chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Dopo il devastante uragano Maria, Dominica lancia una campagna per piantare alberi da frutto. Ma è sufficiente?

Albero di pompelmo a Dominica. Foto di scottmontreal, CC BY-NC 2.0.

Questo post è parte dell'impegno di Global Voices per trovare nei media le storie di speranza e resilienza dei cittadini dopo la stagione degli uragani atlantici nel 2017, attraverso la sua collaborazione con la Fondazione Covela e l’ Organizzazione degli Stati dei Caraibi orientali (OECS) per l'iniziativa Caribbean Voice.

La recente iniziativa di piantare alberi da frutto a Dominica sta seminando i semi della speranza, mentre i cittadini si riuniscono per riprendersi dalla devastazione causata dall'uragano Maria, la tempesta di categoria 5 [it] che ha colpito la minuscola isola caraibica il 18 settembre 2017. Le condizioni di vita a Dominica sono state dure da quel giorno, poiché Maria ha causato una enorme devastazione [it], ma l'iniziativa di piantare alberi da frutto viene accolta come un piccolo ma significativo passo verso la normalità, anche se rimane moltissimo da fare.

Il Primo Ministro Roosevelt Skerrit ha annunciato l'iniziativa [en, come i link seguenti, salvo diverda indicazione] sulla sua pagina Facebook, condividendo le sue foto di se stesso e molti altri volontari che partecipano all'iniziativa:

Over the weekend I spent some time planting over 80 trees that will one day bear avocados, soursop, carambolas [starfruit] cashews, cocoa, coffee and various varieties of citrus, mangos, guavas and cherries.

I am encouraging every family in Dominica to plant a fruit-bearing tree, because it is important that we continue to feed ourselves as a nation.

Finally, I'd like to remind you that World Environment Day is tomorrow and this year’s theme is ‘Beat Plastic Pollution: If you can’t reuse it, refuse it’.

Nel fine settimana ho piantato più di 80 alberi da frutta che un giorno produrranno avocado, graviola [soursop], carambola [starfruit] anacardi, cacao, caffè e varie varietà di agrumi, mango, guava e ciliege.

Vorrei incoraggiare tutte le famiglie a Dominica a piantare alberi da frutta, perché per noi è importante continuare ad alimentare noi stessi come una nazione.

Infine vorrei ricordarvi che domani [il 5 giugno] si celebra la Giornata Mondiale dell'Ambiente e il tema di quest'anno è la ‘Lotta all'inquinamento da plastica: se non puoi riusarla, rifiutala’.

In un post separato su Facebook, Skerrit ha condiviso foto della semina di piantine di acetosella e fagioli.

Gli utenti dei social media hanno lodato gli sforzi del Primo Ministro per la ricostruzione e l'investimento nella nazione, e hanno suggerito che altri membri del governo dovrebbero venire coinvolti. Un utente di Facebook ha lasciato un commento sulla pagina di Skerrit, scrivendo che gli piaceva il messaggio inviato di mangiare alimenti coltivati localmente.

La partecipazione all'iniziativa di piantare nuovamente gli alberi da frutta sembrava così intensa che alcuni utenti in rete avevano problemi nell'approvvigionamento delle piante.

Tuttavia per altri nel settore agricolo, questa iniziativa non sembra sufficiente per sostenerli. Secondo il Report sul Ciclone Tropicale del Centro Nazionale per gli Uragani, pubblicato nell'aprile 2018, il settore agricolo di Dominica è stato distrutto quasi completamente dopo l'uragano Maria, e molte famiglie il cui sostentamento dipendeva dall'agricoltura stanno lottando da allora per un reddito.

Un profilo del disastro sull'isola realizzato nel gennaio 2018 da ACAPS, una ONG norvegese che offre analisi umanitarie indipendenti, riporta che conseguentemente all'uragano Maria, “circa 24.000 persone si sono ritrovate in una situazione di insicurezza alimentare grave o estrema”:

The hurricane severely damaged farm housing, irrigation infrastructure, feeder roads, livestock production, forest reserves, and fishing boats. Self-sufficiency has been a priority to speed up the recovery process: the country currently depends on shipments of food relief from regional and international stakeholders. Fast-growing food crops were identified as the priority, including seeds for tomatoes, eggplants, pumpkins, sweet pepper, spinach, lettuce, cabbage, and kale. Four major sites were identified as strategic areas for replanting interventions: Roseau, the Northeast, the Southeast and Portsmouth, with the Portsmouth community, located in the north of the island, being particularly important as it provides the hospital food supply.

L'uragano ha danneggiato gravemente le fattorie, l'infrastruttura per l'irrigazione, le strade secondarie, la produzione di bestiame, le risorse forestali e le barche da pesca. L'autosufficienza è stata una priorità per accelerare il processo di recupero: la nazione dipende momentaneamente dalla spedizione di soccorsi alimentari, forniti da attori regionali e internazionali. Le colture alimentari a crescita rapida sono state identificate come una priorità, ivi incluso le sementi per pomodori, melanzane, zucche, peperoni dolci, spinaci, lattuga, cavoli e verze. Quattro siti principali sono stati identificati come aree strategiche per gli interventi di ripiantagione: Roseau, il nord-est, il sud-est e Portsmouth, con la comunità di Portsmouth, situata nel nord dell'isola, che è particolarmente importante poiché fornisce gli alimenti per l'ospedale.

Su Facebook, Anton Outaway Viville ha commentato:

The young farmers and even some of the older heads can't afford fertilizers and chemicals to treat our farms. Why can't the farmers be treated better in this little country? We struggle too much to run our little farms with [our] low income. Help us Lord for I know not what the next generation brings😯

I giovani agricoltori e persino alcuni più anziani non possono permettersi di acquistare fertilizzanti e prodotti chimici per trattare le loro fattorie. Perché non possiamo trattare meglio gli agricoltori, in un paese così piccolo? Lottiamo troppo per mantenere le nostre piccole fattorie con il [nostro] basso reddito. Aiutaci Signore perché non so che cosa porterà la prossima generazione😯

La seconda parte del messaggio del Primo Ministro, che riguardava l'inquinamento da plastica, era altrettanto urgente per alcuni cittadini. Un utente di Facebook, Elizabeth Williams, aveva alcuni suggerimenti:

Great job well done
However, it is very simple to solve or curb the problem of the plastic pollution Mr. PM
Please put a ban on all Styrofoam and plastic products imports
Then please remove the import duties on the paper products which will replace the plastic usage and reduce the pollution tremendously
Immediate education to the public on the introduction of Recycling – install a recycling plant Stat and implement and execute.
No shop talk. Action.
Reduce. Reuse. Recycle.

Lavoro grandioso, ben fatto
Comunque, è molto semplice risolvere o limitare il problema dell'inquinamento da plastica signor PM
La preghiamo di introdurre un divieto di importazione di tutti i prodotti di plastica e polistirolo
Inoltre la preghiamo di eliminare i dazi sull'importazione di prodotti cartacei, che sostituiranno l'uso della plastica e ridurranno enormemente l'inquinamento
Educare immediatamente il pubblico sull'introduzione del Riciclaggio – installare una statistica sull'impianto di riciclaggio, renderlo effettivo ed eseguirlo.
Nessuna chiacchera da bottega. Azione.
Ridurre. Riusare. Riciclare.

L'utente Martha Cuffy ha chiesto:

A practical example of fruits of thy labour. Thank you for mentioning the plastic situation. Can we expect a date soon when plastic bags are banned in Dominica?

Un esempio pratico dei frutti del tuo lavoro. Grazie per menzionare la situazione della plastica. Possiamo aspettarci una data prossimamente quando i sacchi di plastica saranno vietati a Dominica?

Non c'è stata nessuna risposta alla sua domanda nella conversazione.

Alcune persone non erano convinte dalla dimostrazione di fedeltà ambientale, e hanno suggerito che l'intera faccenda fosse unicamente uno spettacolo politico. Un utente di Facebook, Roland Rogers Arnold, ha sfidato il Primo Ministro sulle sue politiche, dicendo, senza peli sulla lingua:

Leading by example…how original. Food security is priority number one. Have you kept Monsanto and their glyphosate of the island?
Salut!

Guidare con l'esempio… che originale. La sicurezza alimentare è una priorità numero uno. Hai tenuto Monsanto e i loro glifosati dell'isola? Saluti!

Monsanto era il controverso gigante agrochimico degli Stati Uniti recentemente acquisito da Bayer, i cui prodotti, inclusi i glifosati (un potente diserbante) sono stati associati a contaminazione ambientale, malattie e persino decessi, in particolare nei paesi in via di sviluppo [it] dove la legislazione non è abbastanza ferrea per vigilare su pratiche e prodotti pericolosi. Comunque, non c'è stata nessuna conferma se i suoi prodotti siano stati usati o meno a Dominica nel periodo successivo alla Tempesta Tropicale Erika nel 2015.

E mentre si avvicina la stagione 2018 degli uragani atlantici, il tempo ci dirà quanto effettivi sono stati finora gli sforzi di ricostruzione e di preparazione per l'uragano.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.