chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Pakistan: un ristorante gestito da donne sfida le convenzioni sociali a Quetta

Hamida Ali Hazara con il personale e alcuni degli sponsor nel Ristorante Hazara a Quetta. Hamida è la quarta da sinistra. Foto condivisa da Hamida Ali Hazara sul suo account diFacebook e usata con la sua autorizzazione.

I ristoranti non sono certo una rarità ad Hazara, un quartiere a reddito medio nella città di Quetta, nel Pakistan occidentale. Ce n'è uno però che si distingue dagli altri. Ha un'eleganza discreta e i suoi interni sono arredati con decorazioni hazara tradizionali e un poster di un Buddha gigante. Ciò che immediatamente salta all'occhio è il fatto che il gestore e il personale del ristorante sono tutte donne.

Le minoranze Hazara [it] parlano l'Hazaragi/il Dari. Gli hazara continuano a essere oggetto di persecuzioni da quando sono sfuggiti alla pulizia etnica da parte dei talebani in Afghanistan ed emigrati nei paesi vicini, tra cui l'Iran e il Pakistan.

La maggior parte degli hazara è di religione musulmana sciita. La scorsa estate, il Ristorante Hazara ha deciso di aprire le sue porte alle donne e alla famiglie desiderose di passare una serata piacevole a Quetta, la capitale amministrativa della provincia afghana del Balochistan.

Hamida Ali Hazara, che proviene da una minoranza emarginata, è l'elemento trainante del ristorante, il cui ristretto menu include solo le prelibatezze più autentiche del Pakistan, come il biryani (generalmente a base di spezie, riso e carne), il karhai (uno stufato di carne), il kebab e succhi di frutta freschi.

Il locale del ristorante viene usato anche per conferenze di lavoro, riunioni, feste di matrimonio e di compleanno. Nel Ristorante Hazara lavorano complessivamente sei donne [en, come i link seguenti].

Si tratta probabilmente del primo ristorante a Quetta progettato e gestito da un'imprenditrice, Hamida Ali Hazara, a sfidare le convenzioni sociali.

Il ristorante è un po’ come una seconda casa per le 4 donne hazara della comunità. Questa iniziativa sta cambiando il modo di pensare e conquistando gli animi di tutti.

Qualunque giornalista o documentarista vorrebbe raccontare la storia della coraggiosa Hamida Ali Hazara che di recente ha aperto un ristorante nel quartiere di Hazara. Le donne del team non gestiscono solo il ristorante, ma lavorano come artiste e sostengono la comunità hazara del Balochistan. Hamida, una femminista convinta, ha aperto questo spazio appositamente per le donne e le ragazze del Balochistan, per consentire loro di condividere le loro idee e insieme la perdita dei propri cari.

‘Quello che pensa la gente non mi fermerà’

Hamida Ali Hazara, che è anche un'attivista in campo sociale e politico, è meglio conosciuta come la fondatrice di Hurmat-e Niswa Foundation (HNF), una fondazione che aiuta le donne hazara a migliorare la propria vita tramite la salute, l'educazione e lo sport. HNF ha aiutato decine di ragazze hazara a ottenere borse di studio per poter studiare nelle università delle principali città pakistane come Lahore e Karachi.

Sfondare qualche muro nel mondo degli affari era forse il passo logico successivo per una pioniera indomita come Hamida. Mettere piede nel settore dell'ospitalità, tradizionalmente dominato dagli uomini, non è stata un'impresa semplice per una donna non sposata che vive in una regione ancora molto patriarcale.

“Alcuni dei miei amici e familiari a me più vicini si sono presi gioco di me e hanno messo in ridicolo la mia scelta commerciale”, racconta Hamida Ali Hazara in un'intervista telefonica con Global Voices.

“Parlavano alle mie spalle, ma non ho intenzione di piantare tutto in asso semplicemente perché gli altri la pensano diversamente”.

Ad oggi, i successi hanno compensato le difficoltà. A pranzo e a cena, il ristorante fa fatica ad accontentare tutti i clienti. Tuttavia, la cosa che ha stupito di più Hamida Ali Hazara è il cambiamento che ha notato nel suo personale, che è diventato sempre più unito.

“All'inizio, una delle dipendenti era silenziosa e malinconica. Diceva che aveva dovuto interrompere gli studi a causa dei problemi economici. Avrebbe lasciato perdere tutto se il ristorante non l'avesse aiutata a continuare gli studi. Sono contenta per lei”.

Quetta di notte. Immagine originariamente pubblicata su Flickr da Beluchistan. CC BY-SA 2.0.

Così come l'istruzione rappresenta un obiettivo per le sue dipendenti, Hamida Ali Hazara ritiene anche che sia il motivo principale per cui iniziative come le sue finiranno per essere accolte più favorevolmente dalla comunità. Questo suo punto di vista è stato di recente confermato dalla pubblicazione di un annuncio di un panettiere locale di Quetta, che potrebbe essere il primo in assoluto, in cui si cerca specificatamente una lavoratrice specializzata.

Cercasi donna entusiasta per lavoro di cassiera.

Entra a far parte di un'azienda leader di Quetta come cassiera! French Bakery sta cercando una cassiera motivata ed entusiasta. Stipendio interessante. Noi di French Bakery siamo fermamente convinti che in una società prospera, uomini e donne debbano avere pari opportunità nel mondo del lavoro.

“I tempi sono cambiati”, spiega Hamida Ali Hazara. “Anni fa, la vita delle donne si svolgeva entro le mura domestiche delle case di hazara, ma adesso non è più cosi. L'istruzione sta cambiando la mentalità delle donne”.

Un porto sicuro in mondo pericoloso

Uno dei mali che continua a gettare un'ombra sulle imprese a Quetta, e in particolare di quelle appartenenti a membri dell'etnia hazara, è l'insicurezza. Il 9 ottobre scorso, i media pakistani hanno segnalato [en] che c'erano tre hazara tra i cinque morti, uccisi durante un attacco della polizia considerato fazioso.

Dopo la tragedia di ottobre, numerosi hazara si sono riversati sul viale di Mizan Chowk a Quetta per protestare per l'incremento della violenza nei confronti del loro gruppo etnico. Come in Afghanistan, gli hazara musulmani sciiti sono regolarmente presi di mira dagli estremisti pakistani che li considerano eretici.

La paura di possibili violenze spinge questo gruppo etnico a mettere su attività in quartieri, come Hazara, dove costituiscono la maggioranza. La fondatrice pioniera del Ristorante Hazara ha scelto come strada Aliabad, anziché l'affollato bazaar, proprio per motivi di sicurezza.

Il mondo esterno continua tuttavia a presentare pericoli e problemi. Il Ristorante Hazara è una sorta di santuario. Qui Hamida Ali Hazara e la sua comunità possono parlare, organizzare e sentirsi a loro agio. E tra l'altro, le pietanze non sono per niente male.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.