chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Maldiviani indignati per un accordo che prevede la “vendita” dell'atollo di Faafu all'Arabia Saudita

Un attuale resort in un isola dell'atollo di Faaafu, Maldive. Imagine da Flickr di Warren Rohner. CC BY-SA 2.0

Il re dell'Arabia Saudita Salman Salman bin Abdulaziz al-Saud ha in programma di visitare [en, come tutti i link successivi, salvo diversa  indicazione] lo stato insulare delle Maldive [it] il mese prossimo, e secondo le voci che stanno circolando firmerà un accordo storico per affittare l'atollo di Faafu per più di 99 anni in modo da sviluppare una zona economica speciale. 

I dettagli dell'accordo non sono ancora consultabili, ma ciò non ha fermato i maldiviani dal protestare sui social media contro questo ipotetico piano che molti hanno descritto come il governo che “svende” i territori nazionali.

Isole delle Maldive vendute ai super ricchi del mondo. La gente del posto deve essere spostata con la forza e affollata in una manciata di aree bonificate designate.

È ora di immagazzinare alcuni granelli di sabbia dalle spiagge dell'atollo di Faafu.Un promemoria di quando il nostro piede lo percorreva liberamente. Fu allora che lo possedevamo.

Secondo le notizie, i sauditi sono interessati ad acquistare l'atollo maldiviano per sviluppare una città di livello mondiale per i ricchi di tutto il mondo. I loro occhi sono, presumibilmente, concentrati su Faafu [it] o sull'atollo settentrionale di Nilandhe, il quale comprende 18 isole, cinque di queste sono abitate da circa 6000 cittadini.

Il 24 gennaio il presidente maldiviano Abdulla Yameen Abdul Gayoom ha dichiarato in un discorso ai cittadini di Magoodhoo, una delle isole abitate dell'atollo di Faafu, che il governo saudita ha un particolare interesse per l'atollo di Faafu. Il presidente ha anche detto che il progetto porterebbe migliaia e migliaia posti di lavoro.

Secondo il Maldive Finest, un sito web incentrato sui resort del paese, i piani sauditi per l'atollo di Faafu includono la costruzione di una città internazionale con servizi all'avanguardia, tra cui succursali delle migliori università del mondo, strutture per i media e per il tempo libero, negozi e ristoranti per accompagnare le bellezze naturali e le spiagge dell'isola.

Tuttavia, ci sono voci diffuse sulla presunta vendita di parte dell'atollo ai sauditi. L'organizzazione anti-innesti Transparency Maldives ha esortato il governo a divulgare i suoi piani per l'atollo di Faafu.

Lo scorso settembre, un'inchiesta investigativa di Al Jazeerra intitolata “Stealing Paradise” ha rivelato casi di corruzione del presidente Abdulla Yameen e del suo governo (vedi il report di Global Voices). Il documentario ha esposto 59 accordi di locazione di terreni corrotti di cui il vicepresidente organizzaca accordi con i maggiori casinò e compagnie alberghiere che affittava intere isole per una somma che raggiunge i milioni. La tesoreria delle Maldive ha visto solo una piccola parte di questi incassi, mentre il resto all'incirca 80 milioni di dollari — è stato distribuito alle società di parenti e amici del presidente. 

Aisha Hussain Rasheed ha scritto uno stato su Facebook sul perché si oppone alla vendita dell'atollo di Faafu:

Maldivians, today, are suffering the consequences of allowing political elites make decisions on our behalf without any accountability; getting behind decisions made by political leaders based only on short term personal benefits, partisan political interests and empty nationalistic, religious or political rhetoric. The possible sale of Faafu atoll (or part of the atoll) to the Saudis is not just on the government; it's also on the opposition, which allowed the constitutional amendment to go through, because that MIGHT secure the release of THEIR president. It's also on all of us, for allowing this system and atmosphere to continue.

I maldiviani, oggi, stanno soffrendo le conseguenze del permettere alle élite politiche di decidere per loro conto senza nessuna responsabilità; guardando il mondo attraverso decisioni fatte da leader politici che guardano a benefici personali a breve termine, a interessi politici di parte e a vuota retorica nazionalista, religiosa e politica. La possibile vendita dell'atollo di Faafu (o parte di esso) ai sauditi non spetta solo al governo; ma anche all'opposizione che ha permesso l'approvazione dell’ emendamento costituzionale, perché POTREBBE garantire il rilascio del LORO presidente. Spetta anche a tutti noi, per aver permesso a questo sistema e a questa atmosfera di continuare.

Mohamed Shahid ha chiamato i cittadini all'azione:

This is no time for despair or giving up. This is a time for organizing, stop selling our Islands and reefs and Faafu Atoll fighting back.

Questo non è tempo di scoraggiarsi o arrendersi. Questo è il tempo di organizzarsi per fermare la vendita delle nostre isole, delle nostre barriere coralline e dell'atollo di Faafu, lottare per avere tutto indietro.

Su Twitter, On Twitter, le persone sfogavano la loro rabbia usando l'hashtag #SaveFaafu:  

Noi, il popolo delle Maldive, siamo totalmente contrari alla vendita o alla locazione di terreni delle #Maldive in un altro paese.

Draga le lagune di Faafu, bonifica terreni, costruisci ville sull'acqua e spa, vendi a super ricchi; I Faaf lavorano come maggiordomi, addetti alle pulizie, camerieri.

Sono contrario alla vendita di terreni agli stranieri senza l'opinione della gente. Smetti di vendere l'atollo di Faafu alla famiglia reale saudita.

Tutti i poteri dello Stato delle #Maldive derivano e rimangono con i cittadini.

Sono un maldiviano e sono contrario alla vendita dell'atollo di Faafu o di qualsiasi isola dal mio paese all'Arabia Saudita o a qualsiasi altra parte straniera #saveFaafu.

“Faafu”  non è solo il nome dell'atollo, ma è anche una lettera dell'alfabeto del linguaggio maldiviano Dhivehi. L'utente di Twitter, Tedry ha condiviso un'immagine dell'alfabeto con la lettera sostituita con un'immagine del re saudita:

Niente più Faafu.

I media mainstream delle Maldive non riportano molto e c'è un rapporto secondo cui ai giornalisti sono stati dati “regali” in contanti durante un evento dell'ambasciata saudita:

Questa è corruzione potrebbe essere mettere a tacere le critiche sui negoziati per vendere l'atollo di Faafu all'Arabia Saudita o per una copertura favorevole della visita di King.

Il presunto accordo avrà anche implicazioni geopolitiche, sostiene Mickail Naseem:

La vendita dell'atollo di Faafu non significa solo meno terra per i nativi, ma implicazioni molto più ampie. Consente alle nostre isole di essere utilizzate per situazioni di stallo geopolitico.

Storie recenti Asia meridionale

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.