chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

“Intraducibile”: Un blog fa luce sul singolare vocabolario delle piccole lingue

Foto di Andy Simmons, utilizzata con licenza CC BY-ND 2.0.

Il blog Untranslatable [en, come tutti i link successivi], ovvero “intraducibile”, si propone di offrire a tutti gli appassionati di lingue una selezione di parole difficili o impossibili da tradurre provenienti da tutto il mondo.

Queste parole esistono in ogni lingua: esprimono situazioni oppure sentimenti spesso complessi o molto specifici. Alcune parole intraducibili sono ormai molto note (come il termine portoghese saudade), mentre altre sono ben radicate in una certa cultura (per esempio, lo spagnolo sobremesa). Tutte, però, condividono l'ostinazione con la quale resistono a ogni tentativo di facili traduzioni. Una sola parola o un'espressione non bastano, perciò sono necessarie una spiegazione dettagliata e talvolta anche la specificazione del contesto per poter cogliere la profondità della nozione espressa in quell'unica parola.

Per molto tempo queste parole così particolari sono state raccolte in liste online. Spesso, però, tali liste si fermavano a lingue come il giapponese, il tedesco, il francese, il portoghese o il finlandese, mentre il linguista Steven Bird — creatore di Untranslatable — ha deciso di concentrarsi su piccole lingue.

Per esempio, il blog include alcune parole in lingua mwotlap, originaria di Vanuatu:

“vakasteglok” : Prenditi cura dei tuoi genitori, in riconoscimento di tutte le attenzioni che hanno avuto per te quando eri piccolo.

E anche parole in lingua hunsrik, parlata in alcune parti del Brasile:

“kwadi” : La pigrizia che si sente dopo essersi riscaldati al sole nei giorni freddi.

Come scrive lo stesso Bird alla pagina Su di noi del blog:

They shed light on other cultures, reveal different patterns of thought, and spark our curiosity. Sometimes, they influence how we analyze and classify the world around us […] the linguists contributing to this site want to share more of these ‘untranslatable’ words, and in the process, show why these small languages are distinctive, valuable, and powerful.

Queste parole fanno luce sulle altre culture, rivelano diversi schemi di pensiero e stimolano la nostra curiosità. Talvolta, influenzano il modo in cui analizziamo e classifichiamo il mondo circostante […] I linguisti che contribuiscono a questo sito web hanno intenzione di condividere altre parole ‘intraducibili’ e di mostrare nel frattempo perché queste piccole lingue sono così peculiari, preziose e potenti.

I parlanti delle “preziose lingue” valorizzate da Untranslatable sono invitati a proporre qui la loro parola preferita.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.