chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Macedonia: l'attivismo cittadino vince e l’UNESCO blocca le costruzioni sul lago di Ocrida

Cigni sul lago di Ocrida. Foto di Elena Nikolovska, CC-BY.

L’ultima missione dell’UNESCO nella regione di Ocrida in Macedonia ha scoperto un sito Patrimonio Naturale e Culturale minacciato dall’aumento della pressione di traffico e turismo, da progetti infrastrutturali inappropriati e da sviluppi urbani non coordinati. È stata immediatamente emessa una relazione [en, come tutti i link seguenti, salvo diversa indicazione] in cui è stato chiesto al governo macedone di fermare i progetti di costruzione nell’area.

Formatosi più di 3 milioni di anni fa, il Lago di Ocrida [it] in Macedonia è il lago più antico del continente europeo. Conserva preziose informazioni sull’evoluzione oltre ad essere dimora di specie uniche e rare. Questo lago è stato messo in pericolo dal momento in cui il governo macedone, nel 2016, ha iniziato a pianificare l’urbanizzazione della riva del lago e del monte Galicica, ed a trasformare entrambi i punti di biodiversità in mega resort.

Gli attivisti cittadini, le organizzazioni della società civile e gli scienziati hanno avvisato dell'eventuale impatto catastrofico di questi progetti sul lago e hanno chiesto la moratoria di tutte le attività di costruzione nella regione di Ocrida.

Nel marzo di quest'anno, la missione dell’UNESCO nella regione di Ocrida ha confermato le preoccupazioni dei cittadini e degli esperti circa i progetti intorno al lago. Al governo è stato chiesto di fermare i progetti per proteggere il lago di Ocrida e di sviluppare invece dei programmi alternativi di ecoturismo:

The mission strongly recommended to completely abandon the Galičica ski centre project, keep the internal national park zoning as is, and consider developing ecotourism options that would not negatively impact the property. Therefore, it is recommended that the Committee request the State Party to halt the construction projects of the Galičica ski resort, as well as the sub-sections (a) and (e) of the A3 road. – says latest decision by UNESCO World Heritage Committee

La missione si è fortemente raccomandata di abbandonare del tutto il progetto del centro sciistico di Galicica, di mantenere la zonizzazione interna del parco nazionale così com’è e di considerare lo sviluppo di opzioni per l'ecoturismo che non avrebbero effetti negativi sul sito. Si raccomanda pertanto al Comitato di chiedere allo Stato Parte di fermare i progetti di costruzione del comprensorio sciistico di Galicica, nonché le sezioni (a) ed (e) della strada A3 – ribadisce l'ultima decisione presa dal Comitato del Patrimonio Mondiale UNESCO.

Il gruppo Ohrid SOS è stato fin dall'inizio in prima linea a combattere per salvare il Lago di Ocrida. Ha pubblicato la decisione dell'UNESCO che esorta il governo macedone e la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) a fermare l'ulteriore distruzione del Lago di Ocrida.

.L'UNESCO suggerisce “di abbandonare del tutto il progetto del centro sciistico di Galičica , lasciare la zonizzazione interna del parco nazionale così com'è”. #LoDiceUNESCO

Nel frattempo, il Centro per la Ricerca e l'Informazione Ambientale Eko-svest di Skopje ha lavorato su alternative al progetto infrastrutturale previsto che non distruggeranno la preziosa natura. Quest’anno dovrebbe essere presentato al Comune di Ohrid uno studio di fattibilità per una soluzione di trasporto sostenibile [mk].

Vogliamo far conoscere #LaGiornataDelLago condividendo la nostra idea per un sentiero ciclabile che circonda il lago di Ohrid. Bellissimo!

Invece di una nuova autostrada che apra un varco tra le foreste del parco nazionale e blocchi l'accesso all'acqua, il gruppo propone una combinazione di alternative di trasporto che non interferiscano con l'ecosistema.

La foto illustra la soluzione di trasporto “Smart Ohrid” con percorsi ciclabili, barche ed autobus ad energia solare intorno al lago. Foto di Stefan Bouzharovski, usata con  permesso.

Per commemorare il 21 giugno, il Giorno dedicato al Lago di Ocrida, l'appena eletto governo macedone ha aperto le proprie porte alla società civile ed ha tenuto un evento in Parlamento in cui il presidente dell'Assemblea ha interpellato gli ospiti.

I am especially glad that today in the Assembly of the Republic of Macedonia there is an event related to the initiative of the civil sector for the protection of the Ohrid region as the only region in the Republic of Macedonia protected by UNESCO. – said The President of the Assembly, Mr. Talat Xhaferi

Sono particolarmente lieto che oggi all'Assemblea della Repubblica di Macedonia ci sia un evento legato all'iniziativa del settore civile per la protezione della regione di Ocrida, in quanto unica regione della Repubblica di Macedonia protetta dall'UNESCO, ha affermato il Presidente dell'Assemblea, il Sig. Talat Xhaferi.

Il relatore del Parlamento ha sottolineato la disponibilità del governo a discutere e a sostenere le iniziative dei cittadini per la protezione dell'ambiente. È stato anche costituito un gruppo informale di deputati del Parlamento provenienti da diversi partiti denominato “Amici dell'UNESCO”.

Macedonia L'attuale relatore del Parlamento tutela le richieste dei cittadini per presevare il lago e la regione di Ohrid. Il Parlamento apre ai cittadini.

Questa è stata una lotta lunga e difficile, ma i gruppi della società civile continuano a sperare che la vittoria iniziale verrà sostenuta per preservare e proteggere la biodiversità del Lago di Ocrida.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.