chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Svezia: passeggiando per Rinkeby, il ghetto degli immigrati di Stoccolma

Rinkeby [it] è un sobborgo di Stoccolma conosciuto per la sua alta concentrazione di immigrati. Alcuni curiosi forestieri hanno documentato le loro visite in zona.

La giornalista e blogger Afrah Nasser [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] originaria dello Yemen, vive a Stoccolma. Ha parlato della sua prima visita a Rinkeby in un post sul suo blog il 6 aprile del 2012.

Afrah scrive [sv]:

Jag har alltid hört från folk i Stockholm att det finns ett område som heter Rinkeby som är så fullt av invandrare att man nästan aldrig ser några svenskar där. Så jag bestämde mig för att åka dit igår. Jag ville åka dit och upptäcka detta lilla icke-svenska område.

Ho sempre sentito dire dagli abitanti di Stoccolma che c'è una zona della città, Rinkeby, talmente piena di immigrati che non si vedono quasi mai svedesi. Così ho deciso di andarci ieri. Volevo andare lì per esplorare questa piccola zona “straniera”.

Rinkeby

Cartello stradale a Rinkeby. Foto di Afrah Nasser (pubblicata qui con il suo permesso).

Appena arrivata alla stazione della metro di Rinkeby [it], Afrah ha subito notato quanto questa fosse più trascurata rispetto alle altre stazioni centrali di Stoccolma, come ad esempio la T-Centralen [it]. Confrontando le foto delle due stazioni, ha scritto [sv]:

Mitt första intryck när jag kom till tunnelbanan var, “OMG, tunnelbanan ser fruktansvärd ut! Varför finns det inga dekorationer här? Som t.ex. på Karlaplan (där svenskar klär sig och går som om de medverkar i någon slags modevisning)! Ingen reklam, inga vackra bilder på väggarna, vilket de brukar finnas på de flesta stationerna i stan.

La prima impressione che ho avuto quando sono arrivata alla stazione della metro è stata: “Oh mio Dio, questa stazione è orribile! Perché non c'è nessuna decorazione qui, come per esempio a quella di Karlaplan (dove gli svedesi si vestono bene e camminano come se dovessero fare una sfilata)? Nessun cartello pubblicitario, nessuna bella foto sui muri, come si vede invece nella maggior parte delle stazioni in città.

T-Centralen Station

T-Centralen. Foto di Afrah Nasser (pubblicata qui con il suo permesso).

Rinkeby Station

Stazione di Rinkeby. Foto di Afrah Nasser (pubblicata qui con il suo permesso).

Molte persone che vivono a Rinkeby non riescono a trovare un buon lavoro al di fuori della loro comunità, perché non hanno una conoscenza adeguata della lingua svedese. Secondo Tricia Wang, una blogger e sociologa americana che ha visitato Rinkeby nel 2008, la donna della foto qui sotto temeva che i suoi figli non potessero avere delle buone prospettive lavorative per il basso livello di inglese e svedese parlato nella loro scuola.

Hatice Erkal working in the bread shop of her family in Rinkeby

Panetteria a Rinkeby. Foto di Tricia Wang su Flickr (CC BY-NC-SA 2.0)

Vegetable market in Rinkeby

Mercato ortofrutticolo a Rinkeby. Foto di Tricia Wang su flickr (CC BY-NC-SA 2.0)

 

Dopo la sua visita, Afrah ha detto [sv]:

Jag tog farväl av Rinkeby med en känsla av att Stockholm är segregerat. Min hemstad, Sana'am, har alltid varit segregerad den också. De rika levde på ena sidan och de fattiga på andra. Jemeniterna levde på den ena sidan och invandrarna på  den andra. Därför vet jag vad social segregation innebär. Det finns ett område i Sana'a som heter Safia där det bor väldigt många somalier. Vi brukade kalla det för Maqadishu. Jag antar att Rinkeby är Stockholms Safia. Det här är inte nytt för mig, men det var intressant att upptäcka den här sidan av Stockholm.

Ho salutato Rinkeby con la sensazione che Stoccolma sia segregata. Anche la mia città natale, Sana'am, è sempre stata segregata. I ricchi vivevano da una parte e i poveri da un'altra. Gli yemeniti vivevano da una parte e gli immigrati da un'altra. Per cui so cosa la segregazione sociale comporti. C'è una zona, a Sana'a, che si chiama Safia; lì abitano molti somali. La chiamavamo Maqadishu. Credo che Rinkeby sia un po’ la Safia di Stoccolma. Non era niente di nuovo per me, ma è stato comunque interessante scoprire questa zona della città.

Poster in Rinkeby advertising international money transfers to Africa

Manifesto a Rinkeby che pubblicizza trasferimenti internazionali di denaro verso l'Africa. Foto di Tricia Wang su Flickr (CC BY-NC-SA 2.0)

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.