinque giorni con la madre, e due giorni con il padre. Tuttavia, la madre ha paura di perdere il figlio se questa soluzione venisse messa in atto, soprattutto dal momento che deve andare a scuola.

Ancora non sappiamo come si svilupperà questo caso. Ma stiamo assistendo alla rinascita del movimento dei diritti per le donne in Libano?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.