chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Emergenza cibo e carburante in Bangladesh dopo le frane causate dai monsoni

Screenshot dal video su YouTube caricato dall'utente News of the day.

Almeno 150 persone [en, come gli altri link, salvo diversa indicazione] sono state uccise dalle frane causate dalle forti piogge monsoniche iniziate nella notte di sabato 11 giugno che hanno colpito cinque divisioni del Bangladesh. Molti sono rimasti sepolti nelle proprie case mentre stavano dormendo, tanti altri sono ancora intrappolati nel fango. I soccorritori ce la stanno mettendo tutta per continuare il loro lavoro nonostante le condizioni climatiche avverse.

Nei distretti collinari di Chittagong, Rangamati, e Bandarban migliaia di case sono state distrutte o danneggiate. Più di diecimila persone sono state evacuate e portate ai rifugi d'emergenza.

Nel secondo giorno delle frane nei distretti di Rangamati, Chittagong e Bandarban, il bilancio delle vittime è stato di 129 persone, inclusi quattro soccorritori dell'esercito. I soccorritori sono ancora al lavoro.

I funzionari temono che il numero dei morti sia destinato ad aumentare poiché i soccorritori hanno  difficoltà a raggiungere le zone più remote. Senza le attrezzature adeguate, gli abitanti dei villaggi usano le pale per cercare di estrarre i corpi dal fango.

Non è la prima volta che le frane causano vittime in Bangladesh. Ogni anno il Bangladesh, durante il periodo dei monsoni, è colpito da tempeste, allagamenti e frane. Ma questa volta ci sono state conseguenze piuttosto pesanti. Alcuni dei distretti, in particolare quello di Rangamati, sta affrontando una crisi alimentare, di carburante, di elettricità e d'acqua. La strada principale che connette Rangamati a Chittagong ed al resto del Paese è stata interrotta dalle frane e non è stato possibile ripristinarla fino a giovedì scorso. Anche l'altra strada principale che porta a Khagrachari è stata danneggiata.

Adibasi Nayan [bn] scrive su Facebook:

ভূমিধ্বসে এতগুলো যে প্রাণ হারালো এটুকুতে শেষ নয়, আরো অনেকের প্রাণ যাবে'। [..] বুঝতে পারছেন কি? প্রেট্রোল পাম্পে তেল, সংকট, বাজারে মরিচের দাম ৬০০ টাকা কেজি চালের দাম বেড়ে দিগুন, সবজির বাজার ধরা যাচ্ছে না আগুনের মত তাপ’ যে আলুর দাম কেজি ১৫ টাকা সে আলুর দাম দাম বেড়ে ৫০ টাকা কেজি হয়েছে” আরো বাড়বে বলে আশঙ্কা তারপর ও খুলাচ্ছে না মজুদ শেষ, সারা দেশের সাথে যোগাযোগ বিচ্ছিন্ন নৈসর্গিক স্বর্গ রাঙ্গামাটি।

Le frane hanno portato via decine di vite. E non è ancora finita. Altri ancora moriranno […] Capite? Alle pompe di benzina non c'è più carburante, i peperoncini adesso costano 600 Taka (sei volte tanto il prezzo normale), il prezzo del riso comune è raddoppiato. I prezzi delle verdure sono andati alle stelle, le patate costano 50 Taka al chilogrammo (rispetto ai soliti 15 Taka). I prezzi aumenteranno proporzionalmente alla diminuzione delle scorte. Rangamati, il luogo noto per le sue bellezze naturali, è tagliato fuori dal resto del mondo.

Una strada distrutta a Rangamati. Immagine via Dipu Sring Lapcha. Usata con permesso.

Dipu Sring Lapcha ha pubblicato alcune immagini su Facebook [bn] che mostrano l'entità dei danni a Rangamati ed ha riferito che gli automezzi sono fermi a causa della carenza di carburante.

Secondo i funzionari distrettuali ci vorranno almeno due settimane per ripristinare il collegamento stradale tra Chittagong e Rangamati. Il forte maltempo in questa regione sta impedendo ai soccorritori rimuovere i detriti ed i mucchi di terra dalle strade.

Giovedì 15 giugno Muktasree Sathi Chakma ha descritto su Facebook la situazione di panico in cui si trovavano gli abitanti di Rangamati:

It started raining again… last four days’ life. every night we go to bed after packing our bags, so that if landslides take place or trees start falling down we can run away with the things we need. It started raining again.

Ha iniziato a piovere di nuovo, da quattro giorni interi. Ogni sera andiamo a letto dopo aver fatto le valigie, così se c'è una frana o cominciano a cadere gli alberi possiamo scappare con le cose che ci servono. Ha iniziato a piovere di nuovo.

Venerdì 16 giugno ha avvisato:

It started raining again! To the indigenous peoples in Rangmati, particularly who are in risky houses. Please move out from your home and go to shelter center.

Ha iniziato a piovere di nuovo! Abitanti di Rangmati, in particolare voi che state nelle case a rischio. Per favore uscite di casa ed andate in un rifugio.

“Non possiamo fare altro che piangere i morti”

Sui social media, alcuni hanno criticato il fatto che il mondo sta ignorando questa tragedia in Bangladesh. Md Abdullah Al Mamun ha scritto su Facebook [bn]:

ম্যানচেস্টারের কয়েকটা মানুষের জন্য কেদে কেটে বুক ভাসায় ফেলার ভান করি।অথচ প্রায় ১৪০ টা মানুষ যারা পাহাড় ধ্বসে মিশে গেছে মাটির সাথে, যাদের মধ্যে ৪ জন সামরিক সেনাও ছিলেন তাদের নিয়ে কোন কোন হ্যাশট্যাগ হয়না, কোন ফ্রেম তৈরী হয় না, কোন সেফ মার্কিং হয়না।

Abbiamo visto la gente in lutto per le uccisioni a Manchester. Ma nel nostro Paese ci sono stati più di 140 morti, tra cui quattro soldati. Non vediamo alcun uso di hashtag, frame o controlli di sicurezza su Facebook.

Spesso durante le stagioni dei monsoni molti paesi dell'Asia meridionale vengono colpiti da inondazioni e  frane. Più di 200 persone sono morte in Sri Lanka poche settimane fa quando il monsone ha provocato, oltre a delle frane, anche la peggiore inondazione degli ultimi dieci anni.

Secondo i notiziari [bn] il dipartimento metereologico del Bangladesh aveva previsto piogge eccessive e la possibilità che si verificassero frane. In precedenza le autorità avevano segnalato circa 600 case a rischio, ma nessuno è stato spostato in luoghi più sicuri.

Ogni anno  sempre più colline [bn] vengono demolite per fare spazio a lotti di terreno che vengono venduti come aree edificabili. L'autore del blog “Sobuje Bacho” (Dal vivo in verde) ha affermato [bn]:

কিছু অর্থ-লোলুপ প্রভাবশালী মানুষ এবং সরকারের পাহাড় ও ভবন সংক্রান্ত কয়েকজন রুই কাতলা তাদের পাহাড়ের উপর অস্থায়ী ঘর তৈরী করে থাকতে দেয় এবং অর্থ উপার্জন করে। যার কারনে তাদের উচ্ছেদ অভিযান কখনও সফল হয় নি। পাহাড় কেটে বন ধংস করে তারা ঘরবাড়ী বানায় ফলে অতিরিক্ত বৃষ্টি হলে মাটি ভেজা ও ভারী হয়ে পড়ে : যার ফলাফল ভূমিধ্বস।

Alcune persone avide ed influenti permettono alla gente di stabilirsi sulle colline corrompendo i funzionari forestali. Il governo non può impedire a queste persone di stabilirsi in aree soggette a frana. Per costruire le loro case demoliscono le colline e rendono il fango molle. In caso di pioggia eccessiva, questo terreno floscio diventa pesante e tutto scivola. Il risultato è una frana.

Il giornalista Probhash Amin ha scritto [bn]:

পাহাড় কেটে, গাছ কেটে, বসতি গড়ে পাহাড়গুলোকে আমরা মৃত্যু উপত্যকায় পরিণত করেছি। এখন প্রকৃতি প্রতিশোধ নিচ্ছে। আমরা অসহায়, নিহতদের স্মৃতির প্রতি গভীর শ্রদ্ধা জানানো ছাড়া আমাদের আর কিছুই করার নেই।

Abbiamo demolito le colline, disboscato le foreste per fare stabilire le persone nei distretti collinari. Ora sono diventati valli di morte e la natura si sta vendicando. Siamo impotenti, non possiamo fare altro che piangere i morti.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.