chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Singapore: la libertà d'espressione è una “promessa vuota”? Gli attivisti reagiscono dopo l'arresto di un artista

Seelan Palay si stava esibendo in una performance artistica davanti al palazzo del Parlamento, quando è stato arrestato dalla polizia con l'accusa di “assemblea illegale”. Screenshot del video di The Online Citizen.

L'artista e attivista politico Seelan Palay è stato arrestato [en, come i link seguenti] il 1 ottobre 2017 dalla polizia di Singapore con l'accusa di “raduno illegale” davanti al Parlamento.

Seelan si trovava da solo di fronte al palazzo del Parlamento, con uno specchio in mano, durante una performance di arte rappresentativa. È stato condotto via dalla polizia e trattenuto finché, il giorno seguente, l'artista non ha pagato la cauzione.

Benché gli fosse stato concesso di inscenare la performance nel parco Hong Lim di Singapore, non aveva avuto il permesso di esibirsi di fronte al palazzo del Parlamento. Solo un'area apposita all'interno del parco, nota come “Speakers Corner”, concede legalmente ai cittadini di Singapore la libertà di protesta — entro certi limiti. Seelan aveva cominciato a esibirsi lì, ma si è poi spostato verso il palazzo del Parlamento.

La performance di Seelan, manager delle comunicazioni per la ONG Engage Media e collaboratore di Global Voices, è intitolata “32 Years: The Interrogation of a Mirror” (32 Anni: l'interrogatorio di uno specchio), e omaggia l'ex parlamentare Chia Thye Poh, che era stato imprigionato per un totale di 32 anni senza essere mai stato legalmente accusato. Aveva trascorso 23 di questi anni in cella, e gli altri nove agli arresti domiciliari. Secondo quanto riportato, Chia era stato arrestato nel 1966 per aver capeggiato attività pro-comuniste nel paese, ed era diventato il prigioniero detenuto più a lungo al mondo fino al suo rilascio nel 1998. Chia inoltre criticava il governo in carica, che detiene il potere dagli anni '60.

Nella sua performance, Seelan metteva in dubbio la detenzione di un funzionario eletto, senza precedente processo e lunga 32 anni. Ha domandato:

Può l'emancipata mente umana essere costretta in uno spazio delimitato dallo Stato, e, a tal proposito, può una libera opera d'arte essere contenuta in uno spazio delimitato dallo Stato?

La performance artistica di Seelan nel parco Hong Lim è stata annunciata su Facebook.

Dopo aver iniziato la sua performance al parco Hong Lim, Seelan ha camminato per due chilometri fino alla National Gallery, per spostarsi finalmente di fronte al Parlamento, tenendo in mano per tutto il tempo uno specchio, su cui era stata dipinta una rappresentazione dei 32 anni di prigionia di Chia Thye Poh. Dopo 30 minuti, una dozzina di poliziotti ha arrestato Seelan per “raduno illegale”, benché non avesse partecipato nessun altro alla performance.

In base al severo Public Order Act, a Singapore anche un singolo individuo può essere accusato di partecipazione ad un raduno illegale.

Le foto seguenti testimoniano che Seelan fosse solo prima di essere arrestato dalla polizia.

L'attivista di Singapore @seelanpalay in arresto per la protesta contro i 32 anni di detenzione senza processo di Chia Thye Poh, ex membro eletto del Parlamento.

Tuttavia, in base al severo Public Order Act, a Singapore anche un singolo individuo può essere ritenuto responsabile di partecipazione ad un raduno illegale.

Seelan è stato rilasciato il 2 ottobre. Ha pubblicato questo messaggio sulla sua pagina Facebook:

Vi ringrazio molto per le vostre gentili parole di sostegno. L’ arte è inarrestabile!

Sebbene fosse già stato minacciato in passato per il suo attivismo, Seelan ha confidato a Global Voices di non aver mai subito minacce né arresti per una performance artistica prima d'ora.

L'episodio ha scatenato le critiche degli utenti dei social media e della società civile in generale, in particolar modo sulla scia di altri recenti arresti di persone coinvolte in performance artistiche pubbliche e in manifestazioni. Nel mese di giugno, la polizia ha condotto indagini su attivisti che avevano preso parte a una manifestazione creativa su un treno della metropolitana, il cui scopo era di focalizzare l'attenzione su una serie di arresti da parte della Internal Security Administration avvenute nel 1987.

Durante la detenzione di Seelan, sono state mosse critiche al governo in carica del People's Action Party (PAP), accusato di intolleranza al dissenso:

Nel momento meno opportuno, Singapore propone un altro esempio di repressione del dissenso. ‪@seelanpalay è la stessa storia di JBJ

La maggiore minaccia per il PAP viene dalla ribellione e dalle proteste di massa. Sono talmente insicuri da usare il pugno di ferro anche per la protesta di un singolo individuo.

L'avvocato e difensore dei diritti umani Teo Soh Lung, collaboratrice del gruppo di attivisti Function 8, ha rilasciato dei commenti sulle ‘molestie’ della polizia nei confronti degli individui che hanno documentato la performance di Seelan. Ha accusato la polizia di abuso di potere nell'esigere i documenti d’identità di alcuni membri di Function 8 che hanno assistito alla performance di Seelan.

Ciò a cui abbiamo assistito, ciò che abbiamo vissuto ieri, conferma oltre ogni dubbio che Singapore è uno Stato di polizia, e che il terrorismo di Stato sta dilagando. Le libertà di assemblea, di parola e di espressione sono solo vuote promesse da parte del governo. Quando gli ufficiali di polizia minacciano di arrestare per qualsiasi ragione e sono convinti di avere questo tipo di potere, dove va a finire lo Stato di diritto di cui il nostro governo e la nostra magistratura si vantano a livello globale?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.