chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Una madre nei campi minati: le donne lavorano per rendere Nagorno Karabakh un luogo più sicuro

La seguente è una versione di un post in collaborazione [en, come i link seguenti] con il sito partner di Global Voices Chai-Khana.org. Testo e foto di Knar Babayan.

Da lontano, i tre artificieri sembrano uguali – stivali alti, pantaloni con tasche profonde, un casco speciale, visiera protettrice e guanti. Molti abitanti di Nagorno Karabakh, una società relativamente tradizionale, presumono che siano uomini. Tuttavia queste sono donne e, come gli uomini, quando si addentrano in possibili campi minati, lo fanno per aiutare le loro famiglie a sopravvivere.

“Lo faccio per la mia famiglia, per offrire ai miei figli un futuro migliore e più sicuro”, spiega la sminatrice Kristine Khachatryan, 38 anni, sposata e madre di tre ragazzi di età tra i sei e i diciotto anni.

Quando Khachatryan torna a casa nei fine settimana, suo figlio Nairi, che ha sei anni, la segue passo per passo.

Per anni, dopo il conflitto con le forze armate dell'Azerbaigian nei primi anni '90, a Nagorno Karabakh c'erano almeno 20 vittime civili all'anno a causa delle mine terrestri e delle munizioni inesplose.

Halo Trust, un'organizzazione britannica impegnata nella bonifica da mine che ha operato qui negli ultimi 18 anni, dichiara adesso che Karabakh è libera da mine per il 90%, ma permane una minaccia potenziale. Proprio a marzo, l'esplosione di una mina nella regione di Martakert è costata la vita di tre artificieri e ha ferito due abitanti del villaggio.

Dedicarsi ad eliminare le mine non è una decisione facile. Senza dubbio, tre anni fa, quando Halo Trust iniziò a reclutare i primi artificieri, Khachatryan, contabile di un municipio di Artashavi che sta a 80 chilometri a sud-est della città principale di Karabakh cioè Stepanakert, ha deciso di candidarsi.

Dopo aver controllato e non aver trovato nessuna mina in un punto di una zona vicino al villaggio di Karegah, Khachatryan delimita una nuova area per lo sminamento.

Lo ha fatto “per curiosità” – nel 2013, l'esplosione di due mine vicino ad Artashavi avevano ferito vari abitanti della zona – ma anche per questioni economiche.

Il marito di Khachatryan, Garik Ohanjanyan, un ex insegnante di scuola, era disoccupato.

Il lavoro come sminatore, che è retribuito con 225.000 dram (circa 464 dollari) al mese e include un'assicurazione, ha quasi quadruplicato il loro reddito.

”Naturalmente, non è semplice essere uno sminatore. Ovviamente, la mia famiglia si preoccupa per me”, dice Khachatryan. “Anch'io mi preoccupo e cerco di seguire tutte le norme di sicurezza. Seguendo le norme di sicurezza, è possibile mantenere la propria sicurezza. La regola d'oro quando si svolge un lavoro pericoloso è di mantenere la sicurezza”.

Una volta certificata, tuttavia, non sperava di ottenere questo lavoro per molto tempo. Ha accettato il posto perché il primo campo da sminare era vicino a Artashavi, a breve distanza dalla sua famiglia.

“Naturalmente, ero preoccupata all'inizio”, racconta, “ma poi ho capito che non ci sono lavori brutti. Ci sono semplicemente brutte persone. E adesso sono orgogliosa di svolgere un lavoro umanitario grande e importante”.

Anche sul campo, Khachatryan desidera avere le unghie smaltate, truccarsi ed essere ben pettinata. Le donne dovrebbero avere sempre un aspetto femminile, non importa che lavoro fanno, dice.

Il fatto di essere anche una pioniera non le è mai passato per la testa.

“Prima di diventare sminatore, non avevo mai pensato che fosse un ‘lavoro maschile’ o a come avrei dovuto lavorare in un mondo di uomini”, continua Khachatryan.

“Hai cose completamente diverse nella tua mente quando entri in un campo minato”, come le questioni di routine quotidiana o la tua famiglia, aggiunge.

Le 11 sminatrici di Halo Trust lavorano in tre squadre, ciascuna con un caposquadra maschio. L'organizzazione intende qualificare donne come caposquadra e autisti, dice Anna Israelyan, coordinatrice del progetto.

Molto spesso, gli sminatori lavorano nei campi lontano dalla loro base principale, spesso con una casa in affitto in un villaggio o una città limitrofi. Per questo motivo, a volte, una piccola parte sminata di un campo si trasforma in una cucina all'aria aperta dove possono mangiare e rilassarsi. Nei giorni freddi e piovosi, vi asciugano anche i loro vestiti.

Rimangono da lunedì a venerdì sul campo. Raggiungere la stazione nel campo, una casa in affitto in un villaggio o in città, può durare molto sulle strade precarie di Karabakh – oltre due ore per percorrere 65 chilometri in taxi, ad esempio. Non c'è sempre trasporto pubblico.

La giornata di Khachatryan inizia alle sette del mattino tutti i lunedì. Già vestita per il lavoro sul campo, controlla rapidamente il suo equipaggiamento di bonifica delle mine e beve una tazza di tè o caffè mentre esce correndo dalla porta.

La maggior parte di questo territorio vicino al villaggio di Karegah nella regione di Kashatagh era già stato sminato, quando Khachatryan e il suo team arrivano sul posto, illustrato qui nell'inverno del 2016. Durante la loro settimana di lavoro qui, Khachtryan ha trovato una mina. Dice di non provare niente di particolare, quando trova una mina; le emozioni colpiscono dopo che la mina è stata disinnescata.

In sua assenza, suo marito e i suoi figli — Gor di 18 anni, Tigran di 16 anni e Nairi di sei anni — hanno dovuto imparare a pulire la casa, cucinare, lavare i piatti e usare la lavatrice.

Il marito di Khachatryan e i tre figli si occupano di tutte le attività domestiche, mentre lei è in trasferta durante la settimana per lo sminamento.

Il prossimo anno, quando suo figlio maggiore Gor di 18 anni andrà a Stepanakert per i due anni di servizio militare obbligatorio, vuole che i suoi due figli minori vadano con lui, affinché possano vedersi e avere accesso a più sport.

Durante le pause nel campo di Karegah, Khachatryan ha costruito il pupazzo di neve di uno sminatore, per fotografarlo e inviarlo per email ai suoi figli.

I ragazzi pensano ancora che bonificare le mine non sia un lavoro appropriato per una donna, ma sono orgogliosi della loro mamma quando appare nelle notizie.

La stessa Khachatryan ammette che: “non mi sento sempre in armonia come una donna, come una madre e come una sminatrice”. Vorrebbe organizzare il suo lavoro in modo da avere più tempo per la sua famiglia; in particolare per suo figlio minore, che aveva soltanto tre anni quando ha iniziato a bonificare le mine.

Nonostante tutto, crede che “le donne non sono inferiori agli uomini dal punto di vista professionale”.

Per compensare la sua assenza durante la settimana, Khachatryan cerca di acquistare qualcosa di gustoso per i suoi figli durante i fine settimana. Qui, con suo marito Garik riflesso nello specchio, prepara delle patatine fritte per pranzo.

Per alcune persone, comunque, l'esplosione di una mina a marzo è stata un avvertimento del fatto che era il momento di cambiare la sua professione. Molti amici e familiari hanno iniziato a telefonare e a chiedere se avrebbe lasciato il suo lavoro, dice Khachatryan.

“Ad essere onesta non avevo un senso di paura nell'entrare in un campo minato dopo quell'incidente”, afferma. “Mi dispiaceva profondamente come essere umano e provavo un enorme senso di responsabilità, di dover continuare con il lavoro dei miei amici”.

Ha intenzione di continuare a svolgere questo lavoro.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.