chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Global Voices onora la vita dell'attivista digitale Bassel Khartabil, giustiziato dal regime siriano

Bassel Khartabil. Foto di Joi Ito via Wikimedia (CC BY 2.0)

Siamo profondamente addolorati nel venire a conoscenza della morte del nostro amico Bassel Khartabil. Piangiamo la sua perdita e mandiamo le più sentite condoglianze alla sua famiglia, agli amici e a tutti quelli che lo conoscevano e l'hanno amato.

Leader di Creative Commons in Siria, è stato attivo in progetti digitali compresi Mozilla Firefox e Wikipedia; Bassel Khartabil (o Bassel Safadi) ha avuto un ruolo fondamentale nell'estensione dell'accesso online e della conoscenza digitale aperta al pubblico in Siria. Egli era un amico intimo della comunità di Global Voices e ha partecipato al nostro Arab Bloggers Meeting del 2009.

A novembre 2015, la moglie di Bassel ha riportato di essere stata contattata da alcune persone che si indentificavano come membri del governo di Assad. Questi hanno detto a Nuora Ghazi che suo marito era stato condannato a morte, ma non le hanno dato altre informazioni. Le posizioni e le condizioni di Bassel sono rimaste sconosciute fino ad oggi, quando Noura è venuta a sapere dagli ufficiali siriani che il marito è stato giustiziato nel 2015.

Oggi e in futuro, onoriamo interamente il lavoro di Bassel come leader del movimento per una rete digitale aperta, e onoriamo gli sforzi dei tanti individui ed organizzazioni che si sono battuti per la sua liberazione negli ultimi cinque anni.

Sin dall'inizio delle proteste contro il regime di Bashar al-Assad nel 2011, più di 65,000 persone sono scomparse, secondo i dati della Rete Siriana per i Diritti Umani.

Un incalcolabile numero di quelli che sono stati arrestati o sono scomparsi forzatamente per mano del regime sono stati sottoposti a torture e anche a esecuzioni. Dal 2016, in base ai dati del gruppo internazionale per i diritti umani Amnesty International, almeno 17,723 siriani nel 2011 sono morti mentre erano tenuti in custodia. Le storie di moltissime persone restano sconosciute.

Leggi della vita e del lavoro di Bassel

Articoli in inglese:

Articoli in italiano:

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.