chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Musicisti etiopi accusati di terrorismo per i loro testi ‘provocatori’

Screenshot dal video di un “canto di resistenza” in lingua afan oromo, sul canale di YouTube del gruppo di Seenaa.

Alla fine di giugno, sette produttori ed artisti di un popolare video di Youtube sono stati accusati in Etiopia [om] di terrorismo per aver prodotto del materiale audiovisivo “istigante” ed averlo caricato su YouTube.

I membri del gruppo sono stati arrestati a dicembre 2016 e tenuti in detenzione senza capo d'accusa fino al mese scorso.

Tra questi accusati c'è Seenaa Solomon, una giovane cantante, che la critica ha indicato come un talento crescente da tenere d'occhio. Gli altri detenuti includono il conosciuto autore, cantante e imprenditore musicale Elias Kiflu, i due vocalist Gemechis Abera e Oliyad Bekele ed i tre ballerini Ifa Gemechu, Tamiru Keneni e Moebol Misganu.

Questo ha segnato il secondo arresto per il ballerino Moebol Misganu, che nel 2014 era stato arrestato in concomitanza con le proteste degli studenti dell'Oromia, la più grande regione dell'Etiopia. Era stato rilasciato nel 2016.

Da dicembre 2016, Seenaa ed i suoi colleghi sono detenuti a Maekelawi, una prigione nota per l'uso di pratiche di tortura [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], così come raccontato da precedenti prigioneri. Poco dopo il loro arresto, l'attivista online e direttore di una televisione satellitare della diaspora ha scritto:

The regime has intensified its war on Oromo artists. Almost all singers are either in jail, forced to flee or had gone underground. Studios have been closed and their properties confiscated. Seena Solomon and Elias Kiflu, the duo known for their powerfully dramatized resistance songs are the latest victims.

Il regime ha intensificato la propria guerra contro gli artisti oromo. Quasi tutti i cantanti sono in prigione, sono stati obbligati a scappare o sono finiti sotto terra. I loro studi sono stati chiusi e le loro proprietà sono state confiscate. Seena Solomon ed Elias Kiflu, il duo conosciuto per i loro canti di resistenza potentemente drammatizzati, sono le ultime vittime.

L'ambiente politico controverso nel quale sono avvenuti questi arresti ha avuto origine dal piano del governo etiope di aspandere Addis Abeba, la capitale del Paese. Nel 2014 l'EPRDF, il partito di governo, ha annunciato i propri piani di espansione della capitale ai vicini terreni agricoli dell'Oromia, la regione più grande dell'Etiopia la quale è primariamente la terra degli oromo, il più grande gruppo etnico del Paese.

Quando il piano ha innescato proteste su vasta scala e ha portato ad un violento giro di vite da parte del governo, i musicisti di lingua afan oromo hanno cominciato ad essere una visibile ed udibile fonte di ispirazione per il movimento di opposizione. Il gruppo di Seenaa Solomon ha prodotto video musicali in lingua afan oromo durante le proteste studentesche che hanno scosso il Paese nel 2014-2016, creando qualcosa di simile ad una colonna sonora del movimento.

Nella cronaca dell'arresto dei membri del gruppo, la radio di Stato Fana Broadcasting Corporation, ha riportato [om] che Seenaa ed i colleghi stavano producendo video musicali, poesie ed interviste contenenti critiche sul governo, in collaborazione con un'organizzazione politica della diaspora con sede in Australia.

Secondo il loro registro delle imputazioni, il loro materiale audiovisivo era “istigante” ed “elogiava” gli studenti contestatori ed altri che hanno manifestato tra il 2014 ed il 2016.

Non sono i primi musicisti che si trovano ad affrontare tale repressione. Nel gennaio del 2016, Hawi Tezera, un'altra cantante oromo che ha confortato ed ispirato i manifestanti attraverso le proprie canzoni, è stata messa in prigione. Nel febbraio 2017, è stato arrestato Teferi Mekonen, un cantante oromo che nelle proprie canzoni ha rivendicato l'identità culturale oromo ed ha sfidato la legittimità del partito di governo in Etiopia. Hawi successivamente è stata rilasciata, quale sia il destino di Teferi non è noto.

Con l'aumento della visibilità dei cantanti politici, le autorità etiopi hanno intensificato il giro di vite sui musicisti che percepiscono come simpatizzanti dell'opposizione. Ma questo non ha necessariamente reso i musicisti meno visibili o meno popolari. La musica di resistenza continua a prosperare su YouTube. Nonostante questi artisti siano in prigione, il canale YouTube del gruppo di Seenaa Solomon mantiene l'impressionante cifra di 3.525.996 di visualizzazioni.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.