chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

In Azerbaigian, l'ennesimo blogger finisce in prigione

L'attivista azero Emin Milli, che ha documentato una serie di violazioni dei diritti umani nel paese, mentre parla con un giornalista alla sede di Ginevra dell'ONU. Dall’ account ufficiale su Flickr di United States Mission Geneva. Dominio pubblico.

Il 3 marzo 2017, a Baku, il famoso video blogger Mehman Huseynov è stato condannato a due anni di carcere per diffamazione.

Nella sua dichiarazione finale, Huseynov ha definito la sentenza come fasulla, aggiungendo che a qualcuno non deve essere piaciuto il suo lavoro e che per quel motivo lo hanno punito.

Huseynov è uno degli amministratori di una nota pagina Facebook in cui condivide video su diversi argomenti, che spaziano dalle difficili condizioni dei lavoratori allo stile di vita sfarzoso e le proprietà immobiliari dei funzionari di governo. La sua pagina è seguita da più di 300,000 persone.

I gruppi che si impegnano nella difesa dei diritti e gli osservatori azerbaigiani hanno subito lanciato un appello affinché il governo autoritario azero rilasciasse il giovane blogger [en, come tutti i link seguenti, salvo diversa indicazione].

Invece di indagare sulle accuse attendibili di maltrattamento, l'Azerbaigian condanna l'aperto oppositore del governo Mehman Huseynov a due anni di carcere.

INACCETTABILE: il blogger azero Mehman Huseynov condannato a 2 anni per false accuse di diffamazione.

Pensi che imprigionare e punire difensori dei diritti umani non sia un problema… Noi ci opponiamo! Rilasciate Mehman Huseynov.

Il tempismo dell'arresto di Huseynov non è stato dei migliori dal punto di vista del governo. Human Rights Houses, organizzazione in difesa dei diritti con sede a Ginevra, ha condiviso un tweet in cui afferma che porterà la questione all'attenzione della trentaquattresima riunione del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e richiederà il rilascio di Huseynov.

Parleremo al HRC34 tra 45 minuti, richiedendo il rilascio immediato e incondizionato di Mehman Huseynov.

Un'altra preghiera fatta. Siete soddisfatti ora? [azero]

Huseynov è stato arrestato il 9 gennaio nel centro di Baku, capitale dell'Azerbaigian, da un gruppo di poliziotti in borghese.

È stato tenuto in isolamento per la notte, accusato di aver violato alcune norme amministrative. Il giorno seguente, un tribunale lo ha multato per 200 AZN (più di 100 dollari) con l'accusa di aver disobbedito alla polizia (Articolo 535.1 del Codice di Illeciti Amministrativi).

Dopo la sua breve detenzione, parlando ai giornalisti, Huseynov ha raccontato che la polizia gli ha messo un sacco sulla testa e ha usato la forza contro di lui. L'11 gennaio, il suo avvocato Elchin Sadigov ha pubblicato delle fotografie del corpo di Huseynov che mostravano segni di tortura e dei suoi vestiti ricoperti di sangue.

Arrestare, silenziare e intimidire giornalisti, blogger e attivisti è ormai diventata pratica abitudinaria in Azerbaigian, ma Huseynov è il primo blogger o giornalista ad essere ufficialmente condannato per diffamazione da un tribunale del paese.

In casi del passato, giornalisti o blogger sono stati condannati (spesso erano fesserie) per possesso di narcotici, vandalismo, abuso di potere ed evasione fiscale.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.