chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Un'ondata di episodi di bracconaggio oscura l'impegno per la salvaguardia delle tigri in Nepal

Bengal Tiger - Panthera Tigris. Image from Flickr by Shaunak Modi. CC BY 2.0

La tigre del Bengala – Panthera tigris. Immagine di Shaunak Modi da Flickr. CC BY 2.0

Più di una dozzina di tigri ammazzate in un anno [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]: sono gravi notizie, per una nazione che è stata celebrata per il suo record di terzo anno di “zero bracconaggio” di rinoceronti.

La maggior parte sono state cacciate di frodo nel e intorno al Parco Nazionale di Bardia, ha riportato [ne] il quotidiano Annapurna Post. Non molto tempo fa, la nazione celebrava il fatto che non una singola tigre era stata uccisa nell'arco di un anno da febbraio 2013 a febbraio 2014.

Poiché i bracconieri portano via con sé la carcassa dell'animale, i casi di bracconaggio sono difficili da monitorare [it]. L'intero corpo di una tigre, dalle unghie, alla pelle e ossa alla carne, viene messo in vendita sul mercato internazionale dai bracconieri. Solo quando i meschini commercianti vengono scoperti con le pelli e ossa di tigre in loro possesso, le autorità apprendono che gli animali sono stati uccisi dalle bande nel commercio illegale.

Nel 2015, la polizia ha catturato bracconieri con pelli e ossa di tigre in diverse località della nazione. Grazie all'interessamento delle autorità, è stato arrestato un bracconiere rimasto latitante per anni dopo aver ucciso la prima tigre del Nepal dotata di collare con GPS (sistema di posizionamento globale, Global Positioning System), Namo Buddha. Tuttavia, il frequente avvistamento del popolo nomadico di Banjara nel Nepal occidentale è un motivo di preoccupazione per gli ambientalisti e le agenzie per la sicurezza, poiché in passato sono stati coinvolti in bracconaggio e commercio illegale di parti di tigri.

Raddoppiamo il numero di tigri entro il 2022

Nonostante il bracconaggio di tigri rimanga un grave problema, l'ultimo censimento mostra che le tigri sono aumentate di numero del 63% rispetto al censimento precedente. L'ultimo censimento ha rilevato 198 tigri.

La popolazione di tigri in tutto il mondo sta aumentando per la prima volta in 100 anni, grazie all'aumento di tigri in India, Russia, Nepal e Bhutan.

Il Governo del Nepal, insieme alle organizzazioni ambientaliste come il WWF- Fondo Mondiale per la natura e il NTNC – Fondo Nazionale per la Salvaguardia Naturale, vuole raddoppiare il numero di tigri entro il 2022. Questo obiettivo non è un sogno così lontano, se la tendenza ad aumentare il numero di tigri continua, ma è necessario debellare il bracconaggio.

Nel 2010, i governi di India, Russia, Nepal e Bhutan hanno promesso di raddoppiare il numero di tigri selvatiche entro il 2022.

Rari avvistamenti di tigri

Mentre il numero di tigri aumenta, è raro vedere una tigre allo stato selvatico in Nepal. Quando qualcuno ci riesce, è degno di nota, nel bene o nel male.

Il giornalista Ujjwal Acharya ha inviato un tweet, quando il suo team si è imbattuto in una tigre nel Parco Nazionale di Chitwan in Nepal.

Mi sento fortunato e felice per aver visto una tigre durante un safari nella giungla nel Parco Nazionale di Chitwan il 1 gennaio 2016. Ammirateci!

Nel febbraio 2016, la notizia di un turista olandese, Gerard Van Laar, salvato da una guida locale da una tigre che non lo lasciava scendere da un albero, è diventata virale nelle tendenze dominanti e nei social media. Van Laar è sopravvissuto aggrappandosi ad un albero per due ore, mentre la tigre lo aspettava sotto l'albero.

Nepal – Turista olandese sopravvissuto ad attacco di tigredice di essere fortunato ad essere vivo.

Il fascino delle celebrità per le tigri del Nepal

Questi magnifici animali non affascinano solo la gente comune, ma anche le celebrità di alto livello. Quando il principe inglese Harry ha visitato il Parco Nazionale di Bardia in Nepal, ha imitato una tigre, rannicchiandosi e camminando, ed è stato ripreso da una fototrappola per il monitoraggio degli animali.

Ispezionando una fototrappola usata per monitorare le tigri. Bardia è l'habitat di 50 tigri – erano solo 18 nel 2009 #HarryinNepal

Leonardo DiCaprio, vincitore del premio Academy Award, non fa eccezione. Ha donato 3 milioni di dollari per la salvaguardia delle tigri quando ha visitato il Parco Naturale di Bardia.

‘Le più grandi zone di progresso nella salvaguardia delle tigri’ in Nepal entusiasmano Leonardo Di Caprio.

Per combattere il bracconaggio, le organizzazioni ambientali si sono unite per organizzare attività di sensibilizzazione lungo il confine con l'India, nel Nepal occidentale. Oltre agli sforzi di celebrità, ambientalisti e comunità che sono stati cruciali nella salvaguardia dei felini [dal pelo] rigato, una recente relazione sulla superficie forestale aumentata di oltre il 5% in Nepal è un altro squarcio di luce nella nube.

Buone notizie: la superficie delle foreste in Nepal è aumentata!

La coordinazione tra le allarmate autorità governative, le organizzazioni ambientali e le comunità sarà cruciale se il numero di tigri raddoppierà entro il 2022. E salvaguardarle sarà a sua volta cruciale per l'ecosistema e avrà un impatto sulla sopravvivenza della stessa umanità [ne]:

Salvaguardando la tigre, salvaguardiamo la foresta e la foresta salvaguardata salvaguarderà la tigre. Salvaguardiamo gli esseri umani su questo pianeta salvaguardando la tigre e la foresta.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.