chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Documentario: Tra le rovine dell'industria del tè della Georgia sovietica

L'ex direttore della fabbrica di tè di Laituri osserva ciò che una volta era una florida piantagione. Screenshot del documentario pubblicato sul sito web Chai-khana.org.

 Quella che segue è una versione di un articolo pubblicato da un partner di Global Voices  [en] originariamente intitolato ‘God, Thank You for Tea!’ (Dio, grazie del tè!) reso disponibile per la prima volta sul sito web di Chai-Khana.org [en].

Negli anni '50, Laituri, un villaggio di 2.697 abitanti, era un formicolare di attività. Georgiani, Russi, Armeni e Azeri si riversavano in questo centro rurale della Georgia occidentale per lavorare nelle piantagioni di tè che costellavano la regione durante l'era sovietica. La dissoluzione dell'USSR ha poi provocato la rapida caduta della produzione, lasciando le famiglie senza una fonte di guadagno e causando la graduale scomparsa del caleidoscopio di lingue, etnie e  religioni di Laituri. Oggi, molti dei residenti si sono trasformati in migranti stagionali che si trasferiscono nei campi della vicina Turchia per raccogliere il tè. God. Thank You for Tea! racconta la storia di persone la cui vita è stata plasmata dalle profumate piantagioni di tè.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.