chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Chi avrebbe mai immaginato che il Monte ‘Everest’ si trovasse in Kazakistan?

"20110810 North Face of Everest Tibet China Panoramic" by User:Ggia - Own work. Licensed under CC BY-SA 3.0 via Commons.

Il vero Everest, come illustrato in “20110810 North Face of Everest Tibet China Panoramic” (panoramica del versante nord dell'Everest nel Tibet cinese) dall'utente Ggia – Lavoro proprio. Licenza conforme a CC BY-SA 3.0 via Commons.

Per realizzare un blockbuster o un film di successo, non tutto richiede un budget straordinario. Una rivelazione correlata al film Everest suggerisce che il poster promozionale non ha nemmeno bisogno di essere accurato dal punto di vista geografico.

Il popolare portale di notizie russo Tjournal.ru ha riportato [ru] che il poster promozionale di Everest, un film che racconta la vera storia della disastrosa spedizione per scalare il tetto del mondo, mostra una fotografia del picco Chapaev in Kazakistan, ma non il Monte Everest [en, come i link seguenti]:

#FilmEverest la colonna sonora include il vincitore di Oscar Dario Marianelli da Varese, Sarabande Records.

Secondo il reportage, la fotografia è stata scattata da Alexander Zyryanov, un alpinista e fotografo amatoriale del Kazakistan, che ha raccontato a Tjournal di aver venduto l'immagine a Shutterstock per 62,50 dollari.

Zyryanov non sembra amareggiato [ru]:

Когда живёшь в Алма-Ате, это очень удобно — горы рядом. В горах бывает очень красиво, и те, кто ходит в горы, многие фотографируют эту красоту. Я не исключение. Стараюсь это делать хорошо, имею даже старенькую зеркалку (Nikon D70) — довольно тяжёлую, кстати — ею этот снимок и был сделан с высоты примерно 6500 метров над уровнем моря.

Per chi vive a Almaty [la più grande città del Kazakistan], è molto pratico fare escursioni in montagna. Nelle montagne è davvero fantastico e chi cammina in montagna ama fotografare questa bellezza. Non sono un'eccezione. Cerco di scattare delle belle fotografie. Ho persino una vecchia fotocamera reflex, una Nikon D70 — piuttosto pesante, tra parentesi. Ho scattato quella foto da un'altezza di circa 6.500 metri sopra il livello del mare.

E la montagna catturata dalla sua Nikon D70? Il picco Chapaev nella catena di Tien-Shan, da tutt'altra parte rispetto alla più grande catena dell'Himalaya, che attraversa Kazakistan, Kirghizistan, Cina e Uzbekistan. Il Monte Everest si trova nella catena delle montagne Mahalangur in Nepal e in Tibet.

Il Chapaev è un po’ meno suggestivo dell'Everest, tuttavia come molte montagne nella regione un tempo comunista dell'Asia Centrale, è ancora alquanto fotogenico.

Dopo la rivelazione, i kazaki si sono rivolti ai social media, suggerendo di utilizzare l'immagine come parte di un'ironica campagna promozionale nazionale, con “migliore dell'Everest” fra i potenziali slogan.

C'è comunque una coraggiosa ironia mescolata all'umorismo.

Nonostante uno scenario idoneo a diventare una star cinematografica, Hollywood non ha fretta di trasformare la regione in un luogo per un film mozzafiato e di successo nel prossimo futuro.

Diversamente dalla Mongolia, il cui nome evoca un certo fascino che corrisponde alla sua remota realtà, i paesi i cui nomi finiscono per ‘Stan’ convogliano un'oscurità svuotata da qualsiasi romanticismo.

Il vasto Kazakistan, pur non essendo mai stato scelto come scenario cinematografico per una significativa opera in lingue inglese, è diventato lo scenario narrativo di alcuni film, nessuno dei quali ha aiutato gli instancabili tentativi del governo di forgiare un marchio internazionale positivo.

Questi film includono il successo di incassi Air Force One, dove la nazione si trova sotto il controllo di un corrotto regime militante, supportato da armi nucleari rubate, e il remake del 2002 del classico del 1970, Rollerball, stroncato da un recensore come “un guazzabuglio incoerente, uno zibaldone di filmati in cerca di trama, significato, ritmo e senso”.

Per molti critici armati di popcorn, poi, la nazione sarà per sempre associata al falso documentario [it] di Sacha Baron-Cohen del 2006, Borat, che pur essendo ‘sulla’ nazione dell'Asia Centrale nel senso più anticonformista e satirico, è stato in realtà filmato in Romania.

Se vi dovesse mai capitare di intraprendere una conversazione con qualcuno proveniente dal Kazakistan, è meglio dimenticarsi di averlo mai visto…

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.