chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Con il proliferare degli spazi online per molestatori sessuali, le autorità di Hong Kong faticano a tenersi al passo

Foto da Hong Kong Free Press. Utilizzo autorizzato.

Questo articolo è stato originariamente scritto da Jennifer Creery e pubblicato su [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] Hong Kong Free Press l'8 settembre 2018. La versione che segue viene ripubblicata su Global Voices secondo un accordo per la condivisione dei contenuti.

A indurre l'attivista Emilia Wong ad agire è stata la gran quantità di messaggi, nei quali i 10.000 utenti di un gruppo su Telegram condividevano immagini esplicite di donne senza il consenso delle stesse.

Wong è un'attivista online che gestisce un blog dedicato alle questioni di genere, [zh] in cui pubblica saggi sull'autonomia fisica. Dopo essere rimasta per 6 mesi a osservare passivamente il gruppo su Telegram, ha pubblicato sulla sua piattaforma una serie di schermate impressionanti. Il risultato è stato un furore mediatico che ha innescato un intenso dibattito sulle tutele legali previste per le vittime di reati sessuali legati agli smartphone.

Il gruppo Telegram, “Street Shooting Valley @callginhk”, era attivo sull'applicazione di messaggistica da oltre un anno, e aveva accumulato un affezionato seguito di guardoni che inviavano oltre 100 nuove foto esplicite al giorno. Il loro nome fa riferimento alla pratica di scattare di nascosto foto sotto la gonna (upskirting [it] in inglese) di donne in strada e di condividerle poi online. Fra quelle immagini ci sono però anche dei nudi e alcuni, secondo Wong, sono di ragazze minorenni. Secondo l'attivista:

Their values are really twisted…They treat women as extremely sexual objects. They think that a woman’s worth is solely invested in her sexuality and how appealing she is to men.

I loro valori sono davvero distorti….trattano le donne come oggetti prettamente sessuali.
Pensano che il valore di una donna risieda esclusivamente nella sua sessualità e nell'essere attraente per un uomo.

Secondo la sezione 161 dell'ordinanza sui reati, una persona condannata per “accesso ad un computer con intento criminale o disonesto” (smartphone incluso) è punibile con 5 anni di reclusione. Tuttavia, al momento i procedimenti giudiziari sono sospesi fino al prossimo anno, quando la corte finale di appello preciserà la legge in merito a un caso controverso.

Gli utenti di @callginhk hanno plaudito al ritardo, Amy (uno pseudonimo), che si è unita al gruppo dopo essere stata fotografata sotto la gonna lo scorso luglio, ha spiegato:

I was on the MTR and a man tried to follow me, like a detective…He was obviously taking photos of me, because his phone was at his stomach or knee area, in quite a low position… I was frightened and thought he might have mental problems.

Ero nella metropolitana e un uomo mi seguiva, come un detective… Mi stava ovviamente fotografando, perché il suo telefono era a livello dello stomaco o del ginocchio, in una posizione piuttosto bassa… Ero spaventata e ho pensato che potesse avere problemi mentali.

Il suo amico le ha poi detto che le immagini potevano essere andate a finire in un gruppo di guardoni su Telegram, un'applicazione divenuta popolare nella comunità perché utilizza un sistema sicuro di criptaggio dei dati. Dopo aver appreso il nome del gruppo dall'amico, Amy ci si è iscritta:

When I entered, there were so many members…I was shocked and afraid because I thought Hong Kong was a safe space, but now I doubt its safety.

Sono entrata e ho visto che c'erano così tanti iscritti… ero scioccata e spaventata perché pensavo che Hong Kong fosse un posto sicuro, ma ora dubito della sua sicurezza.

Un rappresentante della piattaforma di social media per i diritti delle donne The Asian Feminist, ha detto a Hong Kong Free Press che la scarsa protezione legale delle donne in città le rende vulnerabili:

Hong Kong generally has lagged behind in tackling violence against women, from domestic violence to upskirting. There is currently no law specifically to tackle upskirting, and from what we read from media reports about the crime, the punishment tends to be light, like the 18-month probation given to a doctor who took upskirting photos of hospital patients.

Hong Kong in generale è in ritardo nell'affrontare la violenza contro le donne, da quella domestica all’ upskirting. Attualmente non esiste una legge specifica contro una simile pratica e, in base a quanto riportano i media, la pena tende ad essere leggera, come nel caso dei 18 mesi di libertà vigilata inflitti a un medico che aveva scattato foto di questo tipo ai pazienti in ospedale.

‘Si credono degli eroi’

Le immagini di @callginhk tracciano un ritratto spietato degli utenti del gruppo: narcisisti patentati e rozzi. Wong ha commentato:

They think they are heroes…If a woman is not physically attractive to them, then she is basically worthless. They only treat them as pieces of meat, It’s quite degrading.

Si credono degli eroi… Se una donna non li attrae fisicamente, allora è sostanzialmente senza valore. Trattano le donne come se fossero pezzi di carne, è piuttosto umiliante.

Ha poi spiegato che gli appartenenti al gruppo ritengono che per una donna sia in realtà un onore essere fotografata da loro, perché questo è un segno del loro apprezzamento nei suoi confronti.

La stessa Wong è una sostenitrice dell'autonomia fisica e invia nudi non espliciti a un piccolo gruppo online:

I would post more revealing pictures and say that women have the right to wear what they want and still be respected.

Potrei pubblicare immagini più eloquenti e dire che le donne hanno il diritto di indossare quello che vogliono, e di essere comunque rispettate.

In un mondo in cui la comunicazione è onnipresente e la parola (o l'immagine) viaggia veloce, le immagini pubblicate da Wong hanno ben presto raggiunto il gruppo Telegram. Ed ecco che gli iscritti hanno criticato l'attivista anche per l'aspetto fisico: “Riportiamo tutti i post della st****a cicciona”, ha esortato l'utente Thomas Chan, mentre un altro, Kit Hey, ha scritto: “Ci sono probabilmente migliaia di persone che odiano la st****a cicciona”. Un utente su Facebook le ha dato della prostituta part-time.

Il suo attivismo ha provocato una valanga di attacchi online, tra cui minacce di morte e messaggi e-mail ai suoi insegnanti e datori di lavoro. Ciò non ha scosso la determinazione di Wong, che ha invece annunciato l'intenzione di creare un sistema online per denunciare abusi e utenti molesti:

It’s like a balancing strategy, to make them feel like they are not as safe in those groups.

È una sorta di strategia di bilanciamento, per far sì che gli appartenenti a quei gruppi si sentano meno sicuri.

Tecnologia semplice

Su Taobao, un popolare sito di shopping online di proprietà di Alibaba, le telecamere spia camuffate da penne e chiavi di auto si vendono a soli 160 dollari di Hong Kong (cioè 17 euro). Sono oggetti che chiunque può comprare, il che li rende un facile strumento a disposizione dei guardoni dell’ upskirting. Wong ha aggiunto:

In [@callginhk] they have discussed how to take these pictures better. They talk about the cameras that are hidden in glasses, in your specs, in zippers, in shoes…They ask whether anyone has bought these cameras, and are these cameras usable…From some of the pictures, you can see that the angle is really weird, as if there’s a camera in someone’s shoes, because it’s impossible for the angle to be that low if you’re holding a normal camera or your phone – so I think someone has bought it and is using it in Hong Kong now.

In [@callginhk] si sta discutendo su come migliorare il modo di scattare le foto. Parlano di macchine fotografiche nascoste negli occhiali, nelle cerniere, nelle scarpe… Chiedono se qualcuno le abbia comprate e se siano utilizzabili… In alcune immagini, si può vedere che l'angolazione è davvero strana, come se la macchina fotografica fosse nelle scarpe di qualcuno, perché un'angolazione tanto bassa è impossibile se si tiene normalmente in mano una fotocamera o un telefono – quindi penso che ci sia gente che l'ha comprata e che la stia usando adesso a Hong-Kong.

Un problema per le autorità che affrontano le molestie sessuali online è costituito dal rapido avvicendamento di gruppi come @callginhk. Non appena un gruppo viene scoperto, lo si cancella rapidamente e lo si sostituisce con un altro dal nome diverso. “Telegram è al momento la piattaforma più pericolosa perché al suo interno i malintenzionati si sentono al sicuro”, ha detto Wong.

L'attivista ha aggiunto che i suoi tentativi di segnalare il gruppo alla polizia sono stati vani:

I have contacted the police, but I think their actions are rather slow… only after these things were exposed to the media that they really did their follow-up. Before, they didn’t really reply [to] me…I don’t think the police can really adjust to the fast-changing environment of social media and the internet era.

Ho contattato la polizia, ma penso che il loro intervento è piuttosto lento… è solo dopo che le cose sono state portate all'attenzione dei media che hanno veramente fatto qualcosa. Prima non mi rispondevano in realtà… non credo che la polizia possa davvero stare al passo con i rapidi cambiamenti dell'era dei social media e di internet.

In una nota ad HKFP, la polizia ha dichiarato che le indagini sull'incidente sono in corso:

The Police remind the public that the cyber world of the internet is not a virtual space beyond the law. Under the laws of Hong Kong, most of the ordinances stipulated in the real world may also apply for the cyber world.

La Polizia ricorda ai cittadini che il mondo cibernetico di internet non è uno spazio virtuale al di fuori della legge. Secondo le leggi di Hong Kong, la maggior parte delle norme in vigore nel mondo reale può valere anche per il mondo digitale.

Telegram non ha risposto alle molteplici richieste di chiarimenti da parte di HKFP. @callginhk non funziona più come prima: gli amministratori hanno vietato le foto di nudo e quelle sotto la gonna, ma gli utenti hanno ancora la possibilità di accedere a decine di link che rimandano a gruppi di pornografia e prostituzione. Data l'abbondanza di altri gruppi tra i quali muoversi, la fine non sembra essere in vista.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.