chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Questa foto di profughi è stata scattata il 17 marzo al confine italo-francese? No.


Questo post proviene dal lavoro collaborativo di verifica delle redazione francese e inglese con CrossCheck (francese | inglese | spagnolo), una collaborazione senza fine di lucro per combattere la disinformazione online e viene ripubblicato grazie a un accordo con Global Voices.

Una foto che mostra una presunta ondata di rifugiati è stata condivisa più di 2000 volte il week-end del 17 marzo dalla pagina Facebook «SOS racisme-anti-blanc» (SOS razzismo anti-bianco). In base questa fonte, che condivide spesso contenuti ostili sull'immigrazione, miglialia di profughi avrebbero attraversato quel giorno il confine franco-italiano vicino a Menton. La foto condivisa è in realtà del 18 settembre 2015 ed è stata scattata da un fotografo dall'agenzia Reuters vicino a Edirne, in Turquia.

In questo periodo, la crisi migratoria è in pieno svolgimento e miglialia di profughi di Siria e Afghanistan vengano in Europa. Degli inviati speciali seguano la loro lunga marcia c'è Osman Orsal, fotografo per l’agenzia Reuters e autore della foto. Un'indagine accurata dell’ immagine ha rivelato che in realtà si vede un gruppo camminare sull'autostrada turca O-3 da Istanbul a Edirne. Peraltro, il cartello stradale indica in prossimità la stazione degli autobus di Edirne che gli darà un accesso al confine greco.

Segui più articoli su altre falsificazioni di notizie e sulle elezioni in Francia cliccando qui.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.