chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Cuba: il doppio impatto dei recenti disastri naturali a Camagüey

Afectaciones en las viviendas por el tornado (Foto: Rogelio Serrano)

Danni ad abitazioni causati dal tornado. Foto di Rogelio Serrano. Utilizzo autorizzato.

Il seguente estratto di un articolo di Rogelio Serrano Pérez [es, come i link seguenti] è stato pubblicato esclusivamente su Global Voices. La versione originale in lingua spagnola di “Las víctimas de Irma en la ciudad de los tornados” (Le vittime di Irma nella città dei tornado) può essere trovata sul sito Periodismo de Barrio.

Gli occhi di Yainelis volevano uscire dalle loro orbite, ma lo shock non l'ha paralizzata. Telefono in mano, andò a caccia del tornado.

Qualche anno fa si trovò vicino a due trombe marine, e nel 2008 l'uragano scaraventò lei e la sua famiglia su un muro mentre lottavano per salvare la porta del loro appartamento. Ad ogni modo per Yainelis, il tornado che ha portato distruzione nella centrale città cubana di Camagüey il 29 agosto 2017 è stato il più impressionante.

“È arrivato dal nulla. Non stava nemmeno piovendo! Decisi di andare a prendere il mio telefono, quando vidi uno stormo di piccioni che non riusciva ad atterrare a causa del vento”, ha spiegato Yainelis. “Quando tornai in strada le tegole del tetto stavano volando come fogli di carta.”

A pochi isolati dall’ affollata piazza San Juan de Dios, Georgina Vergel Aguilar vide il vento sollevare il tetto di una casa per intero:

¡Menos mal que está deshabitada! Los trabajadores de la Empresa Eléctrica trabajaron hasta la madrugada para bajarlo del tendido eléctrico.

Grazie a Dio non c'era nessuno lì! Gli elettricisti hanno lavorato fino all'alba per toglierlo dalle linee della corrente.

Il tornado ha colto di sopresa il quartiere storico, ma nessuno era impreparato per l'uragano Irma, la potentissima tempesta che si sarebbe abbattuta sui Caraibi alcuni giorni dopo. Sull'isola gli uragani sono conosciuti, i tornado, non molto.

“Camagüey ha la curiosa fama di essere la città più colpita dalle tempeste nella storia di Cuba, essendo stata colpita da sei tornado negli ultimi 12 anni,” ha scritto Roger Rivero Vega, ricercatore per il Centro Metereologico di Camagüey, nel 1989 sull’ “Atlante di Camagüey”:

Los tornados en Cuba no se pronostican. El especialista puede tener la convicción de que todas las condiciones son propicias para que ese día ocurra un tornado, pero no existen suficientes elementos para localizar el lugar donde va a ocurrir”.

Al haber un tornado debe hacerse un estudio del recorrido, analizando todo tipo de daño y recibiendo información de todos aquellos que lo vieron desarrollarse. Ahora no se pudo hacer, y es cada vez más difícil.

I tornado a Cuba non si prevedono. Lo specialista può essere convinto che ci siano le condizioni necessarie affinche quel giorno ci sia un tornado, ma non ci sono abbastanza elementi per localizzare il posto in cui avranno luogo.

Quando si verifica un tornado si dovrebbe fare uno studio del suo percorso, analizzando ogni tipo di danno e raccogliendo informazioni da chiunque sia testimone del suo sviluppo. Questa volta non è stato possibile e sta diventando sempre più difficile farlo.

“Abbiamo fatto passi avanti riguardo l'utilizzo dei radar, ma l'Istituto non sta portando avanti uno studio sui tornado. Mi sono dedicato quasi interamente al cambiamento climatico dal 1995, e sono stato l'unico a studiare i tornado di Camagüey” spiega Roger Rivero.

Nessun mezzo di comunicazione dà alcun tipo di avvertimenti per preparare la popolazione locale ai tornado.”È diverso con gli uragani; veniamo avvisati, ma i tornado si formano in pochi minuti”, afferma Idalia Andreu.

Irma non ha avuto gravi conseguenze per lei, dato che la sua casa è fatta di pietra. La straordinaria forza del tornado, d'altro canto, è stata una brutta notizia. È rimasta intrappolata nel corridorio di casa sua a causa della forza del vento, che ha finito per portar via asciugamani e vestiti e rompendo tre finestre.”Se non mi fossi tenuta alla recinzione avrebbe portato via anche me.”

José, un vicino, non ha voluto parlare. “Se potesse servire a qualcosa…”

Nessuno dal governo è andato a casa di queste persone a chiedere dei danni causati dal tornado. Adesso, se José volesse riprendersi le tegole che il tornado ha portato via, potrebbe dire che sono state distrutte da Irma.

Circa 20 abitazioni e il Teatro Guiñol recentemente ristrutturato, questo è stato il bilancio del tornado secondo le cifre offerte da Televisión Camagüey ai notiziari nazionali. La scandalosa situazione dei residenti dell'area Nuevo Venezuela, vicino l'industria di cibo in scatola El Mambí, è stata ugualmente ignorata dai notiziari.

L'area Nuevo Venezuela è nuova, con marciapiedi, strade lastricate e case di pietra. Molte persone occupano illegalmente la zona tra i confini della città e le linee centrali della ferrovia.

“Quest'area non è nemmeno sulla mappa.” Le parole di Pedro Luis Hernández Martínez colpiscono nel segno. Lui è nuovo da queste parti, e sta vivedo qui illegalmente come gli altri. “Se non avessi comprato le tegole da solo, nessuno mi avrebbe dato nulla. Ho perso 300 pesos in tegole.”

“Altri hanno perso di più.”

Il tornado ha fatto a pezzi la casa di Rolando Carmenate Consuegra. “Avevo appena cominciato a sistemarla quando il ciclone è arrivato. La cosa peggiore è che nessuno è venuto qui per farci evacuare o altro — con il numero di bambini che vivono in quest'area!”

Irma ha causato ancora più danni alla sua casa e raddopiato il numero di buchi nel tetto. Rolando e sue moglie si stanno ingegnando, utilizzano dei pezzi di nylon per creare un riparo al figlio di sei mesi.

Ramón Reynier Almanza Díaz a causa del tornado ha cercato rifugio a casa di alcuni familiari quando hanno saputo di Irma.

La sua piccola casa fatta di tavole e con un tetto di tegole era in preda al panico il giorno del tornado.”Lo vidi arrivare da El Mambí e ho avuto a malapena il tempo necessario per avvisare mia moglie: ‘Nasconditi!’. Ci siamo chiusi in casa, ci siamo seduti sulla porta dell'armadio e nascosto nostra figlia che piangeva dentro. La più grande ha tre anni e la piccola ha un anno e mezzo. Adesso, ogni volta che giocano fuori, ogni volta che sentono il rombo di un tuono corrono verso casa.”

Ramón vive ancora nella paura. “Mia moglie vuole disperatamente scappare da qui, ma non abbiamo denaro, dove potremmo andare?”

Per coloro che l'hanno visto in TV, il tornado è stato triste, bizzarro, breve e lontano. I canali di informazione non hanno parlato del trauma subito dai loro figli, come quelli di Ramón.

Al momento, nulla è cambiato: i media non smettono di parlare dell'impatto dell'uragano Irma e gli sforzi compiuti dalla gente e dal governo per portare in salvo la gente. Nessuno parla di chi è stato abbandonato al proprio destino, come Rolando e i suoi figli. Per loro, Irma rimarrà sempre il momento più sconvolgente delle loro vite, che ha avuto inizio il 29 agosto nella Città del Tornado.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.