chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

In Ecuador, una bambina conquista il diritto di poter avere i cognomi di entrambe le sue mamme

Nicola Rothon e Helen Bicknell, le madri di Satya. Fermo immagine dal breve documentario “Satya: Il caso di Elena e Nicola”. Condiviso da “bo2 studio” su Youtube.

Con cinque voti a favore e tre contrari, i giudici della Corte Costituzionale dell'Ecuador hanno riconosciuto [es, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] il diritto all'identità dei bambini con genitori dello stesso sesso, in quello che è noto nel Paese come il caso Satya.

Satya è la figlia di Nicola Rothon e Helen Bicknell, due donne britanniche che vivono in Ecuador, che sono in un'unione civile e hanno concepito la loro bambina attraverso l'inseminazione artificiale.

Tuttavia, la nascita di Satya nel 2012 ha portato con sé una battaglia legale [en]. In Ecuador, come in altri paesi ispanici, è consuetudine che le persone abbiano due cognomi: nel caso delle coppie eterosessuali, un cognome dal lato paterno e uno dal lato materno.

Ma quando Rothon e Bicknell hanno cercato di registrare la loro bambina con entrambi i loro cognomi, il Registro Civile dell'Ecuador ha rifiutato la cosa.

Sei anni più tardi, dopo denunce legali, dibattiti e numerose discussioni tra cittadini e media tradizionali, la corte ha deciso all'inizio di giugno 2018 che il Registro Civile registrasse Satya con i cognomi di entrambe le sue mamme.

La decisione ha provocato molte diverse reazioni online. Ad esempio, su siti come Medium, gli osservatori hanno teorizzato che la storia di Satya riecheggerà nella storia dei diritti civili in Ecuador.

L'esperto in diritti umani Patricio Benalcázar Alarcón ha sottolineato che le reazioni degli impiegati del Registro Civile riflettevano il modo in cui il caso ha sfidato gli standard eteronormativi che erano stati accettati come “naturali” in tutta la storia del Paese:

La Corte Constitucional al resolver la acción extraordinaria de protección, da un paso trascendente y transformador frente a las estructuras culturales, jurídicas, ideológicas y políticas que sostuvieron un régimen de discriminación […] por su parte, Satya, Helen y Nicola a través de su sueño de vivir la simple y tierna felicidad de una familia, rompen materialmente siglos de exclusión y plantean a la sociedad la legítima presencia de la diversa condición humana.

Con questo straordinario atto di protezione, la Corte Costituzionale compie un passo importante e trasformativo alla luce delle strutture culturali, giudiziarie, ideologiche e politiche che sostengono un sistema di discriminazione […] da parte loro, Satya, Helen e Nicola, attraverso il loro sogno di avere la felicità semplice e tenera di una famiglia, hanno rotto le barriere di esclusione e stabilito la legittima presenza della diversa condizione umana.

Un caso tra tanti

Le famiglie con genitori dello stesso sesso esistono in Ecuador, ma la loro invisibilità nella legge causa problemi costanti. Se, ad esempio, uno dei genitori muore e il bambino non condivide il cognome del genitore superstite, quel genitore perde tutti i diritti genitoriali sul bambino, in quanto non sono legalmente registrati come genitore e figlio. Questa realtà può anche portare le autorità a mettere il bambino in stato di adottabilità.

Le conseguenze della separazione dei genitori possono significare la perdita dei diritti dei genitori e l'accesso agli alimenti, alle visite e molto altro può essere limitato a causa dei diritti legali di eredità e identità.

Nel complesso, queste incertezze sono il risultato del fatto che le famiglie dello stesso sesso non hanno gli stessi diritti di fronte alla legge. È per questo che per i redattori del sito web Andes, la decisione del tribunale è significativa:

Es, además, una forma de reconocer una situación social que se da de hecho y cuyo desconocimiento oficial no hace sino llevar a niños, niñas y adolescentes que se crían en familias no convencionales a no gozar de la protección que deben proveer el Estado, la sociedad y la familia para lograr su desarrollo integral. 

È, inoltre, un modo di riconoscere una situazione sociale che, in effetti, si verifica, in cui funzionari ignoranti non fanno altro che portare via ragazzi, ragazze e adolescenti cresciuti in famiglie non convenzionali dove non possiedono la protezione statale che dovrebbero avere, dalla società o dalla famiglia per raggiungere il loro pieno sviluppo.

Altri analisti che studiano il caso Satya sostengono che la sua rilevanza deve ancora essere vista:

Il caso Satya ha un'importanza che non possiamo ancora misurare. Qui lo mettiamo nel contesto.

È solo l'inizio

Sembra che la sentenza della corte abbia valore esclusivamente per questo caso, e l'Assemblea Nazionale avrà un anno per creare una nuova legislazione che contempli questa situazione. Per ora, la Corte chiede le scuse pubbliche dal Registro Civile, così come le sanzioni per i lavoratori che hanno rifiutato di registrare Satya. Chi segue il caso si aspetta che l'organo legislativo utilizzi la sentenza del caso Satya come guida per stabilire un nuovo standard da riconoscere per la costituzione del paese, il diritto all'identità, l'uguaglianza di fronte alla legge e i punti principali di interesse del caso: i diritti dei bambini che fanno parte di famiglie con genitori dello stesso sesso.

Iniziato con un referendum costituzionale nel 2008, il quadro giuridico per i membri della comunità lesbica, gay, bisessuale, transgender e intersessuale (LGBTI) in Ecuador si è espanso negli ultimi anni. Quella riforma ha riconosciuto le famiglie diverse in senso lato, la differenza tra identità e orientamento sessuale e unioni civili universali, tra le altre cose.

Tuttavia, dopo un decennio con la nuova costituzione ecuadoriana, esistono ancora norme sociali che discriminano i membri della comunità LGBTI e impediscono loro di esercitare i propri diritti, rendendoli meno visibili.

Un breve documentario intitolato “Satya: Il caso di Elena e Nicola”, mette in luce la complessità del dibattito. Attivisti per i diritti LGBTI, difensori dei diritti umani e rappresentanti di gruppi contrari al riconoscimento di Satya come una ragazza con due madri hanno partecipato alla realizzazione del film.

Nel caso di questi ultimi, dicono che la ragione della loro opposizione non è dovuta a motivi religiosi, ma a “ragioni antropologiche”: cercano di difendere il “rispetto delle leggi della natura” e l’ “equilibrio” che viene dall'educazione dato dalle famiglie formate da un uomo e una donna.

I difensori dei diritti umani, d'altra parte, sostengono l'importanza di guardare ad altri casi in passato, come il voto delle donne — che per molti era impensabile meno di un secolo fa — e i progressi sociali collettivi. Auspicano che l'Ecuador si unisca alla tendenza globale in cui l'uguaglianza sta diventando la norma attraverso il riconoscimento formale dei diritti di tutte le persone, specialmente quelle non riconosciute nelle società patriarcali o eteronormative, i cui diritti potrebbero essere minacciati dalla legge.

Danilo Marzano, un membro della comunità LGBTI che è stato intervistato per il documentario durante uno delle manifestazioni a sostegno di Satya, Nicola e Helen, ha dichiarato:

“En realidad hoy más que un deseo personal es un deseo colectivo. […] Necesitamos estar incluidos dentro de los beneficios constitucionales como ciudadanos de primera categoría. No es solamente el caso de Satya […Es] importante reconocer constitucionalmente el derecho de las familias homoparentales; que tanto hombres como mujeres de las poblaciones del LGBTI podamos tener derecho a conformar nuestras propias familias […] derecho al desarrollo de la libre personalidad de amar [más aún al estar bajo la protección de una constitución] supuestamente tan de avanzada […] tan progresista [Algo que, sin embargo] no ha sido cierto.

In realtà, [il riconoscimento di famiglie diverse] è più un desiderio collettivo che individuale. […]. Dobbiamo essere inclusi negli stessi benefici costituzionali [come tutti gli altri e] come cittadini di prima classe. Non è solo il caso di Satya [… È] importante riconoscere legalmente i diritti delle famiglie con genitori dello stesso sesso; sia gli uomini che le donne della popolazione LGBTI dovrebbero avere il diritto di plasmare le nostre famiglie […] il diritto di sviluppare la nostra libertà individuale di amare [ancor più quando si è sotto la protezione di una costituzione che è presumibilmente così avanzata [… ] così progressista. [Qualcosa che, nonostante questo,] non è ancora certo.

La difesa di questi diritti assume un'importanza maggiore di fronte ai dati dell'Istituto nazionale di statistica e censimenti (NISC), che rivelano allarmanti livelli di discriminazione e violenza: “Di tutti i membri della comunità LGTBI intervistati, il 70,9% ha riferito di aver subito discriminazioni nell'ambiente domestico “.

E di questa percentuale, “il 72,1% ha sperimentato di essere controllato, il 74,1% ha subito un qualche tipo di imposizione, il 65,9% ha sofferto per il rifiuto e il 61,4% per la violenza”.

Questo post è stato scritto con l'aiuto della collega di Global Voices, Daniela Gallardo, che ha seguito il caso Satya per Global Voices dal suo inizio nel 2012 attraverso i suoi sviluppi nel 2014.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.