chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Ognen Čemerski: Traduttore di Moby Dick, linguista meticoloso ed educatore impegnato

Ognen Čemerski con la sua amica e collega Jasna Koteska durante la marcia degli studenti del 14 novembre 2014. Foto di Vančo Džambaski, CC BY-NC-SA.

La morte del linguista Ognen Čemerski lo scorso 25 agosto, sconfitto dal cancro all'età di 42 anni, ha scioccato la Macedonia. I suoi amici prima, un'ampia cerchia di colleghi e ammiratori poi, hanno espresso su Facebook il loro dolore snocciolando ricordi sulla sua florida carriera come traduttore e accademico.

Čemerski ha lavorato come insegnante (assistente del professore) all'Università SS. Cirillo e Metodio di Skopje all'interno della facoltà di filologia “Blaze Koneski”, distinguendosi come come uno dei fondatori del Professors’ Plenum [en, come nei link seguenti, salvo diversa indicazione] che diede pieno supporto alle proteste studentesche del 2014 e 2015.

Come traduttore, Čemerski ha lasciato una profonda eredità offrendo una nuova traduzione del romanzo americano “Moby Dick” [it] di Herman Melville, come sottolineato da quasi tutti i mezzi di comunicazione nei loro necrologi [mk].

Le sfide nel tradurre un romanzo marittimo in una lingua “senza sbocchi”

Čemerski ha dedicato circa 12 anni alla traduzione di “Moby Dick,” un progetto iniziato durante i suoi studi universitari alla Graceland University nello Iowa, USA. Il traduttore è riuscito in un'impresa quasi scientifica e l'ha utilizzata come base per la sua tesi magistrale in linguistica.

“Moby Dick” di Herman Melville, tradotto in macedone da Ognen Čemerski. Foto di GV, CC-BY.

Questa non è stata la prima traduzione di “Moby Dick” in macedone. Una prima edizione è stata pubblicata negli anni Ottanta, tradotta dal serbo-croato, ma non ha avuto vasta eco.

Il problema maggiore nel tradurre un libro del 1851 sulla navigazione la caccia alla balena [it] stava nel fatto che la lingua macedone era priva di terminologia marittima. Gran parte della popolazione macedone era  vissuta senza sbocchi sul mare nel corso degli ultimi secoli, con pochi contatti con il mare in generale e la navigazione in particolare. Per sopperire a ciò, Čemerski ha dovuto ricostruire il vocabolario scoprendo innanzitutto le origini dei termini inglesi, e poi individuando gli equivalenti in macedone o altre lingue slave.

Come da lui stesso segnalato in un podcast pubblicato dallo staff dell'università di Graceland nel 2016, Čemerski ha dovuto anche “smontare” le sfumature della lingua inglese usata da Melville. Questo include influenze di autori passati come Shakespeare e Milton, e l'uso dei dialetti dei quaccheri [it]—un gruppo religioso a capo della marineria—che risultavano arcaici anche ai lettori americani del diciannovesimo secolo. Occupandosi di riferimenti letterari, Čemerski ha fatto affidamento sulle traduzioni di classici inglesi da parte di altri traduttori macedoni e sul linguaggio arcaico trovato in scritti conservati di autori macedoni dello stesso periodo e nella letteratura religiosa scritta in slavo ecclesiastico antico [it].

Senza dubbio, la più grande sfida affrontata da Čemerski è stata la mancanza di un vocabolario macedone per termini di uso quotidiano usati dai marinai americani per indicare parti della nave, diventati di uso comune nella lingua inglese. Cercando le origini di questi termini, è riuscito a trovare equivalenti nelle parole macedoni usate da diversi artigiani, dai falegnami ai muratori o agricoltori, poiché tutta la tecnologia utilizzata sulle navi ha avuto origine sulla terraferma.

Fishing boat from Ohrid, Macedonia, museum reconstruction.

Ricostruzione di una tradizionale barca a remi usata dei pescatori del lago Ocrida fino agli inizi del ventesimo secolo, nel museo Lapidarium di Ocrida. Foto di GV, CC-BY.

Ha anche studiato il gergo dei pescatori partendo dai dialetti usati dai Macedoni che vivevano intorno ai tre grandi laghi del Paese (Ocrida, Prespa e Dojran [it]). Storicamente, queste persone usavano vari tipi di barche a remi per i loro commerci, e la loro terminologia ha potuto essere trasposta per descrivere parti di navi. Inoltre, Čemerski ha confrontato lo sviluppo della terminologia marittima in altre lingue slave, in particolare quelle usate lungo la costa adriatica.

La famosa rivista di letteratura e arte Blesok | Shine [mk] ha pubblicato un estratto del capitolo 9 nel 2012. Prima che la traduzione fosse pubblicata gli utenti macedoni di Twitter la stavano già aspettando con entusiasmo, a causa della reputazione di Čemerski. Per esempio, nel suo thread del 2013 [mk] si discuteva su come lui parlasse ai pescatori di Ocrida per trovare i termini più appropriati.

I suoi sforzi sono stati ripagati, poiché la traduzione che ne è risultata riecheggia il periodo in cui “Moby Dick” è stato pubblicato.

Un uomo in difesa di ciò che riteneva giusto

Čemerski non si considerava un attivista, sebbene, come professore, avesse partecipato in attività legate a richieste di riforme su temi come il ripristino di libertà accademiche e autonomia universitaria. Sui social media, trattava temi che riguardavano i Macedoni in un periodo di profonda tensione nel paese.

Il 19 maggio 2015, durante un periodo di accese proteste anticorruzione vicine a casa sua, ha raccontato un'esperienza [mk] che è oggi una testimonianza su come sia vivere in un paese la cui coesione sociale è stata pericolosamente danneggiata da anni di propaganda populista e un governo con tendenze autoritarie:

Вчера, во маало, еден припит комшија, кого го познавам уште од кога бев дете, се обиде да ме денунцира пред специјалци што си купуваа сладолед во маалската пилјара. Не реагираа ама баш ич, но се згрозив кога видов како сосед може да покаже со прст кон тебе и да лаже, во очи да те гледа и да лаже дека си тепал полиција, дека си зборувал на бина, па уште и да вика до небо баш додека полицајците се мачат да се решат кој сладолед да го изберат од богатиот асортиман. Вака, од дистанца, неговиот испад е комично нарушување на слатките изборни маки на полицајците и на мојот мир, ама страшно е кога ќе видиш дека, ако затреба, има комшии што би ти пресудиле со лага. Никаков мирен разговор не помага кога ќе им се вкрват очите.

Ieri, un vicino piuttosto ubriaco, un vicino che conosco dall'infanzia, ha provato a denunciarmi davanti a una pattuglia di polizia anti-sommossa che stava comprando del gelato nel nostro supermercato di zona. I poliziotti non hanno nemmeno reagito, ma mi ha inorridito vedere che un vicino può puntare un dito contro di te e mentire, che il tuo vicino può guardarti negli occhi e mentire, affermando che avevi aggredito la polizia, che avevi fatto un discorso sul palco, ed è stato tremendo vederlo squarciare l'aria con le sue urla mentre i poliziotti si dannavano per decidere quale gelato scegliere dal ricco assortimento che avevano davanti. Adesso, ripensandoci, il suo scatto non sembra altro che un disturbo comico alla dolce fatica dei poliziotti impegnati in una scelta e alla mia pace, ma è spaventoso sapere che, se occorre, ci sono vicini che sarebbero ben felici di mentire pur di vederti condannato. Non c'è ragionamento che tenga quando la rabbia offusca la vista.

Nel 2016, Čemerski si è unito alle proteste contro la decisione del presidente di concedere l'amnistia a sospettati di gravi casi di corruzione. Divulgò una richiesta pubblica indirizzata al Presidente Gjorge Ivanov affinché smetta di usare una sala decorata con mosaici monumentali realizzati dal padre di Čemerski [mk], il celebre pittore Gligor Čemerski (1940-2016), perché “ha sputato su tutti i valori che rappresentano.”

Per tutta la sua vita, Čemerski ha preso ispirazione e promosse i lasciti delle varie lotte svoltesi in passato per la libertà, sia locale che globale, in particolare il movimento antifascista della Seconda Guerra Mondiale. Ad esempio, il cartello che si può vedere al suo petto nella foto in cima all'articolo fa riferimento alle ultime parole di un insegnante durante il massacro di Kragujevac del 1941, mentre la sua posizione si riferisce alla posa iconica dell'eroe iugoslavo Stjepan Filipović [it]. Ha canalizzato alcune delle sue preoccupazioni attraverso brillanti articoli sul processo di traduzione [mk] e l'interazione tra lingua e società [mk].

Čemerski lascia la moglie e due figli.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.