chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Ragazze siriane ringraziano i soldati russi nel calendario sexy finanziato dal Cremlino

“I was scared we'd never see each other again,” Miss March tells Russian soldiers. Source: FromSyriaWithLove.ru

“Ero spaventata al pensiero che non ci saremmo mai più rivisti” dice Miss marzo ai soldati russi. Fonte: FromSyriaWithLove.ru

Quest'anno, circa 4.000 organizzazioni non-profit hanno presentato la richiesta per le sovvenzioni del Cremlino, sperando di vincere i fondi per i progetti volti alla promozione dell'atletica, dei valori, e della scienza per i giovani russi. Circa 238 milioni di rubli (3,8 milioni di dollari) sono stati spartiti e distribuiti per 70 progetti differenti [ru, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]. In particolare, uno dei nove operatori addetti alle sovvenzioni, la Russian Union of Youth [en], ha ricevuto il compito di “promuovere l'eredità culturale russa.”

Così, otto mesi dopo, il pubblico ha potuto avere un assaggio della cultura popolare russa: un calendario patinato con una dozzina di belle ragazze siriane, che posano accanto a citazioni accattivanti che elogiano l'intervento armato di Mosca nel Medio Oriente. Ogni donna indossa il copricapo “kokoshnik”, “come segno di rispetto per la Russia.”

Il calendario è la versione meno erotica di quello che Vladimir Putin ricevette sei anni fa per il suo 58esimo compleanno. Quel calendario mostrava donne seminude [en], studentesse del dipartimento di giornalismo dell'Università Statale di Mosca, assieme a brevi messaggi sfacciati che alludevano all'irresistibile virilità di Putin.

La creazione più recente non ha carattere sensuale come nel regalo di compleanno del 2010, ed è anche meno esclusiva. Questa volta, le foto delle ragazze sono indirizzate agli “ufficiali militari russi”, e una partita speciale è stata inviata alle truppe in Siria il 17 dicembre.

Per non dimenticare completamente Putin, i soldati russi riceveranno anche un ricordo del proprio presidente più in là durante l'anno, in occasione del compleanno. “Dimmi chi è il tuo capo e ti dirò chi sei,” dice Miss Ottobre, la donna identificata col nome di Yara Khasan.

fdg

Miss Ottobre chiama gli uomini russi alle armi. Fonte: FromSyriaWithLove.ru

Gli altri mesi contengono messaggi ammiccanti simili con lo scopo di comunicare la gratitudine delle donne sollevate, salvate, e forse eccitate. “Voi avrete anche le vacanze, ma io ho ricevuto i regali,” scherza Miss Febbraio, il mese in cui la Russia celebra il Giorno dei Difensori della Patria.

Non è chiara la data di ultimazione del calendario, ma alcune delle battute mensili provocano una smorfia di disappunto per la loro arretratezza. Miss Agosto, ad esempio, assume una posizione di preghiera e dice, “Il destino di Palmira è nelle vostre mani,” facendo riferimento alla città antica della Siria presa a marzo dalle forze del governo con il supporto aereo russo, e poi improvvisamente ricatturata dai combattenti dello Stato Islamico la settimana dell'11 dicembre.

august-model

“Il destino di Palmira è nelle vostre mani,” dice Miss agosto. Fonte: FromSyriaWithLove.ru

A novembre, il calendario osserva anche il giorno in cui portaerei più vecchio della Russia, l'”Ammiraglio Kuznetsov,” arrivò sulle coste della Siria per aiutare nella guerra aerea. Sin dall'arrivo della nave, tuttavia, due aerei si sono schiantati [en] mentre cercavano di atterrare sull'imbarcazione, a causa di problemi sul ponte di lancio.

Il calendario è frutto del lavoro di un gruppo dal nome “Citizen,” che la Russian Union of Youth ha selezionato per ideare il progetto, con l'intento di individuare “giovani artisti talentuosi” capaci di esprimere “i valori culturali e nazionali” del paese, così come anche le “vittorie e i traguardi della Russia moderna.”

Il calendario è di certo un monumento alla vittoria russa, e i suoi autori non hanno nascosto il proprio disprezzo per la riluttanza dimostrata dagli americani a unirsi a Mosca nella difesa del regime di Assad. In un comunicato stampa del 15 dicembre, gli ideatori hanno scritto:

«В последнее время западные СМИ часто ссылаются на аккаунты “сирийских девочек”, которые на безупречном английском пишут о том, как они ежедневно страдают от действий русских. Причём эти “девочки” даже не могут ответить по-арабски на предложения о помощи. Все большему числу людей становится понятно, что эти пронзительные истории пишут не восьмилетние девочки, а SMMщики ЦРУ, но для организаторов и участниц проекта важно, чтобы те, кто сражается с террористами, знали, что думают о них настоящие дочери Сирии».

Di recente, i media occidentali citano spesso gli account [social] di “bambine siriane” che scrivono in un perfetto inglese di come soffrano quotidianamente a causa di quello che stanno facendo i russi. E queste “bambine” non sanno neanche rispondere in arabo quando qualcuno si offre di aiutarle. Un numero crescente di persone sta iniziando a capire che questi racconti spontanei non vengono scritti da bambine di otto anni, ma dagli esperti di social-media della CIA. Gli organizzatori e i partecipanti di questo progetto, tuttavia, pensano che sia importante che gli uomini [russi] che combattono i terroristi [in Siria] siano a conoscenza che le vere ragazze siriane li pensano.

L'osservazione fatta sui social media e sulle bambine di otto anni si riferisce probabilmente a Bana Alabed, una bambina di sette anni la cui madre scrive dei tweet dalla parte est di Aleppo, attualmente in mano ai ribelli. Bana ha raggiunto la fama dei media alla fine di settembre, rispondendo furiosamente ai troll pro-Assad e a chi ha cercato di screditare la sua esistenza sul web. Il 14 dicembre, il sito web di giornalismo investigativo cittadino Bellingcat ha pubblicato una ricerca [en] che fornisce delle prove consistenti sulla reale esistenza della bambina che vivrebbe ad Aleppo est.

Il presidente della Russian Union of Youth è Pavel Krasnorutsky, uno di quelli che vengono chiamati i “delegati” di Vladimir Putin, autorizzato a parlare per conto di Putin durante la campagna presidenziale del 2012. Dopo aver vinto la corsa, Putin ha mantenuto attivo il programma di delegazione, e Krasnorutsky contribuisce ancora regolarmente con la propria competenza sulle questioni educative.

Aggiornamento: Il sito russo TJournal riporta che almeno alcune delle donne presenti sul calendario si sono sentite mortificate quando hanno saputo delle frasi allusive attribuitegli. Yara Khasan, o Miss Ottobre, a quel che si dice ha postato un messaggio su Facebook rivolto solo ai suoi amici, assicurando le sue conoscenze in Siria che lei e le altre donne non sapevano nulla delle citazioni spinte del calendario.

“Pensavamo che si trattasse solo delle nostre foto,” ha detto Khasan a TJournal. “Ma siamo rimaste scioccate quando abbiamo visto il calendario online con queste stupide frasi. […] Ho spiegato alla mia cerchia di amici su Facebook quello che è successo, perché la reazione in Siria è stata terribile. Tutti sono furiosi per queste frasi.”

Khasan dice che a lei e alle altre modelle è stato soltanto detto che il calendario aveva lo scopo di ringraziare i soldati russi per la loro lotta contro il terrorismo in Siria. Khasan ha chiesto ai realizzatori del calendario di cancellare le frasi allusive, ma sembra che le copie siano già state spedite alle truppe in campo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.