chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Flora e fauna segnalano i visibili effetti del cambiamento climatico in Nepal

Rhododendron and Himalayas, Image from Flickr by Andrew Miller. Annapurna Sanctuary, Nepal. CC By-NC

Rododendri e Himalaya. Immagine di Andrew Miller. Annapurna Sanctuary, Nepal. CC BY-NC

Il mondo è entusiasta per l’accordo finale approvato da 195 nazioni [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] presso la Conferenza delle Parti a Parigi (COP) 21. I governi si sono impegnati a mettere limiti alle emissioni di gas serra per evitare che le temperature aumentino di 2 gradi centigradi rispetto ai livelli preindustriali, un limite oltre il quale gli scienziati temono che le conseguenze del cambiamento climatico potrebbero diventare catastrofiche.

L'accordo mette l'accento sul sostegno alle nazioni emergenti e le nazioni meno sviluppate come il Nepal, il cui contributo al riscaldamento globale è stato minimo, ma che sono già vittime degli impatti visibili del cambiamento climatico.

Mustang, il distretto nepalese dell'Himalaya famoso per le sue mele, non ha osservato nessuna produzione di mele nei frutteti dei Comitati di Sviluppo dei Villaggi di Lete e Kunzo negli ultimi anni. Gli esperti associano questo agli effetti del cambiamento climatico.

Republica: Frutteti di mele scomparsi nei villaggi di Mustang a causa del cambiamento climatico.

Nell'ottobre [2015], gli avvoltoi che si trovano nelle pianure del sud del Nepal sono stati avvistati nel distretto collinare di Myagdi. Secondo gli ornitologi, i volatili si sono forse trasferiti in volo in cerca di un clima più fresco, per sfuggire alle temperature sempre più calde delle pianure.

Uccello Tarai avvistato nel terreno acquitrinoso di Kaski.

Analogamente, i birdwatcher [osservatori di uccelli] hanno recentemente avvistato tarabusi gialli (Ixobrychus sinensis) a un'altitudine di 900 metri nel distretto collinare di Kaski. L'uccello migratorio vive solitamente a 250 metri sopra il livello del mare nelle pianure.

Inoltre un gabbiano testabruna che vive a livello del mare è stato recentemente avvistato al Lago Phewa nel distretto di Kaski.

I rododendri hanno iniziato a fiorire prima, cominciando a metà gennaio, mentre solitamente fiorivano verso metà febbraio, ha riportato il quotidiano Gorkhapatra.

Persino l'indicatore di metà febbraio per il fiore nazionale del Nepal è cambiato: è fiorito nel mese di febbraio negli ultimi anni, mentre in passato fioriva tra marzo e aprile.

La fioritura di un fiore nell'Himalaya ha proclamato a lungo l'inizio della primavera, ma adesso la sua fioritura è troppo precoce.

Senza menzionare che la prematura fioritura del rododendro nell'Himalaya è stata collegata al cambiamento climatico.

Anche la ricerca del Fondo Mondiale per la Natura (WWF) sulla migrazione della pica e della farfalla Apollo a zone più elevate dell'Himalaya, a causa del riscaldamento globale, ha allarmato gli scienziati.

Lo sapevate che la pica è una specie indicatrice del cambiamento climatico? Sono anche adorabili.

Le farfalle Apollo [it], che vivono a 3.000 metri sopra il livello del mare, si sono trasferite 500 metri sopra il loro habitat naturale, mentre la pica si è spostata 100 metri più in alto nella regione di Langtang in Nepal.

La ricerca illustra anche il trasferimento della specie di farfalle Pieris da 1.800 a 2.200 metri e, inoltre, un cambio percepibile nel loro ciclo di vita.

Questi impatti visibili del cambiamento climatico sono come canarini in una miniera di carbone, tuttavia il governo del Nepal, per far fronte al blocco non ufficiale dell'India (vedere l’articolo di Global Voices), ha distribuito molta legna da ardere della foresta, scatenando la furia degli ambientalisti.

I leader mondiali sono a Parigi per il cambiamento climatico. Contemporaneamente, il governo del Nepal sta distribuendo legna da ardere come alternativa. #energia #COP21

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.