chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Lo scrittore inglese di horror Graham Masterton organizza un concorso letterario per i detenuti polacchi

A 1945 postcard showing the prison in Braniewo, Poland. Public domain via Wikimedia Commons.

Una cartolina del 1945 che raffigura la prigione di Braniewo, in Polonia. Pubblicata tramite Wikimedia Commons.

Il celebre scrittore britannico di storie horror Graham Masterton [en, come i link seguenti] ha organizzato una competizione allo scopo di reinserire nella società dei detenuti polacchi attraverso la scrittura creativa. Masterton, tramite i media, ha annunciato che verrà assegnato un premio dal titolo “Written in Prison” (scritto in prigione) per i racconti migliori:

“I came up with the idea after visiting Wolow maximum security prison near Wroclaw in October last year. The prisoners were all very well-read and interested in my books and in writing in general. In fact they were one of the most enthusiastic audiences I have ever had.”

“Ho avuto questa idea ad ottobre dell'anno scorso, dopo aver visitato il carcere di massima sicurezza di Wolow, nei pressi di Breslavia. I detenuti erano tutti molto colti ed interessati sia ai miei libri che alla scrittura in generale; sono stati il pubblico più entusiasta che io abbia mai avuto”.

L'autore ha scritto una lettera ad ogni singolo detenuto, incoraggiandoli a partecipare al suo contesto letterario e a liberare la loro creatività e immaginazione.

15871628_1197760513610553_9070029769602193351_n

L'autore Graham Masterton (a sinistra) durante l'incontro con la guardia carceraria di Wolow, Robert Kuczera (destra). Foto inserita sulla pagina Facebook dell'autore, usata con il suo consenso.

“Gli inviti per vincere il concorso ’Graham Masterton Written in Prison Award‘ sono stati mandati a tutti e 71,000 i detenuti del carcere polacco.

I detenuti possono partecipare con un racconto su qualsiasi tema (il termine ultimo per iscriversi al concorso è la fine del mese di marzo). I racconti verrano tradotti in inglese e Masterton sceglierà personalmente le tre storie miglori, per poi recarsi in Polonia a giugno per presentare i premi. Tra questi sono inclusi una targa incisa, ceste di frutta e dolci, e libri pubblicati dalla casa editrice Rebis Publishing House. Se il contest avrà successo, l'autore ha intenzione di proporlo anche nel Regno Unito e in Irlanda.

Il famoso romanziere ha dei legami con Polonia: il suo bisnonno, polacco, emigrò in Inghilterra negli anni novanta dell'Ottocento per disertare il servizio militare presso l'armata dell'impero russo.

Il romanzo di Masterton “Il manitou” (1978) è stato il primo libro dell'orrore ad essere pubblicato in Polonia dai tempi della seconda guerra mondiale. Lo scrittore è stato talmente colpito dall'interesse mostrato per i suoi libri e dalle domande molto intelligenti che i detenuti del carcere di Wołów hanno fatto che ad essi non solo è piaciuto cimentarsi nella scrittura dei loro racconti, ma ne hanno ricavato importanti benefici:

“Most people have some kind of a story to tell, but prison inmates never get the chance to express their ideas and their emotions to the outside world. By entering the Graham Masterton ‘Written In Prison’ contest, they can feel that their stories are being given attention beyond the walls of their cells.”

“La maggior parte delle persone ha una propria storia da raccontare, ma i detenuti non hanno mai la possibilità di esprimere le loro idee e le loro emozioni pubblicamente. Partecipando al concorso ’Written in Prison‘, invece, le loro storie possono essere ascoltate oltrepassando lo stretto spazio di una cella”.

La risposta della guardia carceraria di Wołów e della popolazione di Breslavia è stata da subito positiva, e il contest avrà anche il grande supporto degli editori di Masterton a Poznan, Rebis, e la biblioteca pubblica di Breslavia.

In una citazione, Masterton ha detto:

“I detenuti possono scrivere di tutto ciò che desiderano. Anche se sono chiusi in un carcere, voglio che liberino la loro immaginazione ”.

Le reazioni della stampa polacca al concorso di Masterton è stata incredibilmente positiva.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.