chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

In Armenia, ‘avere una buona colomba significa essere rispettati’

Ashot Metsoyan, un ghushba (allevatore di colombe) sessantacinquenne di Gyumri mentre dà da mangiare alle sue colombe (Armine Avetisyan).

Il seguente articolo pubblicato [en, come i link seguenti salvo diversa indicazione] dal sito partner EurasiaNet.org  è stato scritto da Armine Avetisyan e viene qui ripubblicato con la sua autorizzazione.

Nel suo racconto “Doves” (Colombe), Vahan Totovents, uno scrittore del XIX secolo, descriveva il basso status sociale degli allevatori di colombe in Armenia.

“La gente puntava loro il dito contro come se fossero ladri o criminali”, scriveva [hy] Totovents. “Nessuno concedeva in moglie la figlia e nessuno faceva proposte di matrimonio alle figlie a un allevatore di colombe. Anzi, facevano ulteriori indagini per essere certi che nessuno della famiglia della giovane donna o del giovane uomo fosse un allevatore di colombe”.

David Shirvanyan oggi ride ricordandosi la famosa citazione. “Oggi, l'atteggiamento è cambiato. Nessuno ci critica più e siamo accettati dalla società”, afferma il 38enne allevatore di colombe di Yerevan. “Ciononostante, non voglio che i miei figli allevino colombe; è come una malattia e non voglio che vivano come me e sacrifichino tutto per questi uccelli”.

Shirvanyan alleva colombe (un tipo di piccione) dall'età di cinque anni, ossia da quando un parente gli regalò una colomba. Se ne innamorò subito e oggi ne ha ben 300.

Esercita il suo mestiere al mercato degli uccelli di Yerevan durante i weekend, offrendo animali in cambio di cibo e animali da compagnia.

Il prezzo minimo di una colomba è di 5000 dram (circa 10 dollari). Il prezzo più alto che Shirvanyan è riuscito a guadagnare è 5.000 dollari anche se considera molte delle sue colombe inestimabili. Di recente, ci racconta, un compratore gli ha offerto la sua nuova Opel Astra in cambio della sua colomba preferita, ma ha rifiutato l'offerta.

“Non la venderei anche se mi offrissero il prezzo equivalente di un appartamento di lusso sulla Northern Avenue (il quartiere residenziale di Yerevan). Non la venderei nemmeno se mi puntassero una pistola alla testa. La gente non ci crede, ma quando uno si affeziona a una colomba finisce per considerarla quasi un figlio”, afferma Shirvanyan.

Shirvanyan e gli altri allevatori di colombe, che in armeno vengono chiamati ghushba, si stanno preparando per l'arrivo della primavera, che in Armenia è la stagione in cui si tengono le gare delle colombe durante le quali i ghushba fanno gareggiare i loro uccelli migliori per vedere chi riesce a volare più a lungo.

Le gare durano settimane perché ciascuna colomba ha il suo giorno per volare. Il premio è la somma delle quote di iscrizione che è pari a 100 dollari a colomba, anche se non l'incentivo principale. “Il denaro non è così importante, più che altro è una questione di onore: quando uno ha una buona colomba, viene rispettato”.

Il record di Yerevan è 11 ore di volo. Una colomba che non riesce a stare in volo per meno di un'ora porta discredito, tanto che il proprietario finisce per cederla ad altri.

Anche a Gyumri, la seconda più grande città dell'Armenia, si tengono gare tra le colombe anche se con regole diverse. Le poste in gioco sono più basse, la tassa di iscrizione è di 10-20 dollari e le colombe non vengono giudicate in base alla loro capacità di resistere in volo, ma in base alla loro capacità di fare una serie di acrobazie aeree.

“La nostra città è il centro culturale dell'Armenia. Apprezziamo la bellezza e in questo caso specifico la bellezza del volo di una colomba”, afferma il ghushba sessantacinquenne di Gyumri“Nel pattinaggio artistico sono previsti vari tipi di salti e ci aspettiamo che anche le nostre colombe siano in grado di farli”.

Le colombe non vengono solo utilizzate per le gare. Secondo una tradizione pagana, che è tuttora praticata a Gyumri, la colomba è considerata un uccello “puro” da sacrificare per celebrare la nascita di un bambino o un familiare scampato a un incidente. In questo caso le colombe vengono sgozzate, pulite e poi mangiate.

In Armenia, le colombe vengono anche regalate in occasione dei matrimoni e per tradizione le giovani coppie sposate liberano le colombe per augurarsi una vita lunga e felice insieme.

Il nonno di Metsoyan era un allevatore di colombe e la sua vocazione è stata seguita anche dal figlio e dal fratello. Tuttavia, Metsoyan è entrato in contatto con le colombe solo dopo il devastante terremoto del 1998 che colpì Spitak, vicino a Gyumri.

“Il terremoto ha ucciso mio padre, mio fratello e la moglie incinta di mio fratello”, ricorda Metsoyan. “Stavo impazzendo. Volevo suicidarmi. Non mi interessava più di niente”. Un giorno, sono uscito di casa e ho visto un nido di colombe che sembravano affamate. “Mi si è spezzato il cuore”, ricorda. “Ho deciso di prendermene cura e da allora la mia vita è cambiata”.

Metsoyan ha calcolato che spende circa 20.000 dram della sua pensione di 36.000 dram per dare da mangiare alle colombe. “Io posso fare a meno di mangiare, ma a loro non deve mai mancare da mangiare”.

Al pari di altri ghushba, Metsoyan afferma che l'amore per le colombe prevale sui suoi interessi economici.

Ricorda di quando ha venduto una colomba a un compratore che l'ha poi portata a Tbilisi. Qualche giorno dopo, l'uccello aveva fatto ritorno a Gyumri. “Ho chiamato il compratore e gli ho detto di tornare a prendersi il denaro, perché il mio uccello non voleva stare con lui”, racconta Metsoyan.

Indica con il dito una colomba gialla che considera la sua preferita. “Mi hanno offerto una casa, una macchina e un sacco di soldi, ma non la venderò mai”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.