chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Global Voices onora la vita dell'attivista digitale Bassel Khartabil, giustiziato dal regime siriano

Bassel Khartabil. Foto di Joi Ito via Wikimedia (CC BY 2.0)

Siamo profondamente addolorati nel venire a conoscenza della morte del nostro amico Bassel Khartabil. Piangiamo la sua perdita e mandiamo le più sentite condoglianze alla sua famiglia, agli amici e a tutti quelli che lo conoscevano e l'hanno amato.

Leader di Creative Commons in Siria, è stato attivo in progetti digitali compresi Mozilla Firefox e Wikipedia; Bassel Khartabil (o Bassel Safadi) ha avuto un ruolo fondamentale nell'estensione dell'accesso online e della conoscenza digitale aperta al pubblico in Siria. Egli era un amico intimo della comunità di Global Voices e ha partecipato al nostro Arab Bloggers Meeting del 2009.

A novembre 2015, la moglie di Bassel ha riportato di essere stata contattata da alcune persone che si indentificavano come membri del governo di Assad. Questi hanno detto a Nuora Ghazi che suo marito era stato condannato a morte, ma non le hanno dato altre informazioni. Le posizioni e le condizioni di Bassel sono rimaste sconosciute fino ad oggi, quando Noura è venuta a sapere dagli ufficiali siriani che il marito è stato giustiziato nel 2015.

Oggi e in futuro, onoriamo interamente il lavoro di Bassel come leader del movimento per una rete digitale aperta, e onoriamo gli sforzi dei tanti individui ed organizzazioni che si sono battuti per la sua liberazione negli ultimi cinque anni.

Sin dall'inizio delle proteste contro il regime di Bashar al-Assad nel 2011, più di 65,000 persone sono scomparse, secondo i dati della Rete Siriana per i Diritti Umani.

Un incalcolabile numero di quelli che sono stati arrestati o sono scomparsi forzatamente per mano del regime sono stati sottoposti a torture e anche a esecuzioni. Dal 2016, in base ai dati del gruppo internazionale per i diritti umani Amnesty International, almeno 17,723 siriani nel 2011 sono morti mentre erano tenuti in custodia. Le storie di moltissime persone restano sconosciute.

Leggi della vita e del lavoro di Bassel

Articoli in inglese:

Articoli in italiano:

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.