chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I netizen supportano le vittime del monsone in Kerala, India

Piogge torrenziali hanno causato diluvi e inondazioni in Kerala, India, nell'agosto 2018. Screenshot via Youtube, video di MK Madhuvana.

Lo stato sud-occidentale dell'India, il Kerala [en, come i link seguenti] sta affrontando la peggiore inondazione degli ultimi 100 anni. Il bilancio delle vittime è salito a quasi 400. Molti aspettano ancora i soccorsi.

Più di 800.000 persone sono state collocate in circa 4.000 campi di accoglienza in 14 quartieri diversi. Mentre le inondazioni continuano a devastare il paese da due settimane consecutive, le richieste di preghiere si sono trasformate in richieste di aiuto, azione e sostegno.

Questa compilation video su Youtube di TLOI Academy mostra la gravità del disastro:

Molte vittime bloccate dalle forti piogge hanno già ricevuto sostegno da persone di tutto il mondo grazie alle organizzazioni che hanno radunato volontari e donatori con l'obiettivo di attivare punti di raccolta donazioni in città come Mumbai, Delhi, Pune e Bengaluru.

Usando i social media per promuovere e diffondere la consapevolezza sull'accaduto, si invita a raccogliere cibo, articoli da toilette, prodotti per bambini, articoli per l'igiene intima femminile e vestiti asciutti. Questa campagna è stata incentivata dai social media, attori cinematografici e comici che hanno richiesto un generoso sostegno.

L'attore keralita Nivin Pauly ha pubblicato un appello per le persone di Bengaluru (Bangalore):

Chiedo supporto a tutti i miei amici di #Bangalore! Stiamo raccogliendo questi articoli nei giorni di martedì e mercoledì per distribuirli nei vari campi di accoglienza a #Chengannur! Per favore diffondete!

I frequentatori della rete hanno utilizzato lo strumento Fundraiser di Facebook per raccogliere fondi per il Kerala Chief Minister's Relief Fund, mentre altre piattaforme come PayTM e Amazon.in hanno promosso dei servizi per consentire agli utenti di donare:

Siamo felici di annunciare che abbiamo superato INR 30 Crore (circa 3 milioni di euro) di contributi in meno di 4 giorni, da oltre 12 utenti lakh Paytm per #KeralaFloodRelief. Continuiamo.

Come riportato da Global Voices, il software di tracciamento di Google permette ai soccorritori di localizzare le vittime evidenziando i luoghi dove sono necessari i soccorsi:

I nostri pensieri sono con i cittadini del Kerala. Aiutaci a rintracciare le persone scomparse con https://t.co/8EECLFpCqv pic.twitter.com/mo9VM3Uph4

Alcune organizzazioni hanno rilasciato dei moduli online chiedendo alle vittime di identificare i beni di prima necessità di cui avevano bisogno insieme ai dettagli su dove tali beni potevano essere consegnati.

Dialogue di Buzzfeed ha prodotto un video che spiega come aiutare le persone intrappolate e colpite dalle inondazioni in Kerala.

Gli eroi dell'inondazione del Kerala: incontra la squadra che ha gestito un campo di soccorso per 8000 persone ad Aluva. Nessun potere, poco cibo, niente acqua. Come hanno fatto?

Mentre il bilancio delle vittime continua a salire, organizzazioni e individui hanno fatto il possibile per salvare anche gli animali domestici. La Humane Society International, un gruppo che si adopera per il benessere degli animali, ha chiesto alla gente di fornire informazioni sui luoghi dove gli animali sono intrappolati in Kerala, in modo che le squadre di soccorso possano trovarli:

Nessun atto di gentilezza, non importa quanto piccolo, è mai sprecato.

I pescatori del Kerala hanno messo a disposizione le loro barche durante le operazioni di salvataggio. In un tweet, l'ufficio del primo ministro del Kerala ha dichiarato che questi pescatori sarebbero stati remunerati, anche del costo dei danni:

Il CM Pinarayi Vijayan ha annunciato che il governo omaggerà i pescatori che hanno preso parte alla missione di salvataggio. Tutte le barche riceveranno ₹3000 per ogni giorno di lavoro. Il governo sosterrà anche i costi di riparazione delle barche danneggiate durante la missione.

Il governo indiano ha dichiarato le inondazioni una “calamità di natura grave”. Mentre il governo dello stato del Kerala continua a salvare le migliaia di persone ancora bloccate, sono state avviate delle attività di ripresa per i cittadini sfollati.

Martedì 14 agosto il primo volo commerciale è atterrato sulla pista dell'aeroporto internazionale di Cochin dopo due settimane di rallentamento e chiusura del traffico aereo. Alcune compagnie aeree hanno organizzato voli di soccorso dalla base navale di Cochin.

L'abbassamento dell'acqua dalle aree circostanti ha lasciato un accumulo detriti e rifiuti accumulati su ponti e strade.

Proprio quando le piogge del Kerala hanno cominciato a diminuire, si sono diffuse false notizie e sono spuntati falsi siti web di donazioni. Questo ha reso difficile la corretta consegna degli aiuti a coloro che ne hanno più bisogno.

In un video molto popolare,  un uomo vestito con l'uniforme dell'esercito sostiene di fornire informazioni sulle operazioni di salvataggio militari effettuate in Kerala. La Direzione generale dell'informazione pubblica dell'esercito indiano ha rilasciato un tweet spiegando che l'uomo non è un ufficiale dell'esercito e che il video ha trasmesso informazioni false:

Imposter wearing Army combat uniform in video spreading disinformation about rescue & relief efforts. Every effort by all & #IndianArmy aimed to overcome this terrifying human tragedy.Forward disinformation about #IndianArmy on WhatsApp +917290028579. We are at it #KeralaFloods pic.twitter.com/ncUR7tCkZW

— ADG PI – INDIAN ARMY (@adgpi) August 19, 2018 

Il Kerala sta lottando insieme per superare la catastrofica inondazione. Tuttavia, abbiamo notato che alcuni stanno cercando di diffamare questo grande sforzo con la disinformazione sotto forma di messaggi falsi sui social media.

La preoccupazione per la condivisione non regolamentata di dettagli dei conti personali che si spacciano per punti di raccolta fondi per il Kerela Chief Minister's Distress Relief Fund ha anche creato confusione nel processo di donazione. In uno di questi casi, la polizia del Kerala ha avviato un'azione legale contro un uomo che ha diffuso i dettagli del suo conto personale per trasferire denaro.

Mentre le operazioni di soccorso sono in corso, il Dipartimento meteorologico indiano ha revocato gli allarmi rossi dalla maggior parte dello stato del Kerala. La pioggia è diminuita in alcune aree, ma i meteorologi prevedono che gli acquazzoni continueranno in quattro distretti per tutta la settimana.

That smile ! :) With a confidence and poise!
He has lost everything,
But still believes
He can stich together,
A new life ! 💫 #KeralaFlood pic.twitter.com/3gzMWqgGiG

— $ushilkhairnar (@sushilkhairnar) August 20, 2018

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.