chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Gli agricoltori del Paraguay indebitati e in grave crisi chiedono l'aiuto del governo

Fotografia da “En sus zapatos” (nei loro panni), tratto dal sito web di Kurtural. Fotografia utilizzata con il permesso.

In Paraguay, migliaia di agricoltori stanno procedendo per le strade di Asunción fin dall'inizio di luglio. Come piccoli produttori, dichiarano il fallimento del governo per un accordo firmato nell'aprile del 2016 [es, come tutti i link seguenti], che ha promesso il rifinanziamento dei debiti agricoli di circa 18.000 produttori. Un anno dopo, i lavoratori sono tornati in strada affermando che l'accordo è fallito.

In Paraguay, circa 2,6 milioni di persone vivono attualmente in zone rurali, che rappresentano oltre il 30% della popolazione totale. I residenti lottano contro i livelli crescenti di concentrazione del terreno nella campagna come uno dei loro più grandi problemi. Le aziende agricole utilizzano il 94% dei terreni seminativi che producono cibo per l'esportazione, mentre gli agricoltori locali utilizzano solo il 6% della terra per l'allevamento familiare, secondo il rapporto di Oxfam Yvy Jára: Los Dueños de la Tierra en Paraguay (Yvy Jára: i proprietari della terra in Paraguay “).

Le politiche agricole inadeguate del governo e la mancanza di informazione causata da imprese legate ai gruppi di concentrazione del suolo aggravano la situazione:

Gli agricoltori hanno catturato l'attenzione del Paraguay e la solidarietà si sta espandendo:

Studenti di diverse facoltà si incontrano davanti all'Università Cattolica di Asunción per parlare e mostrare solidarietà con la #MarciaDegliAgricoltori

Ma alcuni membri del governo hanno fatto riferimento ai dimostranti definendoli “cavernicoli” e la polizia ha represso le manifestazioni:

#Urgente La polizia si sta preparando a sopprimere (la manifestazione)

Come è iniziata la Marcia degli Agricoltori?

Non è la prima volta che gli agricoltori hanno organizzato delle marce per combattere per i loro diritti. Le marce di quest'anno sono il risultato di un accordo del 2016 non realizzato e firmato dal governo che voleva risolvere i debiti dei lavoratori sostenuti per una serie di truffe statali.

Gli agricoltori si sono lamentati che il Ministero dell'Agricoltura e del Bestiame ha distribuito semi danneggiati, ha promesso l'assistenza tecnica mai arrivata e quando vendeva il loro raccolto, i prezzi di mercato erano più alti del previsto. Ciò ha reso impossibile per molti agricoltori pagare i propri debiti pubblici e privati.

Nel 2016, dopo quasi un mese di dimostrazioni, il governo del Presidente Horacio Cartes ha raggiunto un accordo con gli agricoltori, composto da discussioni di gruppo per sentire le denunce degli agricoltori e la creazione di nuove leggi per sostenere l'agricoltura rurale. Durante questi colloqui, il governo ha promesso un forte sostegno del settore agricolo.

Gli agricoltori ora si lamentano che l'accordo non sia stato rispettato e i piccoli produttori di altri settori sono in situazioni analoghe, tesi per la mancanza di una politica pubblica, dalla crescente diseguaglianza nelle campagne, dall'assenza di mercati e di assistenza del governo in tempi di inondazione e gelo.

Accordi e responsabilità non realizzati

Nel Paraguay, lo Stato deve promuovere l'agricoltura rurale come descritto nella costituzione nazionale. Essa esprime la necessità di una riforma agricola consistente nell’ “effettiva incorporazione della popolazione agricola nello sviluppo economico e sociale della nazione”. Inoltre, promette di impegnarsi a prendere misure che “stimolino la produzione, scoraggino la concentrazione del terreno e garantiscano lo sviluppo delle piccole e medie proprietà rurali”.

Molti agricoltori stanno affrontando la perdita della loro terra e dei mezzi di sussistenza per pagare i propri debiti se (il governo) non trova una soluzione a questa crisi presto e questi temono di far parte di una crescente epidemia di povertà in Paraguay.

Ma gli agricoltori stanno affrontando più che problemi di debiti e sovvenzioni.

L'affermazione di un coltivatore condivisa dal gruppo Ápe Paraguay su Facebook rivela molte delle limitazioni di lavoro sul territorio in Paraguay:

Pasa que lo nacional no les interesa tanto, traen todo del exterior. Por ejemplo estos proveedores, que son millonarios, traen locote y tomate del exterior. Ellos declaran unos pocos, y meten como 20 mil kilos semanalmente. […] Yo traigo por ejemplo 3 mil kilos y no puedo meter en el mercado. Así ellos nos joden porque meten del exterior y nuestra producción nacional no vale. Eso es lo que un gobierno debe ver para ayudarnos. En nuestro país, la plata es lo que vale, por eso el contrabando no se detiene. Yo sé bien, porque traje una vez 5 mil kilos producción nacional y me detuvieron y me llevaron por tres días detrás de los papeles, haciéndome perder gran parte de la producción; luego vino otro de contrabando que pagó dos o tres millones y pasó. Tuve que estar aquí 3 días porque supuestamente no tengo documentos. Imaginen, traer de Concepción, de tan lejos, el gasto que representa

I prodotti locali non li interessano perché possono importare tutto. Ad esempio, questi fornitori, che sono milionari, importano peperoni e pomodori da oltremare. Ne dichiarano pochi, ma ne vendono circa 20,000 chili ogni settimana. […] Produco circa 3000 chili e non posso venderli al mercato. Così ci fregano perché vendono cose dall'estero e la nostra produzione nazionale diventa inutile. Il governo dovrebbe vedere questo e aiutarci. Nel nostro paese il denaro è ciò che conta, quindi il contrabbando non viene punito. Lo so, perché una volta ho portato 5000 chili di prodotti nazionali e mi hanno trattenuto e tenuto per tre giorni chiedendomi documenti che avrebbero rovinato molti miei prodotti; Poi è venuto un altro carico che è stato contrabbandato e hanno pagato due o tre milioni [di guaranie paraguaiani] ed è passato. Ho dovuto aspettare lì per tre giorni perché presumibilmente non avevo i documenti. Immaginate, portando prodotti da Concepción, il costo che rappresenta …

La riduzione del debito è una valida soluzione?

Gli agricoltori chiedono una “riduzione” dei loro debiti in base a una legge di riabilitazione finanziaria destinata a proteggere le popolazioni vulnerabili dalle pratiche abusive di prestito. Il Ministero dell'Agricoltura e del Bestiame è responsabile della creazione di un elenco di potenziali beneficiari che soddisfino criteri specifici. Devono possedere meno di 30 ettari di terreno e debiti non superiori a 51 milioni di PYG (circa 9.170 di dollari), l'equivalente di 25 salari minimi mensili.

Saranno riconosciuti solo debiti legati all'attività agricola, limitando un numero significativo di potenziali beneficiari. La riduzione del debito potrebbe interessare almeno 17.000 dei 196.000 piccoli produttori agricoli del Registro Nazionale per l'Agricoltura Nazionale, il database utilizzato per determinare l'ammissibilità del beneficiario, sebbene il numero esatto non sia noto.

Le domande di sovvenzioni degli agricoltori vengono respinte

Il Paraguay si è assunto l'indebitamento da 15 miliardi di PYG di Azucarera Iturbe, considerato dal Presidente Cartes come «il più grande della storia del Paraguay». Le denunce nei giornali lamentano che il sovvenzionamento del combustibile diesel di Petropar ai produttori di soia ha raggiunto i 140 milioni di dollari, un gruppo che ha ricevuto sostegno economico anche prima dell'inizio della democrazia nel 1992. Allo stesso modo, il governo del Paraguay ha sovvenzionato nuovi autobus per il trasporto pubblico e continua a sovvenzionare le tariffe.

Il Parlamento ha deciso di sovvenzionare gli agricoltori il 2 agosto, ma il Presidente Cartes ha posto il veto due giorni dopo, respingendo le richieste degli agricoltori. Ha giustificato il veto dicendo che la decisione ha contrastato la corretta applicazione della legge di riabilitazione finanziaria. Cartes ha anche sostenuto che il costo della sovvenzione “potrebbe essere superiore a 3,2 miliardi di dollari, circa il 25% del bilancio del Paraguay”. Tuttavia, un attento sguardo ai numeri dietro l'affermazione di Cartes dimostra che il Presidente ha sbagliato.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.