chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Brasile in lutto per i tesori persi e ridotti in cenere durante l'incendio del Museo Nazionale

I vigili del fuoco hanno tentato per ore di estinguere le fiamme al Museo Nazionale. Un grosso problema è stata la mancanza d'acqua | Immagine: Screenshot dal video in diretta di Felipe Milanez, pubblicato sulla sua pagina Facebook.

La distruzione del Museo Nazionale [it] ha lasciato i brasiliani con il cuore spezzato. Il più antico e forse più importante museo del paese, contenente la più grande collezione di storia naturale e antropologia dell'America Latina, è stato devastato da un incendio [en] che ha infuriato per tutta la notte di domenica 3 settembre scorso.

Il Museo Nazionale fu fondato a Rio de Janeiro nel 1818 da Giovanni VI, allora re del Portogallo. Era situato in un palazzo dello stesso periodo, che è rimasto residenza delle famiglie reali portoghesi e brasiliane fino al 1889, ed ha visto riunirsi la prima Assemblea Costituzionale nazionale del Brasile.

Il museo, che ha celebrato il suo 200° anniversario nel giugno di quest'anno, aveva collezionato durante la sua lunga storia circa 20 milioni di oggetti [pt, come i link seguenti]. Non è stata ancora rilasciata una lista completa delle opere d'arte andate perse nell'incendio, ma è stata confermata la distruzione di reperti quali il più antico fossile umano ritrovato nel continente americano, artefatti dell'antico Egitto e la lettera originale che dichiarava l'abolizione della schiavitù in Brasile.

Alcune persone, inclusi gli scenziati e lo staff del museo, hanno rischiato la vita entrando nell'edificio in fiamme per tentare di recuperare parte dei reperti.

Nonostante il numero di visitatori fosse molto diminuito negli ultimi anni – nel 2017 sono stati più i brasiliani che hanno visitato il Louvre che il Museo Nazionale – sono state parecchie le reazioni sul web a seguito della notizia dell'incendio.

Il giornalista e professore Felipe Milanez ha filmato e pubblicato in diretta il museo mentre veniva devastato dall'incendio:

Su Twitter un utente ha pubblicato un lungo thread, con immagini di ciò che probabilmente è andato perso nell'incendio:

Sarcofago di Sha-Amun-en-su. Egitto, epoca tarda, 750 a.C. ca

Karajá. Bambola di ceramica (statuetta Litxocô), nessuna data. Rikbaktsa. Corona radiale, nessuna data.

Yoruba. Maschera della società segreta Gelede, nessuna data. E c'è anche l'edificio stesso.

Un video pubblicato sulla pagina Facebook ‘Realidade Simulada’ mostra una visuale dall'alto del museo prima dell'incendio:

Il prezzo del disinteressamento

Dopo la tragedia, le persone hanno ricordato di come le autorità per anni non si fossero curate del Museo nazionale. Il museo è gestito dall'Università Federale di Rio de Janeiro (UFRJ), un'università pubblica con una crescente carenza di fondi.

Luísa Nunes, una studentessa dell'università, ha fatto presente su Twitter che questo è stato il sesto incendio scoppiato in un edificio della UFRJ dal 2011.

2011, Palazzo di Praia Vermelha.
2012, Facoltà di Lettere
2014, Laboratorio del Dipartimento di Scienze della Salute
2016, Rettorato
2017, Casa dello studente
2018, Museo Nazionale

Questi sono gli edifici sotto la custodia della UFRJ in cui sono scoppiati incendi nell'ultimo decennio.

Anche lo stato di Rio de Janeiro sta attraversando una crisi senza precedenti per problemi di budget: hanno subito continui tagli i salari dei dipendenti pubblici, inclusi quelli dei vigili del fuoco. Dato che i due idranti vicino al museo erano rimasti senz'acqua, i vigili del fuoco hanno dovuto improvvisare e prelevare acqua dal lago lì vicino, sprecando così 40 minuti.

Il giornale locale Folha de S.Paulo ha rivelato in un articolo del maggio 2018 che il budget annuale del museo, circa 500.000 real brasiliani (106.000 euro), ha subito tagli significativi negli ultimi quattro anni. DanPimpao ha pubblicato un grafico su Twitter che mostra le riduzioni al budget del museo dal 2013 a oggi:

Budget del Museo Nazionale dal 2013 al 2018. Analizzate i dati e traete le vostre conclusioni.

Museo in fiamme. Immagine di Felipe Milanez, usata con permesso dell'autore.

Per il suo 200° anniversario, la direzione del museo ha lanciato una campagna di raccolta fondi [pt] per la riapertura al pubblico di un'importante collezione contenente lo scheletro di un Maxakalisaurus, il primo dinosauro di grosse dimensioni ricostruito in Brasile. 30.000 real erano l'obbiettivo iniziale dell'iniziativa, ma ne sono stati raccolti ben 58.000 – anche se la somma ideale sarebbe stata di 100.000 real.

Il professor Stevens Rehen ha commentato su Facebook:

Na festa dos 200 anos, nenhum ministro de estado compareceu. O orçamento despencou de R$ 531 mil em 2013, para R$ 54 mil em 2018.

Esse ano todo o investimento do governo no Museu Nacional foi o equivalente a 1/4 do que cada deputado de Brasília recebe por mês somente para contratar assessores.

Non era presente nessun rappresentante del governo alla celebrazione del 200° anniversario. Il budget è crollato da 531.000 real nel 2013 a 54.000 nel 2018.

Quest'anno, il governo ha investito nel Museo Nazionale un quarto del budget che un qualsiasi membro del Congresso ha per l'assunzione dei suoi consiglieri.

Un utente di Twitter ha paragonato la somma ad altre spese pubbliche:

Il budget annuale del Museo nazionale corrisponde a:
– 30% della propaganda elettorale
– 0.0004% della somma usata per rinnovare lo stadio Maracanã
– il costo di 1 giudice federale per anno
– somma usata per cambiare la moquette della camera del Senato 3 anni fa.
– il prezzo degli orecchini di tormalina parte della collezione di gioielli di Sergio Cabral [ex governatore di Rio de Janeiro, al momento arrestato con accuse di corruzione]

Il museo stava per ricevere risorse aggiuntive da parte della Banca Nazionale per lo Sviluppo Economico e Sociale per la messa in pratica di un piano antincendio. Avrebbero ricevuto la prima parte della somma a ottobre.

Il giornalista Breiller Pires ha riassunto così i sentimenti dei brasiliani mentre guardavano impotenti il museo che bruciava:

L'incendio del Museo Nazionale è la metafora spietata di un paese che disprezza la scienza, il sapere e, soprattutto, la storia.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.