chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Un'ultima occhiata al simbolico Edificio Bianco di Phnom Penh prima della sua demolizione

Vista dall'alto dell'Edificio Bianco, 14 luglio 2017. Foto e didascalia di Radio Free Asia/Vuthy Tha.

Questo articolo [en] viene ripubblicato con il permesso di Radio Free Asia. L'articolo includeva alcune foto del simbolico Edificio Bianco di Phnom Penh scattate qualche giorno prima della sua demolizione.

Radio Free Asia

Questo simbolico blocco di appartamenti con una passerella aperta, costruito 54 anni fa, ha spesso attirato l'attenzione di artisti, ballerini e fotografi a Phnom Penh, la capitale della Cambogia. Adesso verrà demolito.

Il governo ha infatti stipulato un contratto di costruzione, gestione e cessione con l'azienda giapponese Arakawa per trasformare l'edificio in un complesso polifunzionale di 21 piani. Il valore del progetto ammonta a 80 milioni di dollari.

L'edificio, il cui nome originale era appartamenti municipali, fu inaugurato nel 1963 come complesso residenziale a basso costo. Nel corso degli anni, si era però trasformato in un famigerato slum e in una zona ad alta criminalità dove prostitute, eroinomani, suore, studenti, bambini  e imprenditori vivevano fianco a fianco.

L'edificio era stato originariamente progettato dall'architetto cambogiano Lu Ban Hap e dall'architetto Vladimir Bodiansky, di origine russa, come simbolo della visione della nuova trasformazione urbanistica Khmer dell'allora Re Norodom Sihanouk. L'edificio, costituito da sei blocchi dove risiedevano 493 famiglie, si trova nel quartiere di Tonle Bassac lungo il Sothearos Boulevard, a due soli isolati dalle sedi dall'Assemblea Nazionale e del Ministero degli Affari Esteri cambogiani.

Ora all'interno dell'edificio si vedono solo lenzuola dimenticate, cuscini e tavoli. Ciò nonostante, sette famiglie proprietarie di appartamenti si sono opposte allo sfratto, rifiutandosi di abbandonare i lori appartamenti e di accettare un indennizzo inferiore al prezzo di mercato, insieme ad altre quattro famiglie, residenti nell'ala destra dell'edificio, che erano ancora al suo interno quando è iniziata la demolizione il 17 luglio 2017.

Vista del complesso dell'Edificio Bianco, 14 luglio 2017. Foto e didascalia di Radio Free Asia/Vuthy Tha.

Pile di suppellettili domestiche e rifiuti vicino a una parete su cui si vedono ancora i manifesti elettorali del Partito Popolare Cambogiano, 14 luglio 2017. Foto e didascalia di Radio Free Asia/Vuthy Tha.

Un altare di famiglia con bastoncini di incenso davanti a uno degli appartamenti dell'Edificio Bianco, 14 luglio 2017. Foto e didascalia di Radio Free Asia/Vuthy Tha.

Residenti ribelli che dormono su una delle passerelle dell'Edificio Bianco, 14 luglio 2017. Foto e didascalia di Radio Free Asia/Vuthy Tha.

Residenti ribelli che si sono asserragliati nel loro appartamento, rifiutandosi di lasciarlo, 14 luglio 2017. Foto e didascalia di Radio Free Asia/Vuthy Tha.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.