chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Vita quotidiana in un lebbrosario del Myanmar

Lebbrosario St. Joseph Cotto Legnos nello stato meridionale di Shan. Foto di Pyay Kyaw/The Irrawaddy

Questo articolo [en] scritto da Pyay Kyaw è stato pubblicato in origine da The Irrawaddy, un sito di news indipendente del Myanmar, e viene ripubblicato da Global Voices come parte di un accordo di condivisione dei contenuti.

Situato a sette miglia dalla cittadina di Loilen, nello stato meridionale di Shan, il Lebbrosario ‘St. Joseph Cottolengo’ – conosciuto localmente come Centro per i Lebbrosi di Hohkay – è stato fondato da un sacerdote italiano oltre 70 anni fa ed ospita oggi 90 lebbrosi provenienti da tutto il Myanmar.

I pazienti, di età compresa tra i 13 e gli 80 anni, hanno spesso arti deformati dalla malattia e vengono assistiti dai sacerdoti.

Gli ospiti del centro coltivano la terra e allevano bestiame, ma i loro prodotti vengono schivati nei mercati locali a causa del pregiudizio nei confronti della malattia.

La maggior parte dei pazienti non pensa più di tornare dalla propria famiglia, ma affida il proprio destino a Dio.

Una di questi pazienti, di nome Maya, ha dichiarato che finirà i suoi giorni nel centro. Ricorda di quando è stata obbligata a vivere nel cimitero della propria cittadina a causa della sua malattia e doveva sgattaiolare fuori di notte per andare a trovare la famiglia.

Il centro non riceve sussidi governativi nonostante l’assistenza che fornisce ai malati e fa affidamento solo sulle donazioni di altri paesi.

I sacerdoti hanno anche creato una colonia di cinque villaggi, che possono ospitare fino a 300 persone, per i pazienti che non desiderano vivere nel centro.

Nel 2003, il governo aveva annunciato di essere riuscito a raggiungere prima del previsto l’obiettivo di ridurre l’incidenza della malattia a meno di un caso ogni 10.000 persone.

Anche se negli ultimi 10 anni il numero di nuovi casi è diminuito nel Myanmar, secondo l’Ospedale Generale di Yangon ci sono stati 2.877 casi nel 2014 e 2.571 casi nel 2015.

Le seguenti foto mostrano la vita quotidiana di coloro che vivono nel centro per i lebbrosi:

Ogni mattina alle 6, i pazienti, molti dei quali piuttosto fragili, recitano le preghiere nella cappella del centro. Foto e didascalia di Pyay Kyaw/The Irrawaddy

I pazienti più forti cucinano per quelli più deboli. Foto e didascalia di Pyay Kyaw/The Irrawaddy

I pazienti che vivono nel centro coltivano la terra e allevano animali, ma i loro prodotti vengono schivati nei mercati locali a causa del pregiudizio nei confronti della malattia. Foto e didascalia di Pyay Kyaw/The Irrawaddy

Attività agricole nel centro. Foto di Pyay Kyaw/The Irrawaddy

Chi è in grado di lavorare nelle fattorie e nella foresta torna al centro la sera per dormire. Foto e didascalia di Pyay Kyaw / The Irrawaddy

Paziente mentre si fa un bagno nel centro. Foto di Pyay Kyaw/The Irrawaddy

Routine serale nel centro. Foto di Pyay Kyaw/The Irrawaddy

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.