chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Da zero a supereroe

Illustrazione dell'autore. Usata con permesso.

Quand'ero bambino in Sudan, e leggevo le versioni in arabo dei fumetti della DC e della Marvel, credevo nei supereroi. Ma non capivo perché nessuno di essi assomigliasse a me, né avesse storie alle quali le persone come me potessero relazionarsi. Forse è il motivo per cui ho deciso di diventare un disegnatore di fumetti?

Tutti i miei pensieri di bambino sono riemersi ieri su Twitter, quando mi sono imbattuto nel video virale di un uomo che, altruisticamente, stava scalando un edificio di quattro piani in meno di 20 secondi per salvare un bambino, seguito con l'hashtag #ParisSpiderman (Spiderman di Parigi).

L'aggiornamento dei miei feed su Twitter mi ha consentito di apprendere qualcosa sull'identità segreta del misterioso #ParisSpiderman, poi hanno inondato il mio feed di Twitter. Si chiama Mamoudou Gassama ed è un immigrato senza permesso di soggiorno del Mali. “Questa è una storia migliore – e molto più realistica – di quella di Black Panther”, ho pensato.

Mentre aggiornavo gli hashtag per cercare di arrivare all'origine della storia di questo nuovo eroe, mi sono stupito che la sua religione non fosse menzionata, visto che solitamente è il primo aggettivo che appare nei titoli clickbait e negli hashtag quando un immigrato fa qualcosa di negativo.

Nel giro di poche ore, i titoli riportavano che #ParisSpiderman era stato invitato ad un incontro con il Presidente francese e che gli sarebbe stata concessa la cittadinanza. Un tipica storia da zero a una storia di supereroi. Con poca chiarezza sui dettagli della storia di fondo, ha evidenziato gli stereotipi (nero, combattivo, povero, abitante di un ghetto), con un veloce avanzamento verso la scena in cui lo sconosciuto e svantaggiato eroe salva il bambino in uno spettacolo pubblico – e BOOM! – l'introduzione alla figura di un nuovo eroe delle “minoranze”, una nuova aggiunta alla linea dei supereroi bianchi.

Ecco la storia di fondo mancante: Gassama aveva lasciato il Mali da adolescente e viaggiato attraverso il Burkina Faso e la Libia – dove era stato arrestato e picchiato – verso la costa, dove aveva intrapreso un pericoloso viaggio in barca per l’Italia. Lì aveva trascorso quattro anni prima di arrivare in Francia nel settembre del 2017, per raggiungere suo fratello. Senza i giusti documenti per stare in Francia, aveva dormito sul pavimento di un edificio per immigrati a Montreuil, nei dintorni di Parigi, aprendo ogni notte il suo sottile materasso e arrotolandolo di nuovo il mattino. Condivideva una stanza soffocante con altre sei persone e non gli era ovviamente permesso di lavorare legalmente.

Dunque, scalare quell'edificio era stata probabilmente una delle cose più facili che Mamoudou ha fatto da anni.

Ciò che i lettori dovrebbero realizzare, e ciò che coloro che scrivono dovrebbero fare questa volta, è gettare più luce sui dettagli della vita del nostro eroe e sulle dure avversità che ha dovuto affrontare prima di scalare quell'edificio per salvare il bambino. Superman, il più famoso dei supereroi, era un immigrato ma era il “tipo giusto”, colui che sembra “normale”, va bene e non viene controllato o sorvegliato inaspettatamente.

L'esordio di una nuova e diversa figura di supereroe dovrebbe far capire alla Francia, e al resto del mondo, di quanti supereroi sono arrivati su quelle barche e che stanno ancora aspettando la propria scena d'esordio.

Il problema che si pone ora è questo: il nostro eroe riuscirà a gestire i suoi cinque minuti di notorietà? Come farà, adesso che i suoi poteri sono stati scoperti?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.