chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Fare ricerca medica in Africa: opportunità e pregiudizi

Ranjit Warrier nel 2016 in Zambia, con il suo permesso.

La ricerca medica svolta in Africa viene spesso ignorata dai media, ma è un campo fiorente che mette in evidenza le esigenze più urgenti del continente.

Le ragioni per cui c'è richiesta di ricerca medica condotta in loco sono due. In primo luogo, la sanità internazionale attualmente non dispone della gamma di medicinali e vaccini necessari per affrontare le questioni sanitarie specifiche del continente africano. Le malattie come l'AIDS, la tubercolosi e la malaria hanno un maggiore impatto negativo sui paesi più poveri dell'Africa e la mancanza di investimenti nei prodotti destinati a queste malattie da parte delle aziende farmaceutiche è un grosso problema.

In secondo luogo, la ricerca condotta da scienziati africani servirà a sviluppare le capacità di ricerca in Africa e un maggior ruolo per la scienza e la tecnologia può essere utile solo per lo sviluppo economico del continente.

Il Dr. Ranjit Warrier è direttore del Laboratorio Centrale presso il Centro per la Ricerca sulle Malattie Infettive in Zambia (CIDRZ). È cresciuto a Lusaka, nello Zambia negli anni '90, proprio quando l'epidemia di AIDS ha cominciato ad avere un grande impatto sulla salute nazionale. Ha lasciato lo Zambia per perseguire studi superiori negli Stati Uniti in Louisiana, poi in Indiana. Ha condotto la propria ricerca sul virus dell'HIV in qualità di ricercatore post-dottorato presso l'Università della Pennsylvania prima di decidere di tornare a casa per ottenere dei risultati effettivi sulla sanità zambiana. Global Voices ha discusso con il dottor Warrier sia del futuro della ricerca medica in Zambia sia delle cose che i media sbagliano in merito alla ricerca in Africa. [Disclaimer: il dott. Warrier parla a titolo personale]:

Global Voices (GV): Qual è l'argomento della sua ricerca?

Ranjit Warrier RW: I'm doing a lot of implementation work currently, supporting the Zambian national ART programme with Laboratory testing. I am just starting a research programme in Molecular Diagnostics development for HIV, TB, and other pathogens of interest.

Ranjit Warrier RW: Sto facendo molti lavori di implementazione, supportando il Programma Nazionale Zambese ART con test di laboratorio. Ho appena iniziato un programma di ricerca nello sviluppo di Diagnostica Molecolare per HIV, TB e altri patogeni di interesse.

GV:  Quali pensa siano i temi di tendenza e caldi della scienza nel suo Paese e in Africa in generale? In che modo è differente rispetto a quelli dei Paesi Occidentali?

RW: There is no basic R&D. It's all implementation of solutions developed elsewhere. This has to change, otherwise we will always be receivers rather than makers. The received solutions are not usually ideal for our environment and making them work here correctly is sometimes impossible.

RW: Non esistono ricerca e sviluppo di base. È tutta implementazione di soluzioni sviluppate altrove. Questo deve cambiare, altrimenti saremo sempre ricevitori piuttosto che creatori. Le soluzioni ricevute di solito non sono ideali per il nostro ambiente e farle funzionare correttamente a volte è impossibile.

GV:  Da dove vengono i finanziamenti e il supporto? È sufficiente? Quanto è facile / difficile reclutare scienziati adatti?

RW: US and Europe. Different projects have different levels of funding. It is difficult to recruit people to come back or to move here, as funding and growth opportunities are better in other countries .

RW: Stati Uniti ed Europa. Diversi progetti hanno diversi livelli di finanziamento. È difficile reclutare le persone e farle tornare oppure farle trasferire qui, in quanto i finanziamenti e le opportunità di crescita sono migliori in altri Paesi.

GV: Come sono le infrastrutture di ricerca? Quali sono gli ostacoli nella vostra attività di ricerca di routine che non si è mai incontrato prima?

RW: Basic infrastructure is not up to developed country standards and it costs a lot to get uninterrupted power, water, and Internet. Supplies are expensive and take months to be imported from other countries.

RW: L'infrastruttura di base non è conforme agli standard dei Paesi sviluppati e costa molto ottenere corrente, acqua e internet senza interruzioni. Le forniture sono costose e e ci vogliono mesi per importarle da altri Paesi.

GV: Quali sono i pareri del pubblico nei confronti della scienza e degli scienziati in Africa?

RW: There is interest, but an extremely limited understanding of the scientific method. I would suggest critical thinking and the scientific method be taught in school to improve the situation.

RW: C'è interesse, ma una comprensione estremamente limitata del metodo scientifico. Vorrei suggerire che pensiero critico e il metodo scientifico venissero insegnati a scuola per migliorare la situazione.

GV: Secondo lei, qual è il potenziale della ricerca scientifica in Africa, dove dovrebbe concentrarsi e come possiamo aiutare il suo sviluppo?

There is amazing potential. I have seen incredible students of all ages. There is need for dedicated science education starting at all ages. Social sciences, computer sciences, big data, outer space exploration, healthcare (non-communicable and Infectious diseases), and traditional medicine efficacy will pay off big.

RW: C'è un potenziale formidabile. Ho visto studenti incredibili di tutte le età. C'è bisogno di un'educazione scientifica dedicata per tutte le età. Le scienze sociali, le scienze informatiche, le scienze dei megadati, l'esplorazione spaziale, l'assistenza sanitaria (malattie non trasmissibili e infettive) e l'efficacia della medicina tradizionale daranno i loro frutti.

GV: Potrebbe descrivere i pro e i contro della vita come scienziato in Africa rispetto ai Paesi Occidentali basandosi sulla Sua esperienza?

RW: Mainly it is the speed of doing things and the access to expertise that are big challenges here. The system that journals have to put articles behind paywalls is also limiting the amount of information and the speed with which research can be done.

RW: Principalmente è la velocità di fare le cose e l'accesso alle competenze che qui sono grandi sfide. Il sistema per cui le riviste specializzate pubblicano articoli a pagamento limita le informazioni e la velocità con cui si può svolgere la ricerca.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.