chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

I megadati potrebbero aiutare a salvare le ultime tigri selvatiche in India?

Analyzing 25,000 individual observations, wildlife managers in India find clues to help stop tiger poachers in their tracks. Photo by The Belurs (Flickr | Creative Commons)

Analizzando 25.000 osservazioni individuali, i tecnici faunistici in India trovano indizi per fermare i bracconieri di tigri durante le loro scorribande. Foto dell'utente di Flickr The Belurs CC-BY-NC-SA 2.0

Questo post di Roger Drouin [en, come i link seguenti] è stato pubblicato originariamente su Ensia.com, una rivista dedicata alle soluzioni ambientali internazionali in atto e e viene ripubblicato qui conformemente a un accordo per la condivisione di contenuti. 

Viaggiando in piccoli gruppi nomadi, armati di coltelli, asce e trappole in acciaio, i bracconieri delle tigri in India hanno avuto a lungo un vantaggio su tutti coloro che sono impegnati nella salvaguardia dei felini. I bracconieri, motivati soprattutto dalla domanda di ossa di tigre usate nella medicina tradizionale in Cina, ritornano ogni due o tre anni nei luoghi dove conoscono “tutti i fiumi e gli speroni rocciosi” e posizionano le trappole lungo i sentieri delle tigri o vicino alle pozze di abbeveraggio, dice Belinda Wright, direttore esecutivo di Wildlife Protection Society of India (società per la salvaguardia della fauna selvatica in India). Vengono scoperti raramente.

“Hanno un'incredibile conoscenza e abilità nella giungla,” dice Wright. “Usano qualsiasi stratagemma conosciuto.”

Tuttavia uno studio pubblicato nel 2015 da Wright, l'ambientalista Koustubh Sharma e colleghi potrebbe aiutare a invertire la tendenza contro il bracconaggio delle tigri in India, dove vive più della metà della popolazione di tigri selvatiche nel mondo.

Lo studio, pubblicato nella rivista Biological Conservation, ha applicato un nuovo metodo per valutare la probabilità di occorrenza e il rilevamento di crimini contro le tigri in varie regioni dell'India, usandolo poi per identificare i 73 principali “punti critici” con un'elevata probabilità di bracconaggio delle tigri e commercio illegale di pezzi di tigre. Secondo gli autori, potrebbe contribuire a misure più efficienti contro il bracconaggio, dando ad ambientalisti, pubblici officiali e guardie forestali, che lavorano per salvaguardare le tigri, l'abilità di essere presenti laddove la salvaguardia è maggiormente necessaria, aumentando così le probabilità di salvaguardare l'animale nazionale in pericolo in India.

Negli ultimi anni, Sharma, un ambientalista regionale senior per Snow Leopard Trust (fondo internazionale per il leopardo delle nevi) e scienziato per Nature Conservation Foundation (fondo per la salvaguardia della natura), e il suo team hanno scritto un codice informatico e analizzato 25.000 punti di dati, raccolti dal 1972 in 605 distretti — sui delitti di bracconaggio contro la fauna selvatica, ivi incluso le ubicazioni dove si confermano casi di bracconaggio e i luoghi dove le tigri sono state sezionate. “È una banca dati così enorme che ogni ciclo di analisi impiega da 20 a 25 minuti per ogni modello,” dice Sharma.

“Una rete di intelligence è il passo più cruciale per reprimere i delitti contro le tigri e la fauna selvatica,” dice Wright. Una maggiore intelligence significa la capacità di localizzare meglio gli informatori sul terreno e usare l'intercettazione dei telefoni cellulari. Significa anche sapere dove ubicare le attività di pattugliamento e delle guardie forestali. Di fondamentale importanza, Sharma dice, è sapere dove sono cambiati i modelli di comportamento della criminalità, per il cambio delle tattiche dei bracconieri. Per questo motivo i ricercatori hanno lavorato alla formulazione di un modello che può essere attualizzato regolarmente.

“Alla fine della giornata dobbiamo cercare di anticipare i criminali,” dice Sharma. “È quello che fanno le compagnie di assicurazione e le banche. Realizzano modelli e creano proiezioni, e investono. Abbiamo qualcosa di simile. Abbiamo questi modelli e proiezioni, e dobbiamo investire di conseguenza”.

Gli attuali punti cruciali per i delitti contro le tigri, identificati dallo studio, includono alcune regioni che hanno sorpreso i ricercatori e potranno probabilmente beneficiare del rafforzamento della salvaguardia. La regione di confine Nepal-India, ad esempio, ha goduto di minore salvaguardia in passato rispetto ad altre regioni, dice Sharma. Lo studio ha rilevato che la regione ha subito una crescente pressione del bracconaggio, dovuto probabilmente all'aumento della popolazione locale delle tigri e al suo ruolo di centro nevralgico nel commercio illegale di ossa di tigri in Cina, dice Sharma. “Quella è una zona che abbiamo individuato come punto cruciale, dove i decisori politici dovrebbero intervenire”, afferma.

La formula, usata per calcolare i punti critici attuali e in evoluzione, sta già attirando l'attenzione delle persone responsabili per la prevenzione del bracconaggio in tutta l'India. Lo studio ha dimostrato anche che i bracconieri preferiscono usare percorsi ferroviari, dove possono confondersi più facilmente con milioni di passeggeri ogni giorno. Almeno 17 distretti lontani dalle foreste delle tigri, incluso Delhi e Indore, hanno un punteggio alto nei delitti contro le tigri, poiché sono centri nevralgici del commercio illegale.

La formula usata per calcolare i punti critici attuali e in evoluzione sta già attirando l'attenzione delle persone responsabili per la prevenzione del bracconaggio in tutta l'India. Nel settembre 2015, Sharma ha richiamato l'attenzione di Rajesh Gopal, segretario dell’ Autorità nazionale dell'India per la salvaguardia della tigre, che ha inoltrato i risultati ai tecnici in campo incaricati di monitorare le tigri selvatiche e di combattere i bracconieri nelle riserve delle tigri e nelle zone neutrali. Sharma nota che la metodologia, abbinata alla vigilanza sul campo, può essere usata anche per prevenire il bracconaggio di altre specie, dai leopardi ai pangolini.

“Abbiamo bisogno di buona tecnologia e buona vigilanza sul campo”, dice Wright. “Niente può rimpiazzare un essere umano con due gambe, due mani e un cervello”.

Robert Drouin è un autore e giornalista ambientale freelance. Si occupa della salvaguardia delle specie, dai pipistrelli ai leopardi delle nevi, e delle questioni energetiche. I suoi articoli sono pubblicati su Scientific American, Yale Environment 360, Mother Jones e Grist.org. Trovate il suo blog qui e i suoi tweet su @rogerreal.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.