chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

I taxi gialli di Amman lottano per accaparrarsi i passeggeri dopo l'arrivo di Uber e Careem

Tassista che prende a bordo un passeggero ad Amman in Giordania. Foto di Monther Hammad, utilizzata dietro sua autorizzazione.

Ad Amman, la capitale della Giordania, sono circa 11.400 [en, come i link seguenti] i taxi gialli che servono i 3,5 milioni di cittadini. Poiché la maggior parte dei cittadini usa il taxi quotidianamente, i tassisti non sempre riescono a soddisfare le richieste dei clienti e le loro esigenze.

I passato i clienti si sono spesso lamentati del fatto che alcuni tassisti chiedessero tariffe più alte di quelle indicate sul tassametro, che bestemmiassero e imprecassero, che si rifiutassero di portarli in determinate destinazioni e che fumassero in macchina. Quindi, quando all'inizio del 2016 sono arrivate società private, come Uber e Careem, i cittadini di Amman ha tirato un sospiro di sollievo.

Aseel Odeh, una cittadino di Amman, ha raccontato a Global Voices (GV):

I live in Jabal Al-Hussein, which is a pretty crowded place. I quit my last job because it was 30 minutes away and no one would agree to drive me back home. 

Vivo a Jabal Al-Hussein, che è una zona molto popolosa. Mi sono licenziata dal mio ultimo posto di lavoro perché distava 30 minuti dalla mia abitazione e non trovavo mai nessuno disposto a portarmi a casa.

Quando trovava un tassista disposto a portarla a casa, le chiedevano spesso prezzi esorbitanti. Odeh non aveva purtroppo molte alternative per spostarsi. Hazem Zureiqat, un consulente di trasporti, ha confermato che ad Amman ci sono solo 350 autobus di grandi dimensioni e che l'inadeguata rete di trasporti pubblici riesce a coprire solo il 5% delle esigenze di trasporto dei cittadini della capitale. 

Inoltre, il prezzo della benzina è più alto rispetto a quello dei paesi confinanti. In Giordania, si aggira intorno a 3,44 dollari contro gli 0,24 dollari della vicina Arabia Saudita.

Le aziende di carpooling private offrono protezione e sicurezza

I cittadini di Amman, come Yacoub Lambaz, preferiscono i servizi di aziende private come Careem e Uber ai tradizionali taxi gialli:

Careem is a company, and every driver is an employee who follows rules and regulations and is confronted by the company in case the driver breaks said rules. This makes me feel safer knowing that if the driver commits an unauthorized act, he will be questioned, and I will receive compensation.

Careem è un'azienda e ogni conducente è quindi un dipendente, che deve rispettare regole e regolamenti, e che è tenuto a rispondere all'azienda in caso di infrazione. Questo mi fa sentire più sicuro perché so che se un conducente commette un'azione illegale, verrà sanzionato ed io verrò rimborsato.

In un paese culturalmente conservatore come la Giordania, funzionalità come “Track my ride” (Segui il mio viaggio) fornite dalle app mobili, rassicurano i familiari che le donne possano viaggiare in condizioni di sicurezza. Fino all'introduzione delle app di Uber e Careem, per una donna l'unica alternativa per spostarsi era quella di fare affidamento a un membro della famiglia.

Aisha Azzam, una cittadina di Amman, ha raccontato a Global Voices:

Careem makes me feel safe because the drivers respect us and make us feel comfortable, and they do not complain if there is traffic on the way.

Careem mi fa sentire sicura perché i conducenti ci rispettano e ci fanno sentire a nostro agio. Inoltre, non si lamentano del traffico.

Suzan, una madre di cinque figli, afferma:

I’m the worrying kind, so I never used to let my kids go anywhere unless I personally drove them there, but with Careem, I let them go anywhere, as long as they share their ride route with me via whatsapp.

Sono una madre ansiosa. In passato, non lasciavo mai andare i miei figli da nessuna parte a meno che non ce li portassi personalmente. Con Careem li lascio andare dove vogliono a condizione che condividano con me il loro tragitto tramite Whatsapp.

Heyam, un fan di Uber, ha invece dichiarato:

Uber is much safer at night.

Uber è molto più sicura di notte.

Ripercussioni e battaglie legali

Careem aveva promesso di creare 10,000 posti di lavoro tra il 2016 e il 2018. Tuttavia, fino al dicembre del 2017, una legge del governo giordano vietava alle auto private di fornire servizi di trasporto, rendendo di fatto Careem e Uber illegali.

La successiva decisione del governo di tassare anziché vietare questi servizi ha avuto enormi ripercussioni sui proprietari di taxi gialli, che hanno lamentato un calo dell'80% nei loro profitti dopo l'arrivo di Uber e Careem. 

I conducenti dei tassisti tradizionali hanno intrapreso varie azioni, tra cui proteste durate vari mesi, lamentandosi ripetutamente con il governo per non aver preso alcuna azione di difesa nei loro confronti.

Le proteste sono iniziate nel novembre del 2016 quando i tassisti hanno deciso di dare pubblicamente voce a loro scontento proprio nel momento in cui Uber e Careem iniziavano a diventare sempre più popolari.

Queste proteste hanno spinto il governo ad adottare nuove misure, come sequestrare le auto di Uber e Careem, multare i loro conducenti, bloccare le app e perfino istituire un gruppo specializzato all'interno della polizia municipale per identificare i tassisti delle due società.

Le proteste si sono protratte anche nel 2017, passando da semplici dimostrazioni di insoddisfazione per la situazione alla minaccia di bruciare addirittura le auto illegali. 

Le proteste sono state organizzate nei mesi di gennaio, aprile, luglio, agosto, settembre e novembre 2017. 

I fan di Careem e Uber, che si erano ormai abituati a viaggiare su auto sicure e prive di fumo, non hanno gradito le proteste.

Farah Mohammed, una cittadina di Amman, ha raccontato a Global Voices:

 When both the Uber and Careem apps were taken down for a couple of days, I went insane. I couldn’t go anywhere. There would be yellow taxi cabs right outside my house, but I still wouldn’t get into them. I let my dad drive me around until the apps were back up.

Quando hanno bloccato per un paio di giorni le app di Uber e Careem, sono diventata matta. Non potevo più andare da nessuna parte. C'erano dei taxi gialli davanti a casa, ma non volevi prenderli. Mi sono fatta accompagnare in giro da mio padre finché non è stato ripristinato l'uso delle app.

Il fatto che le app fossero tecnicamente illegali non ha impedito a nessuno di usare le auto di Careem o Uber, sopratutto in condizioni climatiche ostili. 

Lambaz ci ha raccontato:

I used Careem even when it was illegal, and once, a taxi driver ratted us out to a police officer. The driver and I managed to squeeze out of that situation. I gave him a 5 star rating for the action pack ride!

Ho usato Careem anche quando il governo l'aveva dichiarata illegale. Una volta, un tassista ci ha segnalato a un funzionario di polizia. Il conducente e io siamo riusciti a farla franca. Gli ho dato una valutazione di cinque stelle per la corsa mozzafiato!

Alla fine, il governo ha riconosciuto a Careem il diritto di richiedere la licenza, ma solo a condizione che aggiungesse un servizio di taxi gialli alla sua app. Careem ha accettato a condizione che i nuovi tassisti seguissero un corso di formazione e si adeguassero agli standard dell'azienda. Il processo di legalizzazione è iniziato nell'agosto 2017 ed è stato completato nel dicembre 2017.

L'approvazione ha scatenato un'altra protesta.  

Le proteste contro la concorrenza sleale continuano

I proprietari dei taxi gialli hanno ritenuto che la concorrenza fosse comunque sleale dal momento che Careem ha di fatto incluso solo 5.000 taxi gialli nella sua rete, escludendo gli altri.

Abu Mahmoud, un tassista di 55 anni, ci ha raccontato:

I worked as a taxi driver for most of my life, and saved up in the hope to buy my own taxi someday. When I finally did spend my whole life savings to buy a cab, we are no longer needed! I cannot work, as no one uses us yellow taxi cabs anymore, and no one wants to buy the taxi, since it is no longer a lucrative business.

Ho lavorato come tassista per la maggior parte della mia vita, risparmiando per potere comprare un giorno un taxi tutto mio. Quando finalmente sono riuscito a comprarmelo, è diventato inutile. Non riesco più a lavorare perché nessuno usa più i taxi gialli e nessuno vuole comprare la mia licenza perché non vale più nulla.

Abu Al-Abed, che ha lavorato come tassista per 13 anni con Abu Mahmoud, aggiunge:

I have to pay 25 Jordanian Dinars (35 USD) to the man I rent the taxi from, of late, I have to pay most of that from my own money, as I do not even make it to 15 Jordanian Dinars (21 USD) on most days.

Devo pagare 35 dollari all'uomo che mi affitta il taxi e negli ultimi tempi devo tirarli fuori di tasca mia, perché nella maggior parte dei giorni non riesco nemmeno a guadagnare 21 dollari.

I conducenti dei taxi gialli ritengono di aver ricevuto poco sostegno dalla maggior parte dei Giordani.

Mariam, una cittadina di Amman, ha dichiarato:

Taxis were constantly charging us more for certain places, making unnecessary small talk, and sometimes asking inappropriate questions. I will never go back to using them after I have started using Uber.

I tassisti ci chiedevano spesso tariffe esose per alcune destinazioni, facevano troppe chiacchere e talvolta anche domande inopportune. Dopo aver iniziato a usare Uber, non li uso più.

I Servizi dei trasporti e il Sindacato dei proprietari di taxi non hanno rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale sulla decisione del governo, perché attendono di ricevere una copia dei regolamenti prima di esprimere commenti.

Per i proprietari dei taxi gialli, la lotta per attirare clienti è reale. Una volta, erano l'unico mezzo di trasporto privato disponibile in Giordania, oggi sono totalmente sopraffatti dalla concorrenza.

Parlando ad Al Monitor, Zureiqat ha sottolineato che la causa del problema è l'incapacità del governo di fornire un servizio di trasporto pubblico di buon livello:

The reasons why these services are successful here is because the government has failed to provide a decent public transport system.

Il motivo del successo di questi servizi deriva dall'incapacità del governo di fornire un servizio di trasporto pubblico decente.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.