chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Nonostante la censura, un ex soldato cinese si vanta dei suoi crimini di guerra in rete

A sinistra: Zhang Jingyu. A destra: screenshot del suo racconto sui suoi crimini di guerra, inizialmente condiviso tramite WeChat.

Questa settimana, un ex soldato si è vantato in un gruppo di chat privato di aver ucciso una donna vietnamita e violentato la figlia adolescente durante la guerra sino-vietnamita.

Le autorità cinesi hanno avuto difficoltà a contenere l'indignazione online contro il post di Zhang Jingyu, che si descrive come un patriota maoista e che ha raccontato la sua storia in un gruppo privato sulla piattaforma social WeChat.

Zhan racconta di quando, nel 1979, all'età di appena 17 anni, è entrato nel villaggio di Cao Bang nel Vietnam durante un fuoco incrociato, uccidendo una donna e violentando la figlia adolescente.

Zhang è poi stato scoperto dal capo della squadra di assalto e condannato a una settimana di isolamento al suo rientro in Cina. Dopo questo episodio, l'esercito l'ha licenziato ma gli ha fornito le raccomandazioni necessarie perché potesse studiare lingue straniere all'università.

La breve guerra sino-vietnamita fu dichiarata dal leader cinese Deng Xiaoping nel 1979, dopo che il Vietnam invase la Cambogia. L'Esercito Popolare di Liberazione era riuscito a conquistare Cao Bang, nell'area vicino al confine, in meno di due settimane ma non sarebbe mai riuscito a entrare ad Hanoi.

Deng dichiarò la vittoria un mese dopo l'inizio dei combattimenti durante i quali le forze cinesi subirono delle pesanti perdite. In alcuni racconti storici cinesi tramandati per via orale [zh, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] si ricorda di come i soldati vietnamiti accusassero l'esercito cinese di essere più crudele di quello statunitense, che si era ritirato dal paese qualche anno prima dopo quasi 20 anni di occupazione. Anche altre fonti inglesi accusano l'esercito di aver commesso stragi di cittadini vietnamiti [en] al momento dell'abbandono del paese.

Nei suoi racconti Zhang non mostra alcun pentimento per le sue azioni:

殺了她媽,奸了她十三四歲女兒,他們是全民皆兵,戰爭時期的越南人只有死人才是好人。

Ho ucciso la madre, violentato la figlia di 13-14 anni. Erano tutti soldati. Durante la guerra, gli unici vietnamiti buoni erano quelli morti.

17.5歲我干了,你們敢干嗎?如果說你不敢,那我告訴你:你現在烈士崚園睡著呢,而我還活著。

Ho fatto tutto questo quando avevo 17 anni e mezzo. Voi avreste avuto il coraggio di fare lo stesso? Se non dimostravate coraggio, sareste finiti morti, sepolti da eroi. Io però sono ancora vivo…

Nonostante i tentativi di censurare il racconto, il post di Zhang è stato immortalato in uno screenshot che è diventato virale sui social media cinesi. I netizen hanno fortemente condannato le sue azioni e chiesto alle autorità di avviare indagini sul caso e chiarire le circostanze storiche.

Ad oggi non si ha notizia di nessuna indagine pubblica ufficiale. Le critiche e le discussioni online sul caso sono state però ampiamente censurate.

Quasi tutte le discussioni relative al post e agli eventi associati sono state o censurate o considerate troppo crude per essere divulgate al pubblico. Di seguito è riportato un esempio di un commento censurato:

不管张靖宇有没有强奸幼女,甚至不管他有没有当过兵,他的言论或行为都已对解放军造成极其恶劣的影响,如果他不受惩罚,将会有更多的张靖宇王靖宇以爱国贼的身份站出来,挑战人类的底线,到时候你莫说删贴,就是断网都没用。

Anche se la storia di Zhang Jingyu non è vera e non ha mai realmente violentato la ragazza adolescente o magari non è stato nemmeno nell'esercito, la sua storia ha un impatto negativo sull'Esercito Popolare di Liberazione. Se non viene punito ci saranno altri Zhang Jingyu o balordi patriotici che si metteranno in mostra per sfidare i valori di riferimento dell'umanità. Allora non si potrà fare più niente [per riparare al male]. La censura o il blocco di internet non funzioneranno.

Coloro che sono riusciti a scavalcare il Great Firewall cinese hanno lasciato i seguenti commenti su Twitter. Questo è uno dei tanti:

Uccidere la madre della ragazza, violentare una tredicenne: questi sono gravi reati in qualsiasi parte del mondo. Invece, nella Cina del Partito Comunista Cinese, quando un soldato dell'Esercito Popolare di Liberazione commette reati di questo tipo, viene semplicemente espulso dall'esercito e messo in isolamento per una settimana. Finora non ha mostrato alcun rimorso e si è addirittura vantato delle sue azioni. Ricordatevi di questo mostro e del suo nome: Zhang Jingyu. Nome riportato sullo screenshot: Gui Yun Luo.

Visto che tutti i commenti critici erano stati censurati sui social media, il blogger cinese Li Hanfan ha deciso di lodare Zhang per aver finalmente detto la verità sulla guerra sino-vietnamita:

到目前为止,我们无从证实张靖宇所说的是否属实,依笔者看来,属实的成分应该较大。从逻辑上来讲,没人会无端污蔑自己犯下了如此重罪。

如果不是自污,那张靖宇就是在回顾历史、还原史实。这种行为难道不值得点赞吗?

Ad oggi, non ci sono prove per sapere se Zhang Jingyu stia raccontando o meno la verità. Secondo me, è altamente probabile che stia veramente raccontando la verità. Qualsiasi persona razionale non diffamerebbe mai sè stessa auto-accusandosi di un crimine così grave.

Se non si tratta di auto-diffamazione, allora Zhang ci sta offrendo una revisione storica e racconta fatti storici realmente accaduti. Questo deve essere lodato.

Il blogger ha poi aggiunto:

我们现在要做的,特别是我们的政府和军队要做的,就是要查证张靖宇所说的是不是事实。如果经过调查张靖宇所说属实,那么…我们当然也必须正视历史,接下来我们的政府和军队要做的,就是为这种暴行向越南方面做出真诚道歉、实际赔偿,甚至把这个在战时向越南平民施暴的恶魔送上军事法庭。

当然,不排除另外一种可能,那就是张靖宇说的这些不是事实,他自始至终在胡说八道,他想用这种噱头让自己变成网红[…] 如果真是这样,那就更需要我们的政府和军队做出详尽的调查再向外界特别是向越南方面做出最具说服力的解释和说明。然后,再让这个抹黑我们伟大军队、污蔑我们可爱子弟兵的“造谣者”受到应有的惩罚!

Quello che noi, e nello specifico il nostro governo e il nostro esercito, dobbiamo/devono fare, è indagare se Zhang Jingyu stia raccontando o meno la verità. Se è così, dobbiamo prendere molto seriamente il suo racconto. Il nostro governo ed esercito dovrebbero porgere le loro sincere scuse al Vietnam e offrire un risarcimento per crimini così gravi. Dovremmo addirittura portare questo farabutto davanti a un tribunale militare.

È naturalmente possibile che Zhang Jingyu si sia inventato tutto e che volesse solo diventare famoso… Se è così, il nostro governo e il nostro esercito avrebbero il dovere di fare delle indagini approfondite, fornire delle spiegazioni al Vietnam e punire la persona che ha diffuso queste voci e che ha diffamato i nostri onorevoli soldati..

La risposta ai commenti di Zhang sottolinea la disparità che molti netizen cinesi vedono nell'approccio dello stato alle cosiddette “voci” online. Mentre alcuni tipi di contenuti politici sono soggetti a una pesante censura, altri non lo sono.

Ad inizio settembre i funzionari hanno approvato nuovi regolamenti [en] che riconoscono come penalmente responsabile chiunque gestisca chatroom o gruppi di messaggistica — che sono spesso comuni cittadini — per la divulgazione di voci, truffe e argomenti politicamente sensibili su questo tipo di gruppi online. Molti affermano che la repressione è indirizzata a chi in passato ha espresso opinioni critiche nei confronti del governo cinese e delle autorità del Partito. Tuttavia, le conversazioni che sono considerate patriottiche — anche se crudeli e bellicosi come quelle di Zhang – non sembrano soggette ad alcuna azione punitiva.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.