chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Le studentesse liceali giapponesi indossano spille per i potenziali molestatori sui treni: “Non ho intenzione di accettarlo!”

Chikan poster on train in Osaka

Manifesto: “Le molestie sessuali (palpeggiamenti) sono bandite. Assolutamente bandite. CARTELLINO ROSSO. Liberiamoci tutti dalle violenze sessuali.” Il cartello utilizza il dialetto Kansai. Foto di Kyoww, utente di Wikimedia, dominio pubblico.

In Giappone, una campagna indirizzata alle ragazze delle scuole superiori fornisce speciali spille di latta da indossare mentre si viaggia in treno per scoraggiare il palpeggiamento e altre forme di violenza sessuale.

La campagna è organizzata dal Centro di attività di prevenzione del chikan [it] (molestie sessuali) (痴 漢 抑止 活動 セ ン タ ー) ed ora è al suo terzo anno. La parola giapponese “chikan” [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] è utilizzata per descrivere sia il palpeggiamento che i molestatori stessi.

Le spille presentano una varietà di messaggi che ricordano ai lettori che il chikan è un crimine e che chi le indossa non sopporterà le molestie in silenzio [jp]:

Lo scopo della “spilla chikan-deterrente” è di mostrare quanto [le persone che lo indossano] odino il chikan. È uno sforzo per far capire ai potenziali chikan che devono fermare le molestie e le aggressioni sessuali.

Per le donne pendolari che si spostano in treno, il chikan è purtroppo un fenomeno comune. Secondo il Japan Times:

Figures from the Metropolitan Police Department show that 1,750 cases of groping or molestation were reported in 2017, of which 30 percent occurred between 7 and 9 a.m. during the morning rush hour.

More than 50 percent of groping cases occurred on trains, the report says, with a further 20 percent occuring in train stations.

I dati del Dipartimento di Polizia Metropolitana mostrano che, nel 2017, sono stati segnalati 1.750 casi di palpeggiamenti o molestie [jp], di cui il 30% tra le 7 e le 9 del mattino, durante l'ora di punta.

Più del 50% dei casi si sono verificati sui treni, afferma il rapporto, con un ulteriore 20% nelle stazioni ferroviarie.

Secondo gli stessi rapporti della polizia, quasi il 30% delle vittime erano adolescenti. In generale, gli incidenti di palpeggiamento sono perseguiti dalla polizia ai sensi dell'articolo 176 del codice penale come “indecenza forzata” (強制 わ い せ つ). Tuttavia, è spesso riportato che tali casi sono difficili da perseguire.

Quando la polizia e le compagnie ferroviarie lanciano campagne periodiche [jp] volte ad interrompere la molestie sui treni, il messaggio è in genere mirato nell’ aiutare le donne a difendersi [jp] o a prevenire le molestie, anziché nel cercare di cambiare il comportamento maschile. La cronaca cerca tipicamente [jp] di determinare che cosa scateni [jp] tale comportamento, inoltre c'è anche una forte attenzione nei media su come gli uomini possano evitare o affrontare false accuse di molestie sessuali.

“Non ho intenzione di tollerarlo! La violenza sessuale è un crimine!”

L'attivista Matsunaga Yayoi, che rappresenta il Centro di attività di prevenzione del chikan, afferma che l'idea per le spille è stata inizialmente presa in considerazione da una studentessa delle scuole superiori e dalla madre, che è un'amica di Matsunaga. Nel suo primo anno di liceo, la studentessa aveva incontrato chikan ogni giorno [jp] mentre viaggiava per andare e tornare da scuola [jp]:

その時、加害者の反省が全くなかったことから、
「2度と痴漢にあいたくない!」と考えた彼女は、
「私は泣き寝入りしません。痴漢は犯罪です!」と書いたカードを作り、
身につけて登下校するようになりました。

それ以来、彼女は、痴漢被害にあっていません。

I responsabili non mostravano alcun segno di rimorso. “Non voglio più subire questo comportamento”, decise la ragazza. Così scrisse un biglietto che diceva:

“Non ho intenzione di tollerarlo! La violenza sessuale è un crimine! “

La ragazza ha poi attaccato il biglietto alla sua uniforme e ha preso il treno per andare a scuola.

Non è più stata oggetto di molestie.

Nel 2015, Matsunaga riferì che la campagna di quell'unica ragazza aveva riscosso un certo successo sui social media, e così nacque l'idea di creare le spille di latta.

Secondo un articolo del Japan Times del 2016:

Matsunaga started a crowdfunding project for the badges in November and managed to raise ¥2.12 million in just three months. To make sure the badges would attract young women, she collected 441 design ideas from 178 people and, ultimately, chose five. Matsunaga also established the Osaka-based Chikan Yokushi Katsudo Center (Groping Prevention Activities Center) in January to raise awareness over the issue.

Matsunaga ha avviato un progetto di crowdfunding per le spille a novembre ed è riuscita a raccogliere 2,12 milioni di yen in soli tre mesi. Per assicurarsi che le spille piacessero alle giovani donne, ha raccolto 441 idee di design da 178 persone e, alla fine, ne ha scelte cinque. Matsunaga a gennaio ha anche fondato il Centro Chikan Yokushi Katsudo (Centro di attività per la prevenzione del chikan) a Osaka, per sensibilizzare riguardo al problema.

L'idea alla base della campagna delle spille è quella di responsabilizzare le ragazze a dichiarare pubblicamente le molestie, e di garantire che la società veda il chikan come qualcosa di inaccettabile [jp]:

[コンセプト]
・痴漢被害にあわない
・加害者が生まれない
・痴漢冤罪被害も起きない

Il concetto alla base delle spille

[Volevamo assicurarci]:

- Che nessuna ragazza venga molestata dai chikan
– Che nessun ragazzo crescendo diventi un chikan
– Che nessuno venga accusato falsamente di essere un chikan

Inizialmente, nel 2015, le spille erano in vendita in internet su tarjk.com [jp] per 500 yen (circa 5 dollari).

Ora sono disponibili su internet ma, poiché la consapevolezza della campagna è aumentata, vengono vendute anche nelle stazioni ferroviarie [jp] e nei negozi popolari per le ragazze delle scuole superiori [jp]:

Tweet: Non importa quanto sia lunga o corta la nostra gonna, o se indossiamo i jeans – incontriamo sempre chikan.

Vogliamo che il modo di dire secondo cui “devi aver fatto qualcosa per attirare un chikan” finisca!

Testo della spilla: non ho intenzione di accettarlo! Le molestie sessuali sono un crimine!

“Non voglio che nessun'altra bambina viva quello che ho passato io.”

Ufficialmente, le aggressioni sessuali, che includono il palpeggiamento, sono in declino. Tuttavia, Matsunaga e il Centro ritengono che molti casi semplicemente non vengano riportati [jp], distorcendo i numeri.

Quindi, per Matsunaga e altri attivisti, è importante offrire alle giovani donne strumenti che possano usare per scoraggiare il contatto sessuale indesiderato sul treno.

Indossare le spille sembra aiutare. Settanta studenti della scuola superiore di Uruwa, che hanno partecipato a una campagna per fornire alle studentesse strategie per proteggersi dai molestatori, sono stati intervistati nel 2016 a riguardo dell'efficacia delle spille. L'1,4% ha dichiarato che probabilmente non funzionano, il 4,3% non ha segnalato alcun cambiamento, il 32,9% ha dichiarato “credo che la spilla funzioni” e il 61,4% ha dichiarato di aver notato una differenza [jp].

La campagna delle spille ha avuto risonanza anche in altri modi. Nel 2016, poco più di un anno dopo il lancio del progetto, Matsunaga ha pubblicato su un account Twitter affiliato al Centro di attività per la prevenzione del chikan, una nota inviata da una donna adulta [jp]:

Nota: “Sono una sopravvissuta. Quando ero una studentessa del liceo ho cambiato dall'andare a scuola in bicicletta al prendere il treno. Sono rimasta davvero stupita quando ho iniziato a venire palpeggiata ogni giorno [sul treno]. Non c'era modo per me di lamentarmi. Mentre rimpiango ciò che è accaduto in passato, spero solo che sempre meno persone abbiano questo tipo di esperienza. Spero sinceramente che le ragazze siano in grado di proteggersi!”- Mari, 39 anni

Tweet: “Mari, grazie per il tuo commento. Lo sono stata anch'io [palpeggiata da un chikan] quando ero una bambina e non ne ho mai parlato a nessuno fino ad ora.

Da adulta, in qualche modo, sono stata in grado di agire. Non voglio che nessun'altra bambina viva quello che ho passato io.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.